La popolarità di Green Yoga Studios

Applicando la filosofia antica alle odierne preoccupazioni ecologiche, gli yogi sono ispirati a costruire studi di yoga verdi.

Il Flow Yoga Center di Washington, DC, è un'oasi ariosa e ricca di piante, con pareti dai toni caldi, pavimenti scintillanti che si sentono bene sotto i piedi e grandi finestre con tende colorate che lasciano entrare molta luce. Lo studio è anche un esempio lampante di design sostenibile. Dalla vernice no-VOC (composto organico volatile) sulle pareti e l'isolamento in denim dietro di loro al ventilatore a soffitto Energy Star e ai servizi igienici a basso flusso, ogni elemento è stato scelto pensando all'ambiente. I pavimenti sono bambù e sughero raccolti in modo sostenibile e Marmoleum. L'abbondante luce naturale è completata da lampadine fluorescenti. Il top in PaperStone del bagno è realizzato con carta riciclata. Anche le piante - felci, ragno e bambù - sono state scelte per la loro capacità di ridurre l'inquinamento atmosferico.

L'apprezzamento della proprietaria Debra Perlson-Mishalove per la natura si è sviluppato durante un'infanzia trascorsa in campeggio e giocando all'aperto, ma il suo senso più profondo di se stessa come amministratore dell'ambiente è venuto dopo, come risultato dei suoi studi sullo yoga. "Man mano che la mia pratica si approfondiva, sono diventata più consapevole dell'interconnessione e dell'interdipendenza della vita su questo piccolo pianeta", dice. "Lo yoga ci offre una filosofia pratica che incoraggia l'armonia e la consapevolezza nel modo in cui ci connettiamo con noi stessi e con il mondo che ci circonda".

La vita sostenibile è una parte importante dello stile di vita di Perlson-Mishalove (suo marito le ha toccato il cuore per la prima volta portando le sue bacchette e il suo contenitore per il trasporto al ristorante al loro primo appuntamento), quindi quando ha deciso di aprire il suo studio nel 2004 in un vecchia casa a schiera DC che necessitava di una completa ristrutturazione, un edificio verde è stata una scelta naturale.

"Essere consapevoli dell'ambiente è in realtà solo essere coscienti, punto", dice Perlson-Mishalove, che insegna Vinyasa Yoga. "È sapere che le mie azioni hanno un effetto su di me e sul mondo che mi circonda, e sforzarmi di causare il minor danno possibile a entrambi".

L'attenzione di Perlson-Mishalove alla sostenibilità non è un'anomalia in un settore in cui il concetto di ahimsa (nonviolenza) è spesso scritto nel piano aziendale. Il Flow Yoga Center fa parte della crescente tendenza tra i proprietari di studi di yoga per ridurre l'impatto che i loro studi hanno sul pianeta e, alcuni direbbero, per onorare le vere radici dello yoga. Dal Sun Salutations Yoga situato in un ex garage a Buxton, nel Maine, al Core Power Yoga con sede a Denver, che ha 29 sedi in tutto il paese, gli studi di yoga stanno costruendo e ristrutturando sempre più green.

Perché gli yogi si preoccupano di diventare verdi?

Yoga ed ecologia non sono un binomio radicale. La connessione dello yoga al mondo naturale è intrinseca che ci viene ricordata ogni volta che facciamo un saluto al sole o un cane verso il basso, o sentiamo il nostro insegnante usare parole come "radice" e "terra". L'attuale movimento dello yoga verde potrebbe essere meglio descritto come una manifestazione moderna dell'antica pratica degli yogi che vivono in armonia con il loro ambiente.

"Tradizionalmente, tutta la pratica dello yoga era verde, con lo yoga insegnato e praticato all'aperto, forse sotto un albero, con o senza un tappetino da yoga, che sarebbe stato fatto di paglia", afferma Christopher Key Chapple, professore di teologia indiana e comparata e il direttore del programma Yoga Philosophy presso la Loyola Marymount University di Los Angeles. La coscienza espansa che acquisiamo nello yoga può ricondurci a quel luogo di connessione, permettendoci di sperimentare l'interconnessione dei nostri mondi interni ed esterni, e quindi agire da quel luogo di connessione nella nostra vita quotidiana, dice Chapple, che è un fondatore membro della Green Yoga Association.

