Domanda e risposta: Perché non riesco a padroneggiare il salto di qualità?

Non riesco ad arrivare da nessuna parte con l'azione di saltare dal cane con la testa in giù a stare seduto. Penso di essermi rotto il mignolo cercando di portare a termine questo compito! Non sono sicuro di cosa manchi per farlo.

—Nome nascosto

Risposta di Tim Miller:

Questa è una domanda che ricevo sempre e fonte di frustrazione per molti che guardano i loro compagni studenti scivolare con grazia tra le loro braccia mentre si sentono schiantarsi e bruciare. Alcuni sono convinti che le braccia siano troppo corte, altri che le gambe siano troppo lunghe. Nel frattempo, le dita dei piedi e l'ego soffrono.

Una delle cose fondamentali da tenere a mente è che le gambe sono più lunghe delle braccia. Affinché le gambe possano passare

le braccia con successo devono essere il più parallele possibile al pavimento durante il volo. L'errore più comune che vedo

è che gli studenti mantengono i fianchi alti mentre saltano in modo che le gambe rimangano troppo verticali.

Per costruire un senso di fiducia e competenza, prova prima questa manovra con i blocchi sotto le mani. Da Adho Mukha Svanasana (Cane rivolto verso il basso), espira e piega profondamente le ginocchia in modo che le costole tornino contro le cosce, solleva i talloni e lascia che i fianchi scendano. Tieni i fianchi il più bassi possibile mentre salti in avanti. Idealmente, il corpo rimane in una curva completa in avanti anche mentre passa attraverso le braccia.

Ricorda di sostenere il movimento con il respiro. Saltare alla fine di un'espirazione, quando sei completamente vuoto, è meglio perché l'espirazione facilita anche il movimento più profondo nella posizione di piegamento in avanti. Troverai forza e sostegno anche impegnando l'addome e il pavimento pelvico in Uddiyana (Flying Up Lock) e Mula Bandha (Root Lock). Quindi, mentre ti prepari per saltare attraverso, ricorda di espirare, tieni i bandha impegnati, rimani in flessione in avanti e rimani vicino al suolo.

Un ultimo consiglio: anche la superficie pratica può essere un fattore. Può presentarsi una superficie troppo morbida o troppo appiccicosa

i problemi. La maggior parte delle persone trova più facile farlo su un pavimento di legno duro, e alcuni indossano persino calze per aiutare i loro piedi a scivolare.

Tim Miller è uno studente di Ashtanga Yoga da oltre vent'anni ed è stato il primo americano certificato a insegnare da Pattabhi Jois presso l'Ashtanga Yoga Research Institute di Mysore, in India. Tim ha una conoscenza approfondita di questo antico sistema, che impartisce in modo dinamico, ma allo stesso tempo compassionevole e giocoso. Per informazioni sui suoi seminari e ritiri negli Stati Uniti e all'estero, visitare il suo sito Web, www.ashtangayogacenter.com.

Raccomandato

Mettere i termini della teoria ayurvedica IRL: ciò che il tuo Dosha dice davvero di te
In che modo la legge della pura potenzialità di Deepak Chopra può trasformare il tuo corpo, la tua mente e il tuo spirito
Matthew Sanford: The Practice of Healing Body + Mind