Lo yoga ha aiutato Clare Cui a trovare la pace nel suo corpo

Non riuscivo a vedere molto nell'oscurità, ma potevo sentire l'odore dell'olio abbronzante che copriva i corpi tonici delle donne che erano nervosamente raggruppate in file in attesa di salire sul palco. Mentre ero lì nel mio gruppo, il mio numero appuntato sul bikini, ho guardato il mio corpo, che avevo battuto in condizioni fisiche ottimali, e ancora non mi piaceva quello che ho visto. Sono sicuro di sembrare fiducioso nella mia pelle, ma quello che volevo veramente fare era strisciarne fuori.

So che ci sono innumerevoli donne che si sentono a disagio per un po 'di schiacciamento sulla pancia o sulle cosce, chiedendosi quale nuovo allenamento o dieta intensiva provare, costantemente preoccupate di prendere decisioni "sane" su cibo ed esercizio. Per molto tempo non sono stato diverso. Ero insicuro e perseguivo costantemente il corpo "perfetto". È stata una gara che non avrei mai vinto. Sono stato inondato da messaggi negativi in ​​una cultura in cui la convalida, la lode e il valore facevano affidamento sul posizionamento in competizione. Non riuscivo a uscire dalla mentalità del get-up-and-grind. Questo corpo scolpito che continuava a raccogliere lodi divenne una dipendenza.

Questo è esattamente il motivo per cui, nonostante i tre titoli di fitness al primo posto che mi ero guadagnato quell'anno, fui lasciato a condurre una guerra segreta contro me stesso e il mio corpo. In quel momento, nell'oscurità del backstage, la mia anima stava inviando un SOS. Sapevo che qualcosa non andava.

Vedi anche I social media distruggono l'immagine del tuo corpo?

Ho lasciato quella competizione e ho cercato di tornare alla mia vita come allenatore di forza testa e condizionamento in una scuola pubblica di Denver. Ho giurato di lasciar andare obiettivi superficiali, discorsi ossessivi negativi, contare le calorie, allenamenti incessanti e ansia divorante per come apparivo sul palco. Questa spaziosità nei miei pensieri era una gradita boccata d'aria fresca, ma sembrava anche strana e vuota. Senza competizione, desideravo ardentemente la concentrazione, quindi mi sono buttato a promuovere la forza negli altri, aiutando gli studenti a liberarsi dal dolore e raggiungere i loro obiettivi fisici. 

I miei studenti avevano movimenti limitati a causa di disturbi come ACL strappati e problemi alla schiena. Sono rimasto affascinato da come si muove il corpo e da come la rigidità causi tutti i tipi di problemi. La salute non riguarda solo la forza. Stavo scoprendo un altro pezzo del puzzle: la flessibilità, sia fisica che mentale, era fondamentale. Farmi strada attraverso le competizioni sulla forza di taglio e forza di volontà come ero stato mi stava uccidendo perché non avevo la flessibilità mentale per prendermi giorni di ferie e lasciare che il mio corpo si riprendesse.

Potevo vedere che la mentalità dei miei clienti stava determinando i loro recuperi. Alcuni di loro erano testardi, bloccati su un modo di fare le cose, costringendo lo stesso approccio più e più volte con pochi risultati. Li ho visti come uno specchio, esponendo i miei stessi difetti. La rigidità non funzionava, né per loro né per me. Abbiamo bisogno di forza per superare le nostre sfide, ma anche flessibilità per ruotare quando le cose non funzionano come vogliamo.

Vedi anche Kat Fowler su Embracing Yoga and Conquering Self-Doubt

Spinto dal desiderio di saperne di più sull'aumento della flessibilità, sono entrato in un corso di formazione per insegnanti di power yoga non avendo mai seguito un corso di yoga. A metà lezione, coperto di sudore, stavo cadendo con la faccia a terra tentando Bakasana. Il mio allenatore di forza interiore era stato costretto alla sottomissione da quanto avevo sottovalutato l'intera "cosa dello yoga", ed è successo qualcosa di inaspettato: mi sono ritrovato profondamente innamorato della pratica degli asana.

Sbuffavo e sbuffavo durante le lezioni di Vinyasa, in cui ogni posa mi avvicinava a rispondere alla domanda dolorosa: come smetto di combattere con il mio corpo? Da tempo mi ero avvicinato alla mia routine di fitness come strumento per punirmi e ottenere un corpo migliore, che rispecchiasse le immagini standardizzate che vedevo nei media. Attraverso lo yoga, questa armatura ha iniziato lentamente a staccarsi. Ogni volta che tentavo di rallentare e ammorbidirmi in una posa, usando la mia forza per sostenere il mio corpo piuttosto che pretendere un risultato da esso, potevo sentire me stesso ascoltando profondamente ciò che stava per guarire invece di ferirmi. Ho iniziato a testimoniare la compassione e la gentilezza verso me stesso che mi mancava da anni.

Sì, il posizionamento intelligente delle mie ossa e dei miei muscoli nello spazio ha sostenuto la mia forza. Ma questa magica organizzazione del mio sacco di carne ambulante mi ha messo in sintonia con molto più di quanto qualsiasi dieta alla moda abbia mai avuto. Invece di considerare il mio corpo come un ostacolo sulla via di un nuovo splendente trofeo, attraverso lo yoga ho capito che questa consapevolezza nel mio corpo significava che io ero il trofeo.

Vedi anche  Jessamyn Stanley su Moving Beyond Body Positivity

Non vedevo più le mie spalle come qualcosa che aveva bisogno di più forma, ma un amato ascensore per sollevarmi più in alto in Handstands e ispirare coraggio e fiducia. Ora, non negherò assolutamente che lo yoga e l'allenamento della forza abbiano tonificato la mia schiena. Ma quello che fletto (nessun gioco di parole) regolarmente con i miei strumenti di yoga non è un muscolo fisico, ma uno interno. Le abilità di ammorbidimento, ascolto profondo e presenza erano dormienti e deboli prima che scoprissi lo yoga. Questi muscoli della mente mi permettono di vedere le forme che il mio corpo fa senza concentrarmi su come appare esternamente. Ora posso concentrarmi su come ci si sente dall'interno della posa.

Sono diventato più in sintonia con una fonte di gioia e completezza che non proviene da un giudice o da una medaglia. Viene dal profondo interiore. La vera fiducia deriva dalla consapevolezza interiore che siamo degni, belli e completi, indipendentemente dalla forma che assumiamo. 

Leggi di più in questa serie su atleti professionisti e yoga:  Perché DJ Townsel ha lasciato il campo di calcio per uno studio di yoga.

Circa l'autore

Clare Cui è un'insegnante di yoga con sede a Denver con oltre 12 anni di esperienza nell'allenamento della forza. La sua passione è supportare le donne in carriera e gli imprenditori per creare la forza nei loro corpi e nelle loro menti per mostrarsi con sicurezza nella loro pelle. Trovala su theyogathlete.com e @clare_cui su Instagram.

Raccomandato

Posa della sfida: cavalletta
5 modi per fai da te il tuo santuario yoga a casa
Come 31 giorni di meditazione in movimento hanno aiutato uno yogi a rallentare