Mentre gestire un'attività può metterti in rotta di collisione con le pratiche di ahimsa e aparigraha (il precetto yogico che suggerisce di coltivare l'opposto dell'avidità), i proprietari degli studi stanno scoprendo che le innovazioni nella bioedilizia e nel design offrono l'opportunità di impregnare l'aspetto fisico dei loro affari con la coscienza yogica. Per molti proprietari di studi, la sostenibilità nella progettazione e nelle operazioni del loro studio è la scelta ovvia, e in effetti l'unica, ". Più semplicemente, volevo avere lo spazio per respirare più pulito possibile, utilizzando materiali naturali quanto più possibile", afferma Jill Sockman , proprietario di Blue Lotus a Raleigh, North Carolina. "Quando l'istruttore dice:" Fai un respiro profondo ", l'aria che i nostri studenti respirano è pulita. Quando si piegano in Uttanasana (Standing Forward Bend), le loro mani toccano una superficie naturale."

Vedi anche Costruisci una pratica di yoga verde

La difficoltà di costruire studi verdi

Lo standard per la definizione di "verde" quando si tratta di certificazione di edifici nuovi ed esistenti è il programma nazionale LEED (Leadership in Energy and Environmental Design). I punti LEED si basano su acqua ed efficienza energetica, qualità dell'aria interna e materiali da costruzione: di cosa sono fatti e di quanto hanno viaggiato. Il processo di certificazione LEED può essere una proposta lunga che richiede molte scartoffie, un processo più adatto a progetti di costruzione su larga scala rispetto alle piccole imprese. Ma sebbene la certificazione LEED sia fuori dalla portata della maggior parte dei piccoli studi, molti stanno seguendo linee guida simili nella loro costruzione e ristrutturazione.

Costruire o ristrutturare uno studio ecologico richiede ricerca e disponibilità a navigare tra informazioni a volte contrastanti su quali siano le "migliori" opzioni. Può anche significare sporcarsi le mani e mantenere la fede quando gli appaltatori non condividono la stessa visione. "Il nostro appaltatore continuava a chiederci perché stavamo usando questo" vecchio "legno e il nostro subappaltatore stava cercando di venderci nuovi pavimenti laminati ", afferma Gary Margolin, co-proprietario di Home-Simply Yoga a Santa Monica, California. "Abbiamo riscontrato questo tipo di reazione da quasi tutti coloro che hanno lavorato per il progetto". Margolin ha insistito, contro il parere dell'appaltatore, per rifinire a mano il pavimento in legno recuperato con oli naturali. "Abbiamo intrapreso il progetto come un modo per educare la nostra comunità. Come si è scoperto,Penso che abbiamo anche istruito la maggior parte dei lavoratori sul progetto ".

Modi per diventare verdi

Per alcuni, aprire uno studio di yoga verde è un'opportunità per mettere in pratica tutte le più recenti tecnologie di bioedilizia. "Sono stata fortunata", dice Wendy Klein, proprietaria del Nandi Yoga a San Mateo, in California. "Stavo partendo da zero e ho avuto il tempo di fare la ricerca".

Klein, il cui padre scienziato ha lavorato con l'Environmental Protection Agency negli anni '70 misurando l'inquinamento atmosferico, ha cercato per più di un anno un sito che gli studenti potessero raggiungere a piedi o con i mezzi pubblici. Nandi Yoga, certificato dal pluripremiato Green Business Program della città, ha ottenuto il punteggio più alto possibile negli audit delle agenzie ambientali della contea, grazie a caratteristiche come i pannelli solari per l'acqua calda e l'elettricità e gli apparecchi a risparmio idrico ed energetico.

