La verità sullo yoga e sui disturbi alimentari

Kelly Parisi aveva solo 21 anni quando il suo cuore si è fermato. Sua madre, Barbara, è entrata nella sua camera da letto intorno alle 21:00 di un sabato sera di settembre 2012, con smalto per unghie e bastoncini per cuticole in mano, pronta per la pedicure notturna. Invece, ha trovato Kelly accasciata, senza fiato e incosciente, in Supta Virasana (Fallen Hero Pose).

Non trovando alcun polso in sua figlia, Barbara, un'infermiera, ha afferrato il suo telefono, ha chiamato il 911 e ha iniziato la RCP. "Non mi rendevo conto di quanto fosse fragile Kelly fino a quando non le ho sollevato la camicia", dice. “Sono andato a contare le sue costole per iniziare le compressioni, e non dovevo provarle - le vedevo. Il suo petto era come quello di un bambino di 10 anni. "

Una studentessa universitaria eterosessuale, Kelly era tornata a casa dei suoi genitori in un sobborgo di Boston circa otto mesi prima, dopo aver subito una violenza sessuale nel campus. Era alle prese con ansia, depressione e stress post-traumatico e lo yoga era diventato il suo "posto sicuro", dice Barbara. Era una pratica che la aiutava a rilassarsi, una comunità che la faceva sentire sicura e un esercizio che la aiutava a sentirsi forte e di nuovo in controllo del suo corpo.

Vedi anche  Yoga per disturbi alimentari

Ma Kelly era anche diventata "compulsiva" riguardo allo yoga, ricorda Barbara, trascorrendo ore allo Yoga Loft nella vicina Wilmington dove aveva iniziato un corso di formazione per insegnanti di yoga e rifiutando il cibo perché non voleva disturbare il suo stomaco durante la pratica. Oltre alla sua pratica yoga due volte al giorno (in genere durante lezioni vigorose e calde), correva regolarmente sul tapis roulant, limitando la sua dieta e facendo occasionali purificazioni con succhi. Aveva perso peso da quando era tornata a casa e non aveva le mestruazioni da mesi, qualcosa che aveva sperimentato come pattinatrice sportiva da adolescente. “Non era fuori dalla norma per lei; Non pensavo fosse così serio come lo era ", dice Barbara.

L'ambulanza è arrivata a casa dei parigini verso le 21:30. Poco dopo, Kelly è stata dichiarata morta. La causa ufficiale della morte: intossicazione accidentale da anfetamine. Kelly aveva preso stimolanti su prescrizione per il suo ADHD da anni, ma non c'erano segni che avesse preso più della dose prescritta. Tuttavia, il suo indice di massa corporea rasentava il sottopeso e Barbara ricorda l'EMT dicendo che lo zucchero nel sangue di sua figlia era estremamente basso. Entrambi sono noti indicatori di denutrizione prolungata e anoressia, afferma Urszula Kelley, MD, specialista in disturbi alimentari presso il Children's Medical Center di Dallas. E altri comportamenti ed effetti collaterali associati ai disturbi alimentari - denutrizione, sudorazione, vomito, uso di lassativi e conseguente disidratazione - possono portare a pericolosi ritmi cardiaci irregolari e squilibri elettrolitici che,se esacerbato da stimolanti o esercizio aerobico, può provocare morte cardiaca improvvisa. Infatti, le complicanze cardiache sono una delle cause di morte più comuni tra i pazienti con anoressia e bulimia.

"Il mio cuore soffre ogni secondo di ogni ora di ogni giorno", dice Barbara, il cui ricordo di sua figlia e il dolore di perderla è vivido oggi come lo era quella notte di due anni fa. “Vedo i suoi amici che si diplomano, trovano lavoro, si fidanzano e mi chiedo cosa farebbe adesso. Ma non mi pento di averla avuta per un millisecondo nella mia vita, poiché sono una persona migliore per il tempo che è stata nella mia vita ".

Vedere anche  6 Women Tackle Body Image in the Practice of Leadership Series

Combustibile malsano per un'alimentazione disordinata

Come pratica di guarigione, lo yoga ha aiutato innumerevoli persone a riprendersi da disturbi fisici ed emotivi vari come emicrania, sciatica e PTSD. Ma per le persone con abitudini alimentari disordinate o con una cattiva immagine corporea - che comprende circa l'80% delle donne americane, secondo la ricerca - contare sulla promessa dello yoga di guarigione emotiva e spirituale può essere pericoloso: attratti dallo yoga come mezzo di auto-guarigione cura, possono invece trovare rinforzi per comportamenti pericolosi di controllo del peso in una cultura dello studio che celebra sempre più la magrezza, la flessibilità e la perfezione della forma.

E mentre una pratica che incoraggia una connessione mente-corpo e la consapevolezza di sé potrebbe sembrare l'ultimo posto per trovare carburante per un'alimentazione disordinata, uno studio sull'International Journal of Eating Disorders ha rilevato che gli studenti di yoga sono a rischio uguale o maggiore del generale popolazione. "Non possiamo dire se lo yoga fa male o aiuta, ma penso che alcune persone che hanno a che fare con un'alimentazione disordinata e insoddisfazione del corpo siano attratte dallo yoga perché cercano una risposta", afferma l'autore dello studio Dianne Neumark-Sztainer, PhD , che fa ricerche sull'immagine del corpo e sui disturbi alimentari presso la University of Minnesota School of Public Health.

Aneddoticamente, gli insegnanti di yoga riferiscono di vedere più motivi di preoccupazione, tra cui notare studenti sottopeso che prendono più lezioni al giorno, svenimenti in classe o praticano durante una pulizia con succo ipocalorico. "Molti praticanti di yoga lottano con un'alimentazione disordinata e un'immagine negativa del corpo", afferma Bo Forbes, insegnante di yoga e psicologo clinico specializzato nell'applicazione terapeutica dello yoga per disturbi psicologici. “Non è sufficiente essere magri; Le yogi femminili spesso sentono la pressione di essere magre, forti e flessibili. Stanno criticando i loro corpi con ideali irraggiungibili ".

Vedi anche  Una pratica per aiutarti a rompere con la tua cattiva immagine corporea una volta per tutte

Da un punto di vista clinico, alcuni esperti di trattamento dei disturbi alimentari temono che i pazienti si rivolgono allo yoga per bruciare calorie, sopprimere la fame o intorpidire il dolore emotivo, ma sotto le spoglie di una pratica devota e di un'alimentazione pulita, la loro malattia passa inosservata. Questo era vero per Kelly Parisi. Era una studentessa di punta allo Yoga Loft, e i suoi istruttori di insegnanti e compagni di studio non hanno mai sospettato che stesse lottando. “Sembrava in buona salute. Solo davvero in forma ", afferma Jen Ryan, proprietaria dello studio e leader della formazione per insegnanti di yoga di Kelly. Invece, le sue ore di pratica e di volontariato presso lo studio sono state viste come un segno di dedizione e vivacità. È stata soprannominata "l'elastico" per la sua flessibilità.

"Come comunità, è importante che iniziamo a cercare i segni dei disturbi alimentari - studenti che sono eccessivamente magri, compulsivi nella loro pratica, ossessionati dal raggiungere la posa e fare di più, di più, di più - a loro manca il fatto che lo yoga è davvero sull'essere gentili e prenderti cura di te stesso ", afferma Maty Ezraty, fondatrice di YogaWorks, insegnante e formatrice di insegnanti per 35 anni. “Oggi, molte persone usano lo yoga come programma di esercizi. Il pubblico fa pressione sugli insegnanti di yoga affinché diano loro un allenamento. E gli insegnanti, soprattutto i giovani, cedono alla pressione perché vogliono attirare più studenti ".

Eppure la stessa pratica che può esacerbare i problemi di immagine corporea e disturbi alimentari può anche aiutare a guarirli e prevenirli. La ricerca sta trovando effetti positivi dallo yoga nel trattamento, tra cui un recente studio presso il Seattle Children's Hospital, che ha dimostrato che lo yoga terapeuticamente informato ha ridotto significativamente i sintomi dei disturbi alimentari, l'ansia e la depressione tra gli adolescenti. I medici stanno prendendo nota: più della metà dei centri di trattamento ospedaliero negli Stati Uniti incorpora lo yoga come terapia aggiuntiva, riporta il Journal of Eating Disorders. "Gli individui con disturbi alimentari spesso lavorano così duramente per disconnettersi dal proprio corpo", afferma Robyn Caruso, direttore esecutivo del A New Journey Eating Disorder Treatment Center a Santa Monica, California. "Lo yoga aiuta molti dei nostri clienti a riconnettersi al proprio corpo in modo nutriente."

Se lo yoga può sia aiutare che ferire gli studenti vulnerabili, la domanda rimane: quali aspetti sono positivi e quali sono dannosi e come può la comunità yoga proteggere gli studenti dai rischi?

Vedi anche  Perché il corpo negativo parla ti sta rovinando la vita (+ 3 modi per fermarlo ora)

Il lato autodistruttivo della dedizione

Pochi giorni dopo la morte di Kelly, uno dei suoi compagni di classe ha fatto visita a Barbara e le ha detto che una volta Kelly aveva confessato di essere alle prese con un disturbo alimentare. La notte seguente, Barbara è andata nella stanza di sua figlia per cercare indizi e ha scoperto quaderni pieni di conteggi di calorie e registri di esercizi che tracciavano le pratiche yoga di Kelly al minuto. C'erano categorie per pratiche "vigorose" e pratiche "facili", e alcuni giorni Kelly faceva più di tre ore di yoga in totale, il tutto nutrendosi di poco più che snack, Red Bull senza zucchero, kombucha, lassativi e occasionali chai latte.

Il rapporto ossessivo di Kelly con lo yoga non è atipico per le persone con disturbi alimentari, dice Caruso, che usa cautela quando suggerisce lo yoga ai pazienti. La pratica degli asana può giocare in un esercizio compulsivo o eccessivo, un sintomo caratteristico tra i malati di anoressia e bulimia che vogliono bruciare calorie indesiderate, alleviare il senso di colpa di consumare "troppo" cibo o intorpidire le loro emozioni. Forbes chiama la versione yoga di questa "yogarexia", che definisce come praticare in eccesso per evitare sensazioni di disagio, tra cui andare a più lezioni di yoga al giorno (spesso riscaldate o con ritmo veloce), evitare impegni sociali e diventare rigidi sulla lunghezza e intensità della propria pratica quotidiana. Nutrirsi di questo è il concetto comune, spesso insegnato durante le lezioni, dello yoga come percorso per l'auto-miglioramento, che può spingere gli studenti vulnerabili a pensare di non essere mai abbastanza bravi."Vedo sempre più persone che usano la pratica fisica per modellare e perfezionare i loro corpi piuttosto che sviluppare più autocompassione", dice Forbes.

Lauren Medeiros, 31 anni, è caduta in questa mentalità autocritica durante le sue lotte con l'anoressia. Dopo aver sviluppato la malattia al college e aver cercato di guarire in due diversi centri di trattamento ospedaliero senza successo, si è rivolta allo yoga, sperando che la pratica gentile che aveva scoperto per la prima volta al liceo l'avrebbe aiutata. Invece, l'ha spinta più a fondo nella malattia.

Vedi anche  Cosa mi ha insegnato lo yoga sul mangiare sano

"Man mano che sono migliorata nello yoga e ho iniziato a identificarmi come yogi, sono diventata più dura con me stessa e con le mie prestazioni", dice. L'immagine di una yogini ideale come magra, tonica e spirituale - rappresentata nelle immagini dei media e spesso personificata nei suoi compagni di classe - divenne un metro di valutazione che usava per criticare e rimproverare se stessa. Non sperimentava più la pratica come un modo per sentirsi a suo agio nel suo corpo, come aveva fatto da adolescente. "La mia attenzione è diventata meno un viaggio interiore e più concentrata sull'adattamento", dice.

Inoltre, i compagni studenti spesso rinforzavano involontariamente la sua immagine del corpo distorta. "Ricordo che a uno dei miei pesi più bassi, dicevano, 'Scommetto che se fossi magro come te, potrei mettermi in quella posa!'"

Alcuni degli insegnamenti filosofici che Lauren ha ascoltato in classe, inclusi i precetti morali di Patanjali di brahmacharya (controllo dei sensi) e saucha (pulizia del corpo), hanno anche alimentato i suoi sentimenti di inadeguatezza. "Sentivo di non essere abbastanza pura o spirituale", dice. “A volte ho usato le filosofie come giustificazione per criticarmi e morire di fame. Sentivo che non avrei dovuto provare desiderio o piacere. "

Il principio del saucha, quando insegnato fuori contesto o semplificato in modo eccessivo, può suonare come un altro motivo per vedere il tuo corpo come sporco o imperfetto, afferma Forbes, rafforzando la convinzione negativa di sé che è alla base dei disturbi alimentari. E tale insegnamento può motivare alcune persone a intraprendere una delle purificazioni radicali e ipocaloriche popolari nella comunità dello yoga