Quando lo yoga diventa psicoterapia

Mia madre è una psicoterapeuta. Sono diventato un insegnante di yoga per lo stesso desiderio di guarire. Sono stato incuriosito dalla capacità dello yoga di affrontare contemporaneamente corpo e mente: le questioni emotive che potrebbero richiedere anni per essere risolte nella terapia convenzionale sono state invece portate a galla fisicamente e le cause della malattia fisica spesso potevano essere dedotte attraverso la conversazione.

Per me l'unione di yoga e psicoterapia è stata naturale. Gli studenti venivano nella mia classe non solo per aver bisogno di un allenamento fisico, ma spesso con un grande dolore emotivo. Per coloro che rimanevano dopo le lezioni a parlare, passavo del tempo ad ascoltare i loro problemi e cercare di guidarli nel loro percorso di guarigione. La maggior parte delle volte quei rimedi sarebbero un esercizio o una meditazione. Ma altre volte, parlavo con loro con la franchezza del mio insegnante, Yogi Bhajan, il Maestro di Kundalini Yoga, che spesso non lasciava nemmeno che i suoi studenti finissero le frasi prima di leggere la loro energia e le istruzioni di dispensazione.

Non sono mai arrivato a questo punto, ma avventurarmi nel "parlare terapeutico" con i miei studenti mi spaventa un po ', in parte perché mi viene così facilmente. Dopotutto, sono solo un insegnante di yoga, addestrato solo sugli effetti di alcune serie di esercizi su corpo, mente e spirito. Non sono uno psicoterapeuta. Non ho una laurea specialistica in psicologia o assistenza sociale, né ho alcuna formazione nel distacco clinico che i terapisti usano per proteggere le persone a loro affidate. Questa è roba seria e, come insegnante di yoga, ho avuto studenti con problemi seri: dipendenze, disturbo bipolare. Dio non voglia che oltrepassi i miei limiti e dica la cosa sbagliata.

Nelle classi in cui i nostri studenti vengono per curare ferite sia fisiche che emotive, possono rivolgersi a noi per chiedere consigli, non sulle posizioni, ma sulle relazioni, le difficoltà, le questioni morali ed etiche e altro ancora. Molti di noi non sono preparati per quel tipo di connessione e responsabilità. Come si naviga nel fluido confine tra insegnante e terapeuta? La risposta spesso dipende da come sei stato addestrato.

Yoga della vecchia scuola: mantieni il labbro superiore rigido

Anni fa, Angela Farmer praticava nello studio di BKS Iyengar in India. Nel pomeriggio, Iyengar metteva i suoi studenti in curva per mezz'ora alla volta, cosa che Farmer trovava atroce. Qualcosa si è liberato dentro di lei, e ogni giorno le lacrime scorrevano dai suoi occhi in pozzanghere sul pavimento.

"Questo è andato avanti senza menzionarlo", dice Farmer, "finché un giorno Iyengar ha detto semplicemente: 'Hai smesso di piangere'".

Lungi dall'aver elaborato le sue emozioni, ora crede Farmer, era semplicemente arrivata a un luogo in cui poteva trattenere più stress dentro di sé.

"Eri scoraggiato dall'esprimere emozioni", dice Farmer parlando della sua pratica Iyengar. Ora una rinomata insegnante di yoga a pieno titolo, Farmer afferma che è difficile per gli insegnanti di yoga formati principalmente in discipline fisiche relazionarsi con le scoperte emotive e le rotture che spesso derivano dalla pratica dello yoga. "Quando ciò accade ai loro studenti", dice, "vengono sbilanciati".

Per Farmer, trovare un modo per aiutare i suoi studenti significava trovare un diverso tipo di pratica per se stessa. "Mi sono reso conto che un intero lato di me non poteva essere lì."

New Age Yoga: vieni da mamma

"Non tutti fanno quello che ci è stato insegnato a fare", dice Gurmukh Kaur Khalsa, fondatore del Golden Bridge Yoga e insegnante di Kundalini Yoga per più di tre decenni. "Ci è stato dato un intero stile di vita, non solo uno stile mat. Altrettanto importante come asana, ci è stato insegnato come funziona la mente e come aiutare le persone a raggiungere la loro mente neutra".

E li aiuta lei. Dopo le lezioni di Gurmukh, di solito c'è una lunga fila di studenti in attesa di parlarle.

"Per aiutare le persone", dice Gurmukh, "devi sapere dove sono". Alcuni guaritori possono leggere le aure, dice Gurmukh, ma la maggior parte degli insegnanti deve ascoltare le storie dei propri studenti.

Lo strumento yogico più frequentemente prescritto da Gurmukh è la meditazione di 40 giorni, un veicolo per esercizi che Gurmukh sceglie a mano per ogni studente. Ma il rimedio supremo di Gurmukh è la sua stessa energia di Madre, le ore che trascorre semplicemente ad ascoltare gli studenti.

