Questa pratica domestica ti aiuterà a respirare e a rilassarti profondamente

“Inspira, alza le braccia. Espira, piegati in avanti. Inspirare, sollevarsi fino a una mezza curva in avanti. Espirare passo, o saltare, torna a Chataurunga. "

Come studente di yoga, sono sicuro che riconosci questa frase da quasi tutte le lezioni di Vinyasa in cui hai praticato. Ironia della sorte, la frase più frequente che sento dagli studenti dopo aver insegnato a un corso di Vinyasa è: "Amo lo yoga, ma non riesco a respirare". È allora che di solito rido e dico: "Certo che hai la parte del respiro! Sei vivo!"

Vedi anche  Esercitazioni a casa di questo mese: 16 pose per stimolare l'ispirazione

Tutti gli esseri umani inspirano ed espirano 24 ore su 24, 7 giorni su 7, ma raramente siamo consapevoli del respiro nel corso della nostra vita quotidiana. È durante una pratica yoga che abbiamo l'opportunità di diventare più consapevoli dei nostri schemi respiratori. Diamo un'occhiata alla qualità, al ritmo, alla pienezza e alla consistenza delle nostre inspirazioni ed espirazioni; ci fermiamo e apprezziamo la profonda capacità del respiro di creare vitalità e benessere. Man mano che diventiamo più consapevoli del nostro respiro, sorge naturalmente la domanda: perché dobbiamo portare consapevolezza al respiro quando la respirazione avviene automaticamente?

La risposta è triplice. In primo luogo, a livello fisico, se coordiniamo il movimento con il respiro, il movimento diventa più efficace ed efficiente. Quindi, da una prospettiva fisiologica, il respiro regola le risposte nervose simpatiche e parasimpatiche (il sistema nervoso autonomo). Infine, da un punto di vista psicologico, questa regolazione può aiutarci a coltivare migliori tecniche di gestione dello stress. In altre parole, quando gestiamo la qualità del nostro respiro, abbiamo la capacità di influenzare le nostre risposte di rilassamento.

Vedi anche  Come costruire una pratica domestica

È importante tenere presente che il respiro è tridimensionale. I nostri polmoni si espandono e si condensano avanti e indietro, lateralmente e su e giù. Preparando i muscoli del corpo a supportare questi cambiamenti di forma naturali, la tua capacità respiratoria sarà notevolmente migliorata, il movimento sarà più efficace e le reazioni del sistema nervoso autonomo sosterranno una maggiore resilienza. Poiché la maggior parte delle persone ha squilibri posturali e muscolari, il corpo deve essere innescato attraverso posture yoga per ottenere i massimi risultati dalla respirazione.

La sequenza seguente preparerà il tuo corpo alla respirazione ottimale e, come risultato felice, al rilassamento. Allungando e liberando spazio nei muscoli tesi, rafforzando i muscoli posturali deboli e tonificando il diaframma, il muscolo principale della respirazione, otterrai un respiro più profondo ed efficiente.

Questa sequenza ti aiuterà a respirare e rilassarti

Movimento del gatto (Chakravakasana)

1/7

Raccomandato

Apri il tuo cuore: una playlist di yoga di 60 minuti per l'Anahata Chakra
Risveglia la tua pratica yoga con la consapevolezza del respiro
Sandali da meditazione delle migliori donne