Alla luce di suo padre

Geeta Iyengar non si stanca facilmente. L'ultimo giorno dell'Iyengar Yoga Odyssey, una conferenza di cinque giorni a Pasadena, in California, Geeta aveva invitato alcuni insegnanti nella sua stanza d'albergo per il cibo indiano. "Ero troppo stanco per andare", ha riso l'insegnante senior Patricia Walden, che ha notato che l'invito simboleggia la via dell'infaticabile figlia di BKS Iyengar: "Quando Geeta è a Pune, presta sempre servizio: la sua famiglia, l'istituto e i suoi studenti. " È proprio questo tipo di generosità ed energia che ha spinto Geeta Iyengar negli Stati Uniti in aprile e maggio in un viaggio di insegnamento di un mese.

Sebbene la maggior parte degli yogi americani al di fuori della comunità di Iyengar conosca BKS Iyengar, pochi hanno familiarità con Geeta Iyengar. Molti all'interno della comunità Iyengar, tuttavia, hanno studiato ripetutamente nel corso degli anni con Geeta Iyengar a Pune, in India, presso il Ramamani Memorial Yoga Institute dove lei e suo fratello Prashant insegnano la maggior parte delle lezioni. Molti hanno letto e consigliato il suo libro rivoluzionario Yoga: A Gem for Women(Libri senza tempo, 1995). Molti amano e rispettano Geeta Iyengar, che quest'anno ha 57 anni, come un'insegnante autorevole e avvincente a pieno titolo. Questo è stato dimostrato alla convention, dove gli insegnanti americani senior di Iyengar hanno assunto un ruolo decisamente di supporto e reverenziale, dimostrando le posizioni per Iyengar e assistendo gli studenti nelle sue lezioni quotidiane di Pranayama e asana. Alcuni insegnanti sono rimasti in lacrime quando hanno ringraziato pubblicamente Iyengar, dopo una sessione di domande e risposte, per la sua generosità e saggezza.

Iyengar non ha avuto una vita facile. All'età di 9 anni le è stata diagnosticata una grave malattia renale. O fare yoga o aspettare la morte secondo suo padre, dal momento che la famiglia non aveva fondi sufficienti per le medicine. Nel 1973 la madre di Iyengar, Ramamani (da cui l'istituto prende il nome), morì improvvisamente. Ora, come matriarca che presiede la famiglia Iyengar, Geeta cucina tutti i pasti ed è responsabile di gran parte del lavoro amministrativo presso l'Istituto. "Risponde a ogni lettera che riceve", ha detto un'insegnante di Iyengar che ha partecipato alla celebrazione dell'ottantesimo compleanno di BKS Iyengar a Pune nel 1998.

Alla celebrazione, quando alcuni dei partecipanti presenti hanno cercato di rivolgere l'attenzione verso la loro amata Geeta, che aveva anche compiuto un compleanno da poco, Geeta ha lasciato la stanza, protestando che il procedimento non riguardava lei e che era indegna dell'onore. Quindi mi chiedo come deve essere stato per Geeta Iyengar arrivare a Pasadena la sera dell'inaugurazione in una stanza piena di yogi chiacchieroni che caddero in silenziosa venerazione quando entrò.

Geeta Iyengar ha sia il famoso portamento severo e il rispetto per la disciplina di suo padre che la compassione di sua madre, di cui parlava con affetto il giorno della festa della mamma, con una nota personale rara. Iyengar ha anche un senso dell'umorismo dolce e tranquillo. Diverse volte durante il congresso, ha scherzato con gli studenti sulla loro pigrizia, i trucchi mentali a cui si accordano volentieri per evitare di affrontare le loro paure e limitazioni. E altre volte, Iyengar era inesorabilmente severo, schietto, persino impaziente, come lo sono gli insegnanti di grande devozione quando i loro studenti li deludono per mancanza di impegno o sforzo.