"Se non sono attrezzato per aiutarli", dice Gurmukh, "ho un'intera rete di persone [che possono]". La sua rete include dozzine di medici, psichiatri, agopuntori, chiropratici e altri. "Se qualcuno ha il cancro, non ho intenzione di metterlo su un succo veloce. Lo manderò a qualcuno che lo aiuterà a lungo termine."

Vedere i confini, esplorare le possibilità

Molti di questi rinvii vanno alla dottoressa Barbara Wingate, psichiatra con sede a Filadelfia, professoressa presso l'Università della Pennsylvania e insegnante di Kundalini Yoga certificata che usa lo yoga nel trattamento dei suoi pazienti psichiatrici.

Sarah (il suo vero nome e i dettagli personali sono stati cambiati) era una studentessa di medicina con una "depressione significativa", dice Wingate. Sarah stava andando via per tre mesi e non voleva prendere medicine. Wingate rispettava l'integrità di Sarah, ma anche lei era preoccupata.

"A metà della sessione", dice Wingate, "mi sono sdraiato sul pavimento e ho detto: 'Lascia che ti dia uno strumento. Ti insegnerò Stretch Pose e Breath of Fire'".

Le preoccupazioni di Wingate sull'apparire anticonvenzionale sono state attenuate quando Sarah si è sdraiata sul pavimento e ha fatto l'esercizio con lei.

Tuttavia, Wingate è molto più cauto nell'usare la sua conoscenza psichiatrica nello studio di yoga.

"Come insegnante di yoga, voglio mantenere un confine chiaro", spiega Wingate. "Non credo che se le persone vengono da me per un corso di yoga, dovrei trattarle con la psichiatria".

"A meno che non siamo terapisti addestrati, non siamo terapisti", dice Blake Martin, un insegnante-formatore di Thai Yoga in Canada. "Ci sarebbero enormi problemi di responsabilità in Canada se dovessi andare a consigliare qualcuno".

Allora come fai a sapere dove si trova la linea? Secondo Martin: "Non appena faccio qualcosa di diverso dall'ascolto attivo, l'ho superato. Non appena do loro un consiglio e dico: 'Pensi che riguardi tua madre?'

"Non credo sia tua responsabilità aggiustare le persone una volta che riconoscono di avere un problema", continua Martin, "ma non dovresti semplicemente abbandonarle. Non puoi scappare e dire: 'Beh, sembra Stai piangendo, ho qualcos'altro da fare. ' È tua responsabilità guidarli in quel momento. "

Luci guida

Quindi come guidiamo i nostri studenti quando non siamo sicuri della nostra capacità di farlo? Ecco alcuni suggerimenti per aiutarti ad aiutarli, responsabilmente.

Usa il tuo barometro emotivo. Alcuni insegnanti che offrono naturalmente terapia emotiva possono avere difficoltà a percepire quando hanno oltrepassato il confine dall'insegnamento alla terapia. Quindi come fai a saperlo?

Il tuo miglior barometro, dice Wingate, è emotivo. "Se sei troppo eccitato per insegnare oggettivamente, se qualcosa ti fa sentire emotivo, potrebbe essere un problema che colpisce troppo vicino a casa. Quando inizi a sentirti sbilanciato, è allora che lo sai."

Se vai regolarmente troppo lontano, dice Wingate, alla fine riceverai lamentele.

Tieni lo spazio. La cosa più sicura e migliore da fare per i nostri studenti è, fortunatamente, la più terapeutica: ascolta e basta. Tieni lo spazio. "Non puoi creare uno spazio in cui possano sentirsi al sicuro se non ti senti al sicuro", afferma Farmer. "Quello che cerco di fare è essere aperto a qualsiasi cosa accada. Cerco di rimanere dentro me stesso e ascoltare da lì".

Crea una squadra da sogno. Soprattutto se sei un insegnante che è meno a suo agio con la consulenza, Gurmukh consiglia di fare rete per trovare i migliori guaritori nella tua comunità. "Devi avere un sacco di gente", dice Gurmukh. Assembla un gruppo di professionisti a cui puoi indirizzare i tuoi studenti. In questo modo, quando sorgono problemi che sono fuori dalla tua portata, non lascerai i tuoi studenti al freddo.

La prossima volta che hai la tendenza a confortare e consigliare uno studente con le lacrime agli occhi, fai un passo indietro e analizza la situazione. Sebbene la tua voglia di consigliare possa essere forte, è necessaria una sana cautela. In ogni caso, non puoi sbagliare se permetti al tuo intuito, alla mente neutra e all'elenco di referral di parlare per te.

Dan Charnas ha insegnato Kundalini Yoga per più di un decennio e ha studiato con Gurmukh e il defunto Yogi Bhajan, Ph.D. Vive, scrive e insegna a New York City.

Raccomandato

Piegamento in avanti dalla testa al ginocchio
13 ritiri di yoga che puoi effettivamente permetterti nel 2018
8 passaggi per padroneggiare e perfezionare la posa dell'albero