Fare yoga con l'endometriosi

—Adriana Braga, Brasile

La risposta di Esther Myers:

L'endometriosi è una condizione in cui le cellule endometriali dal rivestimento dell'utero migrano verso diverse parti del bacino e verso altri organi. Le cellule continuano a rispondere alle fluttuazioni ormonali mensili, causando sanguinamento all'interno del corpo, che può essere estremamente doloroso e può causare la formazione di tessuto cicatriziale. Il tessuto cicatriziale può essere esso stesso una fonte di notevole disagio. I trattamenti convenzionali variano dalle pillole anticoncezionali alla chirurgia alla rimozione del tessuto dell'utero, delle tube di Falloppio e delle ovaie.

La causa dell'endometriosi è sconosciuta. Una teoria suggerisce che parte del sangue mestruale scorre all'indietro dall'utero. Questo flusso retrogrado è molto comune, ma in una donna con endometriosi le cellule vaganti non vengono distrutte. (Ecco perché una donna con endometriosi dovrebbe assolutamente evitare le inversioni durante le mestruazioni). Poiché le cellule endometriali rispondono agli estrogeni, si ipotizza anche che l'endometriosi sia causata da un eccesso di estrogeni nel corpo

La quantità e la posizione del tessuto fuori posto varia enormemente da donna a donna e con ogni ciclo mestruale, il che rende difficile dare una risposta generale alle tue domande. Suggerisco di iniziare con posture molto semplici, di costruire lentamente e di osservare attentamente qualsiasi aggravamento o disagio.

Inizia con la respirazione addominale rilassata e pose come Supta Baddha Konasana (Reclined Bound Angle Pose) e Supta Virasana (Reclined Hero Pose) che aprono e allungano delicatamente l'addome e il bacino. Usa queste posizioni durante i periodi di dolore, gonfiore o disagio. Quindi concentrati sulle pose da seduto che aprono e rilasciano il bacino come Baddha Konasana (Bound Angle Pose) o Upavistha Konasana (Grandangolo seduto in avanti Bend). Salamba Sarvangasana (Shoulderstand) è particolarmente utile per le donne con endometriosi quando non hanno le mestruazioni, poiché aiuta a bilanciare il sistema endocrino.

La mia esperienza con il tessuto cicatriziale nell'addome da un'isterectomia è che i piegamenti all'indietro spesso si sentono meravigliosi in quel momento, ma possono causare crampi il giorno successivo. Inizia con piccoli piegamenti all'indietro come Bhujangasana (Cobra Pose) e Salabhasana (Locust Pose) e lavora gradualmente fino a Dhanurasana (Bow Pose), Ustrasana (Camel Pose) e Urdhva Dhanurasana (Upward Bow o Wheel Pose) per vedere quanto allungare il corpo anteriore può tollerare.

Allo stesso modo, le torsioni allungano i tessuti e stimolano il fegato, il che può essere utile per l'endometriosi. Alcuni colpi di scena potrebbero non essere comodi in determinati momenti di un ciclo mensile. Prova a iniziare con colpi di scena molto aperti come Bharadvajasana (Bharadvaja's Twist), Marichyasana I (Marichi's Pose) o Parivrtta Janu Sirsasana (Revolved Head-to-Knee Pose). Passa gradualmente a colpi di scena più intensi come Ardha Matsyendrasana (Half Lord of the Fishes Pose) o Marichyasana III.

Per rafforzare i muscoli addominali, inizia sdraiandoti sulla schiena e concentrandoti sul tirare l'ombelico verso la colonna vertebrale mentre espiri. Se non ci sono fastidi, passa gradualmente a pose che richiedono forza addominale come Chaturanga Dandasana (Four-Limbed Staff Pose) o Paripurna Navasana (Full Boat Pose). Sebbene una donna con endometriosi possa essere in grado di fare una pratica di Ashtanga o Power Yoga, non consiglio questa pratica esclusivamente. Sarebbe meglio controbilanciare una pratica vigorosa con pose che ammorbidiscono, rilassano e aprono il bacino.

Tonificare l'addome o i glutei durante la pratica va bene per rafforzare la forza, ma sconsiglio di impegnare i bandha. Uddiyana Bandha e Mula Bandha possono modificare la pressione nell'addome e nel bacino, il che può avere un effetto sugli organi. Poiché gli organi potrebbero essere già sotto stress a causa del tessuto cicatriziale, l'effetto dei bandha è troppo imprevedibile per rischiare.

Nel caso dell'endometriosi, la chiave è lavorare gradualmente. Lavora lentamente e con attenzione per scoprire cosa funziona meglio.

I 10 anni della defunta Esther Myers come studentessa di Vanda Scaravelli l'hanno ispirata a trovare il suo approccio unico e organico allo yoga. Esther ha tenuto corsi in Canada, Europa e Stati Uniti prima di morire di cancro nel 2004. Ha lasciato un manuale di pratica per principianti e un libro intitolato Yoga and You, oltre a due video, Vanda Scaravelli su Yoga e Yoga delicato per Sopravvissuti al cancro al seno.

Raccomandato

Le migliori bande di bottino
I migliori integratori CLA
7 passaggi per sfidare la gravità e l'equilibrio in verticale