Staccarsi

Il secondo giorno di un seminario che sto insegnando, chiamato The Art of Letting Go, ho programmato una discussione sulla pratica yogica di liberare la nostra tendenza a controllare le situazioni. La mia intenzione è che le persone riconoscano quanto dolore creano quando cercano di controllare ogni piccola cosa nella loro vita.

Scrivo due frasi sulla lavagna - In controllo e Fuori controllo - e chiedo ai partecipanti di tenere a mente entrambe le frasi, una dopo l'altra. Chiedo loro di notare lo stato emotivo che sorge intorno a ciascuno.

Non sorprende che due terzi delle persone nella stanza affermino di preferire sentirsi in controllo piuttosto che fuori controllo. Ma poi, una donna si alza e descrive una sera in cui suo marito ha risposto al telefono, ha parlato per alcuni minuti, poi ha riattaccato e le ha detto: "Quello era D. Dice che voi due avete una relazione".

"Certo, era esattamente quello che stavo cercando di evitare", ha detto. "Ma invece di essere arrabbiato, ho capito che era un sollievo totale non dover più provare a controllare le cose".

Ho un momento di dubbio: stiamo aprendo un vaso di Pandora qui? Devo sottolineare che i testi di yoga non supportano realmente le relazioni extraconiugali? Prima che abbia il tempo di rispondere, cinque o sei mani si alzano. Sembra che la confessione abbia aperto una porta a un nuovo livello di intimità reciproca, e tutti vogliono parlare delle loro esperienze positive di avere la vita fuori controllo.

Un uomo parla di essere su una barca a vela durante una tempesta, quando le vele si sono staccate dalle mure e la barca è stata spinta dal vento di burrasca. Un altro ragazzo parla di aver perso una grossa fetta di moneta in borsa e di come, dopo che lo shock iniziale si è esaurito, il suo primo pensiero è stato "Sono libero!"

A questo punto, ho smesso di cercare di guidare la conversazione, essendo entrato nella zona familiare ai leader del workshop il cui piano è stato sostituito dallo spirito che si muove attraverso un gruppo. Sembra che un riconoscimento vulcanico - qualcosa di dionisiaco ed estatico - si stia facendo strada nella stanza. Alla fine, qualcuno dice: "Quindi, è spaventoso sentirsi fuori controllo, ma per quanto spaventoso accadrà. Quindi a volte, non può essere un modo per entrare in un livello più profondo di esperienza?" E tutti, all'unisono, annuiscono.

In seguito, quando un amico che sta partecipando al seminario mi sussurra all'orecchio: "Preferisco comunque avere il controllo", mi viene in mente che siamo entrati in una delle dicotomie centrali della vita umana. In parole povere, assomiglia a questo: fai del tuo meglio per controllare la realtà, per far funzionare la tua vita in modo fluido ed efficiente. Ti sforzi anche di tenere sotto controllo la tua mente e le tue emozioni. Allo stesso tempo, una parte di te desidera il flusso. Da qualche parte nel profondo, sai che una crisi o un crollo possono servire a spingerti oltre le barriere psichiche che erigi contro l'imprevedibile e riportarti al senso di libertà simile alle montagne russe che può sorgere quando i tuoi piani vengono improvvisamente ribaltati. Probabilmente hai anche sentito come resistere al flusso della vita sembra quasi sempre creare sofferenza.

Incontra il tuo maniaco del controllo

Consciamente o inconsciamente, siamo tutti impegnati in un pas de deux tra il nostro desiderio di tenere le cose sotto controllo e il nostro desiderio di cavalcare con l'imprevedibile. Da un lato, il controllo è essenziale. Senza di esso, non matureremmo mai, non raggiungeremmo mai i nostri obiettivi e non trasformeremmo mai le cattive abitudini. La nostra sicurezza e produttività - anzi, il contratto sociale stesso - dipende dalla nostra capacità collettiva di controllare i nostri impulsi, controllare il nostro umore, fare piani e mantenere i nostri impegni. Quando diciamo che qualcuno è fuori controllo (a meno che non stiamo parlando di una rock star che entra in quarta marcia sul palco), di solito intendiamo che la persona è pericolosa per se stessa e per gli altri.