"La gente dice che siamo troppo forti o severi", ha detto Iyengar mentre lavoravamo con il posizionamento delle mani nel cane rivolto verso il basso. "Ma se allunghi le mani, non griderò: 'Cos'è che ti fa non prestare attenzione lì?'" Ogni istruzione che Iyengar dà smentisce la sua convinzione che dobbiamo a noi stessi di dare allo yoga il nostro sforzo supremo e onesto. Dietro molte delle sue istruzioni, c'è la poesia di un cuore tenero: "Piccola mente: palmi corti e chiusi. Le tue mani dovrebbero aprirsi per dare".

Le mani di Iyengar sono spalancate. Non le interessa coccolare l'ego, il suo o quello di chiunque altro. Non sottovaluta la sua comprensione del vasto argomento dello yoga. "So cosa sto facendo", dice, ma aggiunge, "e so cosa ha fatto Guruji (BKS Iyengar)". È il lavoro del suo guru che vuole chiarire nella mente degli americani, spesso troppo desiderosi di risposte, insensibili all'autorità o distratti nei nostri corpi per ottenerle. La sua missione è chiara: stare, come disse una volta, alla luce di suo padre e illuminare la strada per il resto di noi.

Yoga Journal : Hai commentato l'interesse per lo yoga negli Stati Uniti, "Lascia che non sia un incendio". Puoi spiegarlo?

Geeta Iyengar: Il crescente interesse per lo yoga e l'entusiasmo sono sempre i benvenuti. Per me una sana dipendenza dallo yoga è meglio di altre dipendenze. Il fuoco dello yoga deve rimanere acceso senza fumo nel cuore spirituale per tutta la pratica, la sadhana. L'interesse del praticante, sadhaka, deve essere affermativo e dinamico. Tuttavia, questo interesse non dovrebbe essere un incendio che brucia la foresta; l'interesse per lo yoga non dovrebbe essere disorientato e disorientato.

Spesso il ricercatore va a diversi insegnanti e diverse scuole di yoga senza avere lo scopo o il background appropriato. Invece di ottenere una solida base sul sentiero e sui suoi argomenti, acquisisce la conoscenza a pezzi. Il corpo, la mente e l'intelligenza rimangono confusi. Andare da un nuovo insegnante prima di permettere a se stessi di praticare e digerire i metodi appresi da un altro insegnante porta a più confusione che chiarezza. Imparare prima con un insegnante e diventare ben consolidati nella pratica rende capaci di discriminare con maturità.

Spesso a causa della mancanza di comprensione sorgono dolori, problemi, disagi, dubbi, incomprensioni e idee sbagliate. Questo porta ulteriormente alla mancanza di penetrazione interiore in se stessi. Imparare lo yoga non può essere come mangiare cibo spazzatura. Bisogna attenersi al metodo per assorbire e assimilare la sadhana in modo preciso e appropriato. Ricorda l'adagio: "La pietra rotolante non raccoglie muschio". È lo stesso con il sadhaka yogico itinerante.

YJ: Hai sottolineato che tutte le domande degli studenti sullo yoga sono state orientate alla malattia. Quali sono le implicazioni di ciò, secondo lei?

GI: Lo yoga è diventato popolare come metodo di guarigione poiché ha un valore curativo e preventivo. Ma il suo ambito è più ampio di questo. Il valore curativo e terapeutico è una sorta di effetto collaterale positivo della sadhana, un sottoprodotto. Da questo processo di guarigione, prima o poi può iniziare la voglia di andare oltre, di avvicinarsi all'ignoto.

L'interesse e la visione del sadhaka non dovrebbero essere limitati solo alla terapia. Certamente bisogna praticare avendo in mente la malattia di cui si soffre. La pratica non dovrebbe essere antagonista al processo di guarigione. Bisogna sapere come trattare con il proprio corpo e la propria mente in modo che i problemi siano risolti e le malattie siano superate. Non si possono trascurare le richieste di salute del corpo e della mente.