Per altri, aprire uno studio ecologico significa essere creativi con un budget limitato, andare alle vendite di garage e setacciare Craigslist. "Molti studi non possono permettersi di diventare ecologici seguendo un elenco di cose da fare", afferma Kate Vogt, coordinatore di studi ecologici per la Green Yoga Association, l'organizzazione no profit fondata nel 2006 per aiutare il settore ad alleggerire il suo impatto sull'ambiente e riconnettersi con le sue origini verdi. L'iniziativa Green Studios dell'associazione ha aiutato centinaia di studi di yoga a rendere le loro strutture, interni e operazioni più rispettose dell'ambiente, fornendo risorse, istruzione e sostegno alla comunità.

Riconoscendo che una ristrutturazione ecologica completa è inaccessibile e non necessaria per molti studi, Vogt suggerisce che impegnarsi in piccole azioni quotidiane può fare la differenza. "Incoraggiamo gli studi a considerare il greening come un modo semplice di essere piuttosto che di fare. In questo modo, hanno la libertà di riconoscere che i piccoli cambiamenti sono ugualmente importanti", dice.

Molti di questi piccoli cambiamenti sono facili ed economici, come ha scoperto Jasmine Chehrazi, direttrice fondatrice del no profit Yoga District a Washington, DC. I mobili di Yoga District sono quasi tutti di seconda mano; le sue cinghie di canapa sono state cucite da uno studente; fa lavare la propria stuoia dall'acqua e dall'olio essenziale, utilizza coperte di scena realizzate con tessuto residuo, stampe sul lato bianco della carta usata donata dagli uffici locali e appende asciugamani di stoffa piuttosto che asciugamani di carta in bagno.

"Il nostro obiettivo principale era quello di essere a basso impatto, piuttosto che entrare in uno spazio verde con nuovi materiali, anche se fossero materiali eco-compatibili", afferma Chehrazi. "Spesso non comprare nulla, usare il meno possibile, stare fermi e vivere delicatamente con consapevolezza può avere un grande impatto ecologico".

Gary Margolin e sua moglie, Melissa, designer di interni, hanno seguito un modello di sostenibilità simile "dalla culla alla tomba" durante la progettazione di Home-Simply Yoga. "La cosa migliore per l'ambiente è riutilizzare le cose il più possibile e usare le cose che sono riutilizzabili dopo che sei andato via", dice Margolin.

Invece di demolire il pavimento di cemento esistente dello spazio per installare il calore radiante, i Margolins hanno posato un sottopavimento in legno su di esso in pezzi, creando canali per i tubi dell'acqua calda. Hanno posato il mogano di recupero sul sottofondo e sui tubi, senza riempire i canali con cemento aggiuntivo. "Il risultato è molto efficiente e può essere completamente rimosso, quindi niente è finito in una discarica quando siamo entrati e nulla dovrà finire in una discarica se ce ne andiamo", dice Margolin.

Sebbene il budget sia spesso la considerazione più importante per uno studio ecologico, altri fattori, come la geografia e lo stile dello yoga, giocano un ruolo nel determinare le priorità di uno studio. Quando Sockman ha aperto Blue Lotus, sapeva di volere un impianto idraulico a basso flusso e uno scaldabagno su richiesta. "Siamo in una città che è spesso colpita dalla siccità, quindi la conservazione dell'acqua era in cima alla mia lista", dice. I pannelli solari erano un elemento non negoziabile per Sylvana Carrara quando ha aperto Bikram Yoga Napa Valley a Napa, in California. "Mantenere lo studio a 105 gradi ogni giorno, sette giorni su sette, è parte integrante della pratica Bikram, ma consuma enormi quantità di energia", dice. "Alimentare il mio studio con combustibili fossili sporchi non era un'opzione".

