Come uno Yogini ha superato la timidezza in ritiro

Un ritiro yoga intimo, completo di sorgenti termali opzionali per l'abbigliamento, ispira uno yogini timido a connettersi con gli altri.

Negli ultimi due anni, la mia pratica yoga è stata un ritiro profondamente personale dal mondo. Spesso mi sento a disagio anche in piccole folle, quindi vado a classi dove so che incontrerò non più di una mezza dozzina di studenti. Quello che mi piace davvero, però, è fare pratica davanti alle vetrate della mia camera da letto, che si affacciano su un rigoglioso giardino cittadino. Con il profumo del caprifoglio che si diffonde dal basso e i rami verdi che picchiettano contro il vetro, la mia oasi è stimolante, privata e sicura.

Ma sapevo che c'era una grande comunità di yoga là fuori, con cui dovevo ancora connettermi. Vedevo spesso yogi che si presentavano prima della lezione, pianificando di incontrarsi per il tè dopo e incoraggiandosi a vicenda ad andare oltre nella loro pratica. "Ciao" era il più lontano possibile. Una parte di me aveva paura che se avessi conosciuto le persone con cui praticavo, avrei perso la mia concentrazione interiore. Eppure stavo cominciando a sentirmi un eremita. Forse, ha suggerito un giorno un collega, il passo successivo nella mia evoluzione come yogi è stato quello di fare amicizia che avrebbero sostenuto la mia pratica.

Poche settimane dopo, mi ritrovai a prendere la strada lunga e tortuosa lungo la Highway 1 da San Francisco verso Big Sur, sulla costa centrale della California. La mia destinazione era il festival annuale di yoga presso l'Esalen Institute, un luogo noto per i suoi ritiri yoga trasformativi, più di 26 acri di splendidi terreni costieri e (gulp) sorgenti termali opzionali per l'abbigliamento scolastico. E sì, ero ansioso.

Una volta lì, però, sapevo che dovevo dedicarmi completamente all'esperienza: non nascondermi nella mia stanza. Ero qui non solo per praticare in un ambiente intimo con grandi yogi - Seane Corn, Thomas Fortel, Shiva Rea e Mark Whitwell - ma anche per entrare in contatto con gli altri. Così, dopo aver lasciato le valigie e aver mangiato un boccone in sala da pranzo, mi sono diretto direttamente ai famosi bagni sulla scogliera e mi sono spogliato - in fretta. Guarda giù. Immergiti. Guarda dritto davanti a te.

L'acqua minerale calda ha calmato i miei muscoli doloranti dopo il lungo viaggio, ma non poteva alleviare la mia mente. Le persone mi stavano guardando? Potrei guardarli? Mi ero ricordato di radermi? Come potevo coprire il più possibile senza sembrare come se stessi cercando di coprire il più possibile? Per tutto il tempo in cui sono stato ai bagni, i miei pensieri di corsa non si sono mai calmati. Stanco di cercare così tanto di rilassarmi, sono fuggito a metà di un bel tramonto che faceva brillare le onde dell'oceano rosso e oro. Tuttavia, ho sentito un senso di realizzazione. Questa, ho pensato, sarebbe stata sicuramente la cosa più spaventosa che avrei dovuto fare per tutta la settimana.

Quella notte, i 175 partecipanti al festival si sono riuniti all'interno di una grande yurta al centro della proprietà per il kirtan, o canto devozionale, guidato da Bhagavan Das, una delle prime influenze del kirtan americano. Tessuti dai colori vivaci erano drappeggiati intorno alla stanza e piccoli altari con incenso ardente erano sparsi qua e là, dando al luogo l'aspetto e l'atmosfera di una festa in buona fede.

Contatto visivo

Ma prima che la musica iniziasse, dovevo trovare un posto. Ovunque guardassi, le persone si salutavano con caldi abbracci e sorrisi raggianti. Alcuni si conoscevano chiaramente, ma altri no, ed è stato sorprendente vedere quanto velocemente le persone sembravano provare un senso di connessione.

