I benefici dello yoga e della meditazione per l'Alzheimer e la demenza

Sebbene non esista una cura per l'Alzheimer, la ricerca suggerisce che lo yoga e la meditazione possono svolgere un ruolo nella prevenzione e migliorare i sintomi e la qualità della vita sia per i pazienti che per i loro caregiver.

Come Julianne Moore ha gentilmente sottolineato mentre accettava l'Oscar per la migliore attrice la scorsa notte, i film sono più che semplici star glamour e "chi" indossavano. Nel caso di Moore, il suo ruolo di professore di linguistica vincitrice di un Oscar come professore di linguistica che affronta l'Alzheimer ad esordio precoce in Still Alice ha aiutato a richiamare l'attenzione su una malattia incurabile che colpisce più di 5 milioni di americani.

"Sono così felice, sono entusiasta in realtà, che siamo stati in grado di far luce, si spera, sul morbo di Alzheimer", ha detto. “Così tante persone con questa malattia si sentono isolate ed emarginate, e una delle cose meravigliose dei film è che ci fa sentire visti e non soli. E le persone con Alzheimer meritano di essere viste in modo che possiamo trovare una cura ".

La ricerca sullo yoga e la meditazione per l'Alzheimer

Sebbene non esista una cura per l'Alzheimer, recenti ricerche suggeriscono che lo yoga e la meditazione possono svolgere un ruolo nella prevenzione e nel miglioramento dei sintomi della malattia progressiva, che è la forma più comune di demenza e la sesta causa di morte negli Stati Uniti. L'anno scorso, nel primo studio che suggerisce che la perdita di memoria può essere invertita, lo yoga e la meditazione sono stati inclusi come parte di un complesso programma terapeutico di 36 punti. Un altro studio ha scoperto che lo yoga e la meditazione possono aiutare i malati di Alzheimer e demenza e i loro assistenti a socializzare e sentirsi meglio.

Benefici dell'esercizio del cervello con yoga e meditazione

"In un certo senso, sia lo yoga che la meditazione sono 'esercizi cerebrali' che coinvolgono diverse parti del cervello in base ai componenti della pratica (respirazione, movimento, posture, canto, visualizzazione, concentrazione) e possono aiutare il cervello a formare nuove connessioni e recuperare da infortuni, o come lo chiamiamo noi, per stimolare la neuroplasticità ", afferma Helen Lavretsky, MD, MS, direttrice del programma di ricerca sull'umore, lo stress e il benessere della tarda età presso l'Istituto Semel per le neuroscienze e il comportamento umano dell'UCLA.

Lavretsky ha osservato che in entrambi gli studi sopra menzionati, yoga e meditazione sono stati utilizzati in combinazione con altri approcci, come l'esercizio fisico, la musicoterapia, i farmaci e lo spazzolamento dei denti. Tuttavia, afferma che la pratica dello yoga e la meditazione possono essere utili nella prevenzione della demenza (un termine generico per la perdita di memoria e altre capacità intellettuali abbastanza gravi da interferire con la vita quotidiana) in diversi modi.

“Lo stress cronico e gli ormoni dello stress correlati potrebbero influenzare negativamente le strutture cerebrali importanti per la memoria e la cognizione, come l'ippocampo. Lo stress cronico è anche associato all'infiammazione nel corpo e nel sistema nervoso centrale / cervello che è collegata alla malattia di Alzheimer e ad altri disturbi dell'invecchiamento. Lo yoga può ridurre gli ormoni dello stress e i fattori infiammatori e insegnare a un individuo nel tempo come affrontare in modo più efficace e proteggere il corpo dalla risposta allo stress ", spiega, sottolineando che più giovane sei quando inizi a praticare yoga e meditazione, il meglio.

Vedi anche  Come migliorare la tua memoria riducendo lo stress

Migliorare la memoria con lo yoga e la pratica della meditazione

Nei pazienti che hanno problemi con la perdita di memoria e alcuni disturbi cognitivi ma non hanno ancora il morbo di Alzheimer, pratiche come lo yoga e la meditazione potrebbero essere più utili nel prevenire il declino cognitivo, aggiunge Lavretsky. In 7 Amazing Brain Benefits of Meditation, la scrittrice Amanda Mascarelli ha riferito che la neurologa della Wake Forest Rebecca Erwin Wells, MD, e i suoi colleghi hanno scoperto in uno studio pilota del 2013 che gli adulti con lieve deterioramento cognitivo che praticavano la meditazione mindfulness mostravano meno atrofia nell'ippocampo di quelli chi non l'ha fatto. La loro ricerca ha anche scoperto che i meditatori, rispetto ai non meditatori, avevano una maggiore connettività neurale nella "rete in modalità predefinita", un'area del cervello coinvolta in attività come sognare ad occhi aperti e pensare al passato e al futuro.

Vedi anche  I benefici della meditazione sul grande cervello

Riduzione dello stress per pazienti e assistenti

Anche i caregiver di pazienti con Alzheimer e demenza, che sono spesso sottoposti a una quantità enorme di stress, possono trarre beneficio dallo yoga e dalla meditazione, soprattutto quando si tratta di benessere generale e umore depresso. "Un numero crescente di studi, compreso il nostro, mostra cambiamenti cerebrali e cognitivi positivi con la pratica, così come i benefici nei meditatori di lunga data rispetto ai principianti", dice Lavretsky.

Pratiche mente-corpo come lo yoga e la meditazione possono anche portare un po 'di conforto a individui come il personaggio interpretato da Moore, che deve affrontare la scioccante diagnosi di Alzheimer ad esordio precoce all'età di 50 anni.

"Lo yoga e la meditazione possono aiutare le persone con Alzheimer a sentirsi più felici e trovare la pace, specialmente quelle nelle prime fasi che stanno lottando con la realtà della perdita di memoria", dice Lavretsky.

Vedi anche  The Challenge of Caregiving

Raccomandato

Posa della sfida: cavalletta
5 modi per fai da te il tuo santuario yoga a casa
Come 31 giorni di meditazione in movimento hanno aiutato uno yogi a rallentare