Perché le dimensioni contano

Mentre i proprietari di piccoli studi tendono a prendere decisioni che riflettono le loro convinzioni e desideri personali, le catene di studi più grandi sono ugualmente impegnate nel portare la coscienza yogica al processo di costruzione. Due anni fa, CorePower Yoga, con sede a Denver, ha formato il proprio team interno di progettazione ecologica. "Ora abbiamo il controllo su ogni aspetto dei progetti e possiamo davvero promuovere la bioedilizia senza dover rieducare ogni architetto con cui lavoriamo", afferma Trevor Tice, CEO di CorePower Yoga. L'azienda incorpora vernici e adesivi a basso contenuto di COV e materiali da costruzione di provenienza locale con contenuto riciclato nella loro costruzione. I membri del team si basano su ciò che imparano, rendendo ogni nuovo studio potenzialmente più verde del precedente. "Impariamo qualcosa da ogni studio che costruiamo", dice Tice.

In virtù delle loro dimensioni, anche gli studi con più sedi avranno un impatto maggiore sul settore. "La scala fa la differenza", afferma Adam Guttentag, vice presidente dello sviluppo e delle operazioni di YogaWorks, che ha 23 studi sulla costa orientale e occidentale. "Se un piccolo studio vuole passare all'illuminazione a LED, è una proposta abbastanza semplice ea basso costo. Se lo fai in 23 sedi, è un investimento molto più grande".

Il futuro degli studi di yoga verde

Un sondaggio sulla bioedilizia del 2008 ha rilevato che oltre l'80% dei proprietari di edifici commerciali negli Stati Uniti ha stanziato fondi per iniziative verdi e quasi la metà degli intervistati prevede di aumentare i propri investimenti per la sostenibilità nel 2009. Sebbene gli studi di yoga siano solo una piccola parte di quel numero, la tendenza degli studi verdi è chiaramente destinata a rimanere, poiché i materiali da costruzione sostenibili diventano più disponibili e la consapevolezza della loro importanza aumenta.

"Sempre più studi stanno riconoscendo che è un buon affare avere uno studio verde", afferma Peter Sterios, uno yoga di Santa Monica

insegnante, architetto verde e fondatore di Manduka, un'azienda di prodotti eco-yoga. "Non si torna indietro. Penso che gli studi che prospereranno saranno quelli che riconosceranno la tendenza verde e la integreranno perfettamente nei loro spazi e operazioni".

Klein prevede che in futuro molte delle caratteristiche ecologiche che ha incorporato in Nandi Yoga saranno obbligate dai codici di costruzione. "O il governo lo regolerà, oppure i consumatori insisteranno su di esso, ma succederà in un modo o nell'altro".

Come rendere più verde il tuo spazio studio senza grandi ristrutturazioni:

1. Stampa gli orari delle lezioni e i volantini su carta riciclata. Cerca prodotti di carta che abbiano un'alta percentuale di rifiuti post-consumo.

2. Passare a lampadine a basso watt ea risparmio energetico.

3. Aggiungi piante. Oltre ad avere un effetto visivo calmante, le piante d'appartamento possono aiutare a pulire l'aria.

4. Utilizzare prodotti detergenti non chimici per pavimenti, finestre, pareti e bagni.

5. Quando gli oggetti di scena si consumano e devono essere sostituiti, cercane altri realizzati con materiali sostenibili e degradabili come gomma naturale, sughero, cotone e sintetici ecologici.

6. Installare dispositivi per il risparmio idrico in lavandini, docce e servizi igienici.

7. Lavare i tappetini con sapone naturale o lavarli da soli con acqua e un olio essenziale con proprietà antibatteriche, come melaleuca o lavanda.

8. Ricicla carta, bottiglie e lattine.

9. Pubblica informazioni sul trasporto pubblico nel tuo studio e sul tuo sito web.

Vedi anche 4 modi per ripulire la tua casa in modo ecocompatibile

Raccomandato

Piegamento in avanti dalla testa al ginocchio
13 ritiri di yoga che puoi effettivamente permetterti nel 2018
8 passaggi per padroneggiare e perfezionare la posa dell'albero