Al centro di ogni questione di controllo c'è il desiderio di potere personale. In sostanza, misuriamo il nostro potere in base a quanto bene controlliamo il nostro ambiente interno ed esterno. Esternamente esprimiamo il nostro potere in base a quanto siamo in grado di controllare e gestire il nostro tempo, il nostro lavoro, la reputazione, le finanze e, ammettiamolo!, Le altre persone nella nostra vita. Internamente, prendiamo il potere controllando i nostri corpi - pensa a quanto ci si sente quando si tiene una posizione sulla testa un minuto in più del solito o si resiste a mangiare il biscotto in più - così come i nostri pensieri ed emozioni. Cerchiamo di pensare positivamente o fare respiri profondi, invece di scagliarci contro un membro della famiglia. Ci mettiamo al lavoro quando segretamente abbiamo voglia di guardare un film. In tanti modi, il controllo è buono, necessario e ammirevole.

Ma poi c'è l'altra faccia della storia. Quell'utile e necessario meccanismo di controllo tende a diventare tirannico. Troppo controllo attutisce la forza vitale in te. E la linea tra troppo e troppo poco può essere sottile.

Il lato oscuro del controller interiore maturo e sensibile è il maniaco del controllo, colui che si preoccupa incessantemente della sua lista di cose da fare, interrompe ogni relazione che minaccia di diventare imprevedibile e si irrigidisce quando la musica interiore diventa selvaggia. La parte di te maniaca del controllo è convinta di tenere le redini della tua sanità mentale ed è sicura che, senza il suo intervento costante, vivresti nel caos, mangiando cibo spazzatura, trascurando la pratica degli asana e possibilmente rischiando la morte. (Dopotutto, nel suo nucleo primordiale, il controllore interiore identifica il controllo con la sopravvivenza.)

Potrebbe essere come la mia amica Sarah, che teme le feste di famiglia perché sa che suo fratello berrà troppo e spargerà cose sulla tovaglia di lino pulita. Oppure potrebbe essere come il mio vicino Frank, che bussa alla mia porta ogni settimana circa per dirmi che il mio paraurti posteriore si sta intromettendo nel suo parcheggio.

Ma il tuo maniaco del controllo interiore può manifestarsi altrettanto facilmente come il rifiuto di essere vincolato da piani, impegni o dalle agende di qualcun altro. Di recente ho sentito un marito accusare sua moglie di cercare di controllarlo perché insisteva perché le dicesse a che ora sarebbe stato a casa. Ha replicato dicendo che il suo rifiuto di specificare quando sarebbe tornato a casa era il suo modo di controllarla. Stava cercando di proteggere la sua libertà e lei stava cercando di proteggere la sua sicurezza. Entrambi erano convinti di avere ragione, ed entrambi stavano parlando dai loro fanatici del controllo interiore.

Quando il tuono è in carica

Comunque lo tagli, il maniaco del controllo ha due grossi problemi. Il primo è che, quando la lasci dominare, cercherà di eliminare tutto ciò che è imprevedibile dalla tua vita e da quella di tutti gli altri. Il secondo problema, più serio, è che, poiché la vita è fondamentalmente fuori controllo, i tuoi tentativi di controllare i risultati spesso finiranno in frustrazione. Se non riesci a lasciar andare il tuo bisogno di controllo quando necessario, sarai in balia dei tuoi ormoni dello stress.

Mentre scrivo questo articolo, sono seduto in un centro di ritiri a Santa Fe, New Mexico, molto felice di avere un'ora libera per fare un lavoro tranquillo. Fuori infuria un temporale. Solo pochi istanti fa mi stavo godendo il suono della pioggia battente, quando ho guardato in alto per vedere un flusso crescente di acqua fangosa che si riversava sotto la mia porta.

Mentre cercavo gli asciugamani e spostavo i cavi di alimentazione lontano da quella che divenne rapidamente una piccola alluvione, mi resi conto che, invece di passare un pomeriggio tranquillo al computer, avrei passato il pomeriggio a pulire l'acqua dell'inondazione. Ho notato che quando corro per una scadenza, spesso accade qualcosa al di fuori del mio controllo per interrompermi. Se mi lascio arrendere e mi sento frustrato, peggiorerò solo la situazione.

Non sono solo i modelli meteorologici e altre persone che sono al di fuori del nostro controllo: i nostri stessi corpi operano in gran parte nella zona di non controllo. Nonostante la tradizione yogica, pochi di noi possono controllare il battito cardiaco o la velocità della circolazione sanguigna, tanto meno evitare di prendere un virus su un aereo o subire la mutazione folle di un insieme di cellule cancerose.

Quando sei nel tuo sé controllore, cioè quando neghi questi semplici fatti della vita, non c'è da meravigliarsi se sei spesso irritato, spaventato o teso. Sì, è importante avere una misura del controllo sulla vita, ma la verità più profonda è che la maggior parte delle volte il controllo è semplicemente impossibile, quindi l'unico modo per evitare la sofferenza è rinunciare al tuo bisogno di controllo.

Non è un caso, quindi, che tutte le tradizioni yogiche e mistiche siano, fondamentalmente, metodologie per entrare in quella sottile zona interna in cui la capacità di prendere il controllo e la capacità di lasciarsi andare possono operare in un sottile equilibrio.

La danza dello yoga

Cosa contraddistingue uno yogi veramente realizzato? In parte, è saper ballare con grazia nello spazio tra il controllo e il lasciar andare. Da un lato, il controllo è al centro dello yoga, come in tutte le pratiche di trasformazione.

"Lo yoga controlla i movimenti della mente", dice il sutra definitivo del testo definitivo dello yoga classico, lo Yoga Sutra di Patanjali. Non importa in quanti modi il sutra viene interpretato, questo è fondamentalmente quello che ha detto l'uomo. E almeno quattro degli otto arti dello yoga classico si concentrano specificamente sull'insegnamento della moderazione e del controllo.

Gli yogi hanno praticato a lungo il controllo della parola, la disciplina nel mangiare, persino il celibato totale, per non parlare del processo infinitamente più difficile di frenare la rabbia e la gelosia. Lo facciamo perché senza disciplina non c'è contenitore interno - nessuna energia - o spazio per la trasformazione.

Sottaceto in estasi

Nella tradizione che ho studiato, abbiamo ascoltato innumerevoli storie di maestri di yoga che potevano sedersi immobili, con le gambe incrociate nella posa del loto, per settimane e settimane, senza mangiare nulla, con la mente in bilico nella contemplazione. Naturalmente, noi, figli dell'indulgente Occidente moderno, non ci aspettavamo di portare le cose a quell'estremo. Ma abbiamo sicuramente assorbito il messaggio di base: senza controllo, non puoi nemmeno entrare in gioco.

Tuttavia, fianco a fianco con l'ideale del controllo yogico, ci è stato insegnato l'ideale altrettanto significativo dell'estasi yogica, esemplificato da un praticante avanzato che è andato oltre il controllo e nella consapevolezza non duale, dove vediamo il sé individuale e il Divino come uno e lo stesso. I miei insegnanti ci hanno offerto il paradigma del siddha , lo yogi perfetto, così profondamente sottaceto in estasi che potrebbe passare la sua vita sdraiato all'angolo di una strada o, nel caso di uno dei mentori del mio insegnante, seduto su un mucchio di spazzatura.

Un tale siddha avrebbe da tempo abbandonato la disciplina yogica, esistendo invece in uno stato di gioia illimitata. Sarebbe stato, come disse una volta il mio insegnante, "ridendo di gioia un momento e, nel momento successivo, provando un nuovo fremito di estasi e ridendo di nuovo".

In base a questa definizione, il conseguimento yogico consiste nel perdere te stesso - in sostanza, perdere il controllo - sia che lo fai abbandonandoti alla meditazione, lanciando il tuo corpo attraverso 100 Saluti al Sole mentre i tuoi muscoli iniziano a cedere, o arrendendosi al lavata dell'amore devozionale che sorge quando canti i nomi di Dio. "Fuori controllo!" un insegnante di mantra era solito chiamare i suoi studenti. "Diventa estatico!" Forse l'hai sperimentato: quando sei nel profondo di una pratica intensa, questi due stati confluiscono in uno.

Aperto all'ignoto

Questo è il motivo per cui le restrizioni yogiche sono fondamentalmente mezzi, non obiettivi. Chiudi le porte dei sensi non perché sei antipatico; lo fai in modo che una porta interna si apra, in modo da raccogliere l'energia per entrare nella vastità che si trova oltre i sensi. Il paradosso è che il più delle volte l'apertura avviene quando lasci andare la disciplina e dai una possibilità all'ignoto, in altre parole, quando sei disposto a perdere il controllo.

C'è un pezzo poco conosciuto della storia dell'illuminazione del Buddha che descrive questo paradosso. Il Buddha lasciò la moglie e la famiglia e praticò anni di intensa austerità: digiuno, vita all'aria aperta ed esercizi fisici e spirituali complessi e dolorosi.

Divenne il maestro dell'autocontrollo yogico, ma non era più vicino alla libertà e all'illuminazione di quando aveva iniziato. Un giorno, rendendosi conto di aver sbattuto contro il muro, si chiese se c'era mai stato un momento in cui aveva conosciuto la gioia perfetta.

Ricordava un pomeriggio nel suo decimo anno, quando era rimasto seduto per ore sotto un melo di rose mentre suo padre sovrintendeva alla raccolta dei loro raccolti. Aveva guardato per ore attraverso le risaie, perfettamente silenzioso e perfettamente soddisfatto. Fu allora che scoprì la sua famosa decisione: stare fermo sotto un albero, perfettamente rilassato, e non alzarsi fino all'alba dell'illuminazione.

Questa storia rispecchia la mia esperienza. Per anni, il mio vero ingresso nella meditazione spesso è arrivato alla fine di un lungo periodo di seduta, quando ho rinunciato alla concentrazione. Rilassavo ogni tentativo di controllare il mio corpo o la mia mente, avvicinavo le ginocchia al petto e mi limitavo a sedermi. Così spesso, quello sarebbe stato il momento in cui il mio cuore si sarebbe ammorbidito, la mia mente si sarebbe espansa e io mi sarei aperto all'universo, intrappolato nel cuore del grande amore.

Certo, ecco di nuovo quel paradosso: sì, la verità è emersa nel momento in cui ho lasciato andare, ma la qualità della mente che mi ha permesso di lasciarmi andare, e alla fine di rimanere in apertura, proveniva dalla disciplina che avevo praticato e il controllo che avevo esercitato fino a quel momento.

Yoga come osservazione

Allora come puoi bilanciare i due poli della dicotomia controllo / fuori controllo? Inizia osservando te stesso nella sala yoga. Una delle cose più utili che la pratica yoga insegna è come distinguere tra un controllo appropriato e la paura del maniaco del controllo di lasciarsi andare. Una volta, in una classe a cui ho partecipato con l'insegnante di Anusara Yoga Desiree Rumbaugh, Desiree ci ha dato un esercizio per scoprire la stabilità del nucleo in Tree Pose. Quando abbiamo iniziato a bilanciarci, ci ha chiesto di fare dei cerchi con la parte superiore del corpo, lasciandola oscillare dentro e fuori equilibrio.

Non appena ho iniziato a perdere l'equilibrio, ho notato un'ondata di paura e un impulso a contrastare una caduta controllando il mio corpo. Ho rassodato i muscoli della coscia e, soprattutto, ho riportato la parte superiore del corpo alla quiete. Il mio maniaco del controllo interiore non mi permetteva di eseguire l'esperimento: aveva troppa paura di rischiare una caduta.

Quando lasciarsi andare

Ho risolto il mio problema trovando un comodo muro che mi sostenesse. Ma ancora più importante, ho imparato qualcosa sul mio modo di esercitare il controllo. I miei tentativi di controllo erano radicati nella paura e per questo motivo le mie tecniche tendevano a irrigidirsi.

Ora posso riconoscere lo stato emotivo che emerge quando il maniaco del controllo interiore ha preso il sopravvento. Posso allenarmi a ricordare che, ad esempio, non sarà la fine del mondo se perdo un collegamento aereo, quindi non c'è bisogno di allontanare le persone dalla mia traiettoria mentre corro per l'aeroporto. Posso ricordare a me stesso che non mi ucciderà se qualcuno non si immerge nella meditazione profonda durante una delle mie lezioni, o non si diverte alla mia festa.

Ogni volta che riesco a osservare e rilasciare il mio maniaco del controllo interiore, diventa un po 'più facile lasciare che la vita fluisca, così com'è. Ogni volta che mi lascio andare, divento un po 'più indulgente, un po' più presente.

Ballando con il koan del controllo / fuori controllo nella meditazione e nello yoga, impari come farlo nella vita. Impari quando lavorare durante il pranzo e quando fare una passeggiata è più importante. Senti quando arrenderti a un sentimento appassionato per un amante o un amico e quando è meglio esercitare moderazione. Scopri come mantenere i confini appropriati con i tuoi parenti difficili, ma dai loro il permesso di essere chi sono.

Dopo un po ', le tue abilità diventano così finemente affinate che puoi tranquillamente rinunciare al controllo, sapendo che qualunque cosa accada sarai in grado di ritrovare la strada per tornare al centro. Quelli sono momenti in cui riconoscerai: "Ah, ho imparato questo aspetto della vita!"

Fuori controllo

La relazione tra il controllo e il lasciar andare è insegnata magnificamente nelle arti marziali. Finché la forma non è incorporata nei muscoli e nei neuroni, giochi secondo le regole. Solo quando hai raggiunto un certo grado di padronanza puoi lasciar andare. Ecco perché il classico test di abilità si basa sulla domanda: sei abbastanza abile da lasciarti fuori controllo?

Un maestro di Aikido americano racconta la sua esperienza nel sostenere il test che determinerebbe se meritava una cintura nera. Cinque studenti anziani lo hanno "attaccato" e, mentre si scontravano, ha dato il massimo. Passarono molti minuti e sentì che le sue forze cominciavano a diminuire.

Arrivò un momento in cui non ebbe altra scelta che smettere di usare i suoi muscoli e la sua volontà, e lasciare che il suo corpo facesse quello che poteva fare da solo. Muovendosi senza pensarci, ha battuto quattro degli "attaccanti", prima di essere finalmente messo a terra dal quinto.

Era sicuro di aver bocciato il test, finché non ha sentito gli altri studenti esultare. Era morto a pieni voti.

Lo scopo dell'esercizio era dargli la possibilità, di fronte a difficoltà imbattibili, di riconoscere che la sua forza personale era insufficiente e di lasciarsi andare, fidandosi del potere che aveva accumulato attraverso la pratica per sostenerlo. Lo ha fatto. Il suo corpo, muovendosi da solo, aveva eseguito le forme con un flusso perfetto e spontaneo. Si era arreso al controllo di nessun controllo e aveva trovato l'equilibrio perfetto.

Raccomandato

3 modi per migliorare la posa del ceppo di fuoco
L'ho provato: Wii Fit Yoga
I migliori sandali a tracolla per yogi