Mentre esaminavo la stanza poco illuminata alla ricerca di un angolo vuoto, ho sentito un piccolo strattone alla gamba sinistra dei pantaloni. "Ti ho risparmiato un posto," disse un uomo seduto per terra accanto al suo partner. Ho accettato il suo invito, ci siamo sistemati nei nostri posti e ci siamo presentati. Qualche istante dopo, il musicista Joey Lugassey ha calmato la folla e ha chiesto di iniziare la serata prendendoci il tempo per guardare la persona accanto a noi. Non doveva essere uno sguardo, ma uno sguardo lungo e pensieroso negli occhi di uno sconosciuto.

Il mio vicino che mi aveva chiesto di sedermi con lui non ha avuto problemi con questo. I suoi occhi caldi sorrisero pazientemente mentre faticavo a concentrarmi per più di pochi secondi. Ogni volta che i nostri occhi si bloccavano, non potevo fare a meno di distogliere lo sguardo verso il suo naso, le orecchie o le sopracciglia ingrigite, sperando di poter simulare l'esercizio e nessuno se ne accorgesse. I miei palmi diventarono umidi e sentivo le guance arrossare. Com'è stato che pose come Shoulderstand e Reclining Hero non mi avevano mai turbato, mentre un momento intimo con uno sconosciuto mi faceva sentire un fallito come yogini?

"Va tutto bene", ha detto il mio vicino, stringendomi la mano. "Lo avrai."

La mattina successiva, ci siamo divisi in gruppi più piccoli per iniziare la nostra meditazione e la pratica degli asana. L'istruttore di Vinyasa Shiva Rea ha iniziato la giornata allestendo un altare per una varietà di divinità e insegnanti spirituali. La stanza, con pareti dal pavimento al soffitto che si affacciano sul mare, è stata meravigliosamente stimolante. Mentre Rea accendeva l'incenso e una piccola banda di kirtan preparava i loro strumenti per accompagnare la pratica del flusso di danza, Rea chiese a ciascuno di noi di trovare il nostro guru. Non intendeva necessariamente una persona: poteva essere uno qualsiasi degli oggetti che aveva posto sull'altare, o se ci piaceva, poteva essere la natura stessa. Ho scelto l'oceano e ho girato la mia stuoia verso la nebbia che stava appena iniziando a diradarsi sulle onde.

Lasciare andare

È stata davvero una pratica rinvigorente, iniziata con il nostro lasciare andare le nostre inibizioni per ballare e oscillare al ritmo della musica dell'armonium. Sono passato da una posa all'altra utilizzando, come mi ha suggerito Rea, il suono delle onde. E alla fine, Rea ha annunciato che avremmo fatto la nostra Savasana (Corpse Pose) nelle terme.

Un giorno prima, mi sarei scusato e sarei tornato di soppiatto nella mia stanza per fare Savasana da solo e in pace. Ma Esalen e la nostra pratica che apre il cuore avevano già iniziato a fare la loro magia su di me. E così, con la mia attenzione rivolta verso l'interno, mi sono diretta verso lo spogliatoio in silenzio con gli altri, ho piegato i miei vestiti in una pila ordinata, e poi ho preso un respiro profondo. Quando sono uscito, un gruppo di cinque persone mi ha fatto cenno di unirmi alla loro vasca. Mi hanno ordinato di sdraiarmi in acqua, con la schiena leggermente arcuata in Savasana, mentre mi tenevano la testa e le gambe. Ho chiuso gli occhi e mi sono arreso.

Fluttuando lì, a fondo nudo ea torso nudo di fronte a tutti quei corpi sconosciuti, ho in qualche modo trovato la fiducia di lasciarmi andare e perdermi nell'esperienza. Non è stato fino a quando qualcuno mi ha stretto gli alluci che sono salito, ho spazzato i miei capelli bagnati di lato e ho visto questi perfetti sconosciuti che mi sorridevano gentilmente. E poi tutto quello che potevo fare era guardarli in profondità negli occhi.

Raccomandato

Conosci il tuo tipo di stress e come bilanciarlo
Trova lo yoga giusto per te
Astrologia: cosa dice il tuo segno sulla tua dieta + immagine corporea