Ma allo stesso tempo non si dovrebbe distogliere la propria attenzione dall'approccio yogico di base e dall'obiettivo: essere più vicini al nucleo dell'essere. Per lasciare che l'intelligenza tocchi anche il corpo interiore. Bisogna imparare a guardare dentro se stessi per trovare il proprio stato emotivo e mentale, nonché la propria capacità intellettuale. Bisogna imparare a vedere i problemi della mente, dell'intelligenza, della coscienza dell'Io e dell'egoismo, che spesso devono essere corretti per rimanere sul sentiero della consapevolezza di sé ovunque e ovunque. Non si può rimanere eternamente attaccati solo ai dolori e ai problemi fisici e al benessere fisico.

Mentre correggiamo la postura del corpo negli asana o il metodo di respirazione nel pranayama, non sono solo i muscoli, le ossa o il respiro che correggiamo. Tocciamo la nostra coscienza per conoscerne gli stati d'animo e le modalità. Il coinvolgimento della coscienza negli asana è articolato in modo tale che il flusso della coscienza rimanga sobrio e puro.

YJ: Sei un medico ayurvedico. Quanta comprensione dei principi ayurvedici è essenziale per gli studenti di yoga?

GI: Bene, qualsiasi conoscenza delle scienze curative sarà di supporto nella pratica dello yoga, che si tratti di Ayurveda, scienza medica moderna o omeopatia. Tuttavia, a parte il corpo fisico, l'Ayurveda riconosce gli aspetti morali, mentali, psicologici e intellettuali degli esseri umani. Pertanto, se insieme all'anatomia umana, alla fisiologia e alla neurologia, si comprende la propria struttura costituzionale: i tre guna: sattva, rajas e tamas; ei tre umori: vata, pitta e kapha: si può avere un'immagine chiara o una radiografia del proprio corpo e della propria mente.

Tuttavia questa è conoscenza oggettiva di se stessi. Con questo background di conoscenza oggettiva, lo yoga aiuta a trasformare quella conoscenza oggettiva in conoscenza esperienziale soggettiva di se stessi. Ad esempio, Guruji, mio ​​padre, non ha avuto la possibilità di studiare l'Ayurveda, ma la sua sadhana, la sua pratica approfondita, il coinvolgimento totale, la penetrazione profonda e la dedizione completa nello yoga lo hanno aiutato a conoscere il corpo e la mente in profondità. In effetti, il suo modo di praticare, insegnare e trattare è basato sulla sua esperienza. Ha usato il suo corpo fisico e mentale come un laboratorio, ma la sua linea di trattamento è diventata universale.

È solo dopo aver studiato l'Ayurveda che mi sono reso conto di quanto le esperienze di Guruji siano vicine all'Ayurveda, per quanto riguarda il trattamento. Anch'io ho studiato l'Ayurveda dopo aver acquisito una conoscenza sufficiente della scienza yogica. Si dovrebbe prima concentrarsi sullo yoga poiché questo è l'argomento principale. Ma comprendere le basi della costituzione fondamentale del corpo-mente umano secondo l'Ayurveda sarà di grande aiuto per conoscere se stessi.

YJ: Hai incoraggiato gli studenti a comprendere le pose attraverso la loro esperienza nei loro corpi. Cosa dovrebbe fare uno studente quando la sua esperienza interna non è d'accordo con ciò che l'insegnante sta insegnando?

GI: Non ho detto che gli studenti dovrebbero comprendere le asana attraverso i loro corpi. Il corpo è lo strumento. Bisogna avere una conoscenza approfondita delle asana. Ma mentre si fa l'asana o si è in asana, si deve imparare a sperimentare il proprio corpo, esterno e interno. Per penetrare la coscienza, la propria consapevolezza e intelligenza devono penetrare nel corpo oltre che nella mente, in modo che entrambi cooperino per risvegliare la coscienza interiore.

E questa è la sadhana yogica in un senso reale. Ora, quando chiedevo agli studenti di guardare nelle loro asana e sentire i loro corpi - il posizionamento del corpo, la sua risposta - in realtà era per aiutarli a imparare il processo di sperimentare il posizionamento della mente e dell'intelligenza. Questa posizione è l'arte di sentirsi dentro e fuori.

Quando un insegnante insegna, è vero che lo studente deve obbedire per imparare. Ma ciò non significa che lo studente non debba usare la sua discriminazione. Quando l'esperienza interna dello studente non è d'accordo con l'insegnamento dell'insegnante, lo studente deve analizzare e lavorare di più, impegnarsi di più per comprendere ciò che l'insegnante sta impartendo. Lo studente deve massaggiare la sua intelligenza un po 'più forte in modo che la conoscenza esperienziale dell'insegnante risplenda.

Mentre insegno, questo è ciò che chiedo agli studenti di fare. Devono imparare a guardarsi dentro, a sentirsi, a sensibilizzarsi. Non è solo una performance esteriore. È un metodo per afferrare. È un'arte della penetrazione. Insegnare la procedura fisica dell'asana è semplice, ma insegnare il processo mentale proprio nell'asana è un approccio significativo e approfondito.

YJ: I lettori americani saranno interessati a sapere com'è stato per te essere la figlia di un insegnante così brillante e tu stesso insegnante delle tecniche di tuo padre. Dici che ti ha trattato "non come sua figlia ma come una studentessa" in Yoga: A Gem for Women . Elaboreresti?

GI: Qualcuno mi ha chiesto tempo fa come mi sentivo a stare all'ombra di mio padre e io ho risposto subito: "Non sono sotto la sua ombra ma sotto la luce".

Quando insegno le tecniche di mio padre, non è più mio padre ma il mio guru. Seguo il mio guru come qualsiasi altro discepolo segue il suo guru. Ma non è certo una fede cieca. La genialità di Guruji in questo percorso ha dimostrato la correttezza e la realtà dell'argomento. La sua sadhana e la sua esperienza sono diventate non solo una linea guida, ma un faro per noi. Quando insegno le sue tecniche, sono sicuro che sia un percorso collaudato. Mentre mi esercitavo, ne ho visto il valore e il risultato. Nell'insegnamento, ho visto i risultati sugli studenti.

Quando mi stavo addestrando con Guruji, non ha mostrato il suo affetto come un amore cieco verso sua figlia. Lo yoga richiede disciplina. Guruji è affettuoso e compassionevole, ma non comprometterebbe la disciplina. Insegna come noi studenti di yoga dobbiamo disciplinare noi stessi a nostro vantaggio.

YJ: Hai parlato di come tua madre fosse compassionevole ma severa quando ti cresceva. Come definiresti la compassione in un insegnante? Come può un insegnante insegnare con il giusto equilibrio tra compassione e disciplina?

GI: Compassione e disciplina non sono due cose separate. Sono due facce della stessa medaglia. La disciplina senza compassione può rivelarsi brutale e fatale, e la compassione senza disciplina può rivelarsi inefficace o distruttiva. Un insegnante ha bisogno del giusto equilibrio.

Durante l'insegnamento, l'insegnante deve disciplinare il discepolo. Ma la sua disciplina non può essere una sorta di regola dura e rigida perché alla fine la disciplina è pensata per il bene dell'allievo. L'insegnante non deve caricare l'allievo con la disciplina. Piuttosto l'insegnante vuole che l'allievo vada su un sentiero retto e retto. Tuttavia, questa modifica non si verifica immediatamente. La compassione dell'insegnante lubrifica la rigidità e il rigore della disciplina in modo che lo studente segua la disciplina senza intoppi.

Colleen Morton è Internet Content Director presso Yoga Journal.

Original text


Raccomandato

I migliori tappetini per yoga interattivi
Le migliori posizioni yoga per i giocatori di basket
Prova questa sequenza di yoga per la forza della parte inferiore del corpo per gambe stabili