Yoga e Lupus

Diversi anni fa, ho scritto qualcosa per Yoga Journal sull'uso dello yoga come intervento per il lupus, o lupus eritematoso sistemico (LES). Da allora, ricevo occasionalmente domande sul ruolo dello yoga nell'aiutare a gestire questa difficile malattia e, proprio la scorsa settimana, ho ricevuto sia un'e-mail da uno studente, sia da un nuovo studente in classe con il lupus, quindi ho pensato che fosse un buon momento per rivisitare questo problema per chiunque soffra o insegna a qualcuno con lupus o qualsiasi altra condizione autoimmune che può avere un impatto negativo sulla salute e sulla flessibilità delle articolazioni.

Ecco cosa avevo da dire allora:

Il Lupus Eritematoso Sistemico (LES) è una malattia autoimmune cronica (cioè quella in cui il corpo attacca se stesso). A volte è paragonato all'artrite reumatoide, tranne per il fatto che l'infiammazione del LES può interessare non solo le articolazioni ma quasi tutti gli altri sistemi corporei, inclusi pelle, cuore, polmoni e reni.

Colpisce le donne con un rapporto di 10 a 1 rispetto agli uomini; lo sviluppano comunemente tra i 30 ei 50 anni. È considerata una malattia progressiva, nel senso che peggiora gradualmente nel tempo e alterna periodi di remissione e riacutizzazioni. Studi che esaminano la relazione tra artrite ed esercizio fisico hanno scoperto che un moderato esercizio aerobico può essere utile, quindi potresti presumere che lo stesso sarebbe vero per il LES.

I miei consigli per la pratica degli asana dipendono dal fatto che ti trovi in ​​una fase priva di sintomi o di riacutizzazione. Per migliorare la salute delle articolazioni quando sono prive di sintomi, dovresti concentrarti sul corretto allineamento delle articolazioni, creare il massimo spazio nell'articolazione e sottoporre le articolazioni a una gamma completa di movimento. Una lezione in stile Iyengar di livello iniziale (o una classe in stile Anusara, o qualsiasi altra classe focalizzata sull'allineamento) sarebbe l'ideale, insieme a una delicata pratica vinyasa per la gamma di movimento.

Le cose cambiano drasticamente durante le riacutizzazioni, quando la maggior parte dei malati sperimenta una profonda stanchezza. È bene passare a una pratica più riparativa durante quei periodi. Quando si ha dolore, infiammazione alle articolazioni e un'eruzione cutanea, il corpo ha bisogno di aiuto per passare dal fuoco di alta allerta del sistema nervoso simpatico al ruolo silenzioso e di supporto dell'immunità del sistema nervoso parasimpatico.

Una pratica yoga regolare può anche aiutare la mente a osservare se stessa durante lo stress del dolore e le limitazioni fisiche. Le parti dello yoga più utili a questo riguardo sono pratyahara (ritiro dei sensi), dharana (concentrazione) e dhyana (meditazione). Ho visto i pazienti cambiare completamente il loro rapporto con le loro malattie croniche attraverso l'applicazione di questi metodi antichi.

...

Queste raccomandazioni sono ancora valide. E in termini di nuovi trattamenti tradizionali, non è cambiato molto. In effetti, la linea data è che non esiste una cura per il LES e l'obiettivo del trattamento è controllare i sintomi della malattia. I principali "strumenti" che i medici occidentali prescrivono tipicamente sono i farmaci antinfiammatori non steroidei, come l'ibuprofene, per l'artrite e i sintomi polmonari; creme steroidi topiche per eruzioni cutanee; e farmaci antimalarici più forti e steroidi orali per i sintomi della pelle e dell'artrite che peggiorano. E raccomandano la terapia della parola per affrontare la conseguente depressione e i cambiamenti di umore che spesso si verificano con il progredire della malattia.

Bene, molti praticanti di yoga con lupus hanno qualcosa da dire sulle loro esperienze su come la pratica può aiutare a gestire la malattia. La blogger Daisy Seale-Barnes, che scrive Living Well With Lupus, ha persino affermato in modo semplice ed eloquente che lo yoga abbassa i suoi livelli di stress e meno stress ha significato meno sintomi di lupus per lei!

Le principali aree di beneficio dello yoga su SLE includono quanto segue:

Flessibilità e mobilità migliorate

Energia fisica migliorata

Gestione dello stress

Gestione del dolore

Umore e capacità di adattamento migliori

Il lupus è una malattia variabile, il che significa che colpisce ogni paziente in modo diverso, rendendo lo yoga un intervento quasi perfetto poiché la pratica può essere personalizzata per la serie di sintomi che ogni persona deve affrontare. Sviluppare una pratica domestica e trovare una buona lezione pubblica adatta a te può fare molto per rendere più gestibile una malattia difficile.

Uno studio del 2009 sui potenziali benefici dello yoga per i pazienti affetti da artrite reumatoide ha mostrato una riduzione del dolore articolare e del gonfiore dopo un programma di yoga di otto settimane modificato per adattarsi alla loro ridotta flessibilità e ad altri sintomi.

Poiché i pazienti affetti da lupus sviluppano spesso artrite oltre all'infiammazione cronica di tutto il corpo, si potrebbe stabilire una ragionevole correlazione che lo yoga potrebbe avere lo stesso beneficio per il LES che questo studio ha trovato per l'artrite. Inoltre, oltre alle raccomandazioni che ho fatto nel 2006, aggiungerei lo yoga nidra all'elenco delle pratiche riparatrici che possono essere particolarmente utili per le persone con lupus per quasi tutti i sintomi che si verificano in un dato giorno.

Raccomandato

Piegamento in avanti dalla testa al ginocchio
13 ritiri di yoga che puoi effettivamente permetterti nel 2018
8 passaggi per padroneggiare e perfezionare la posa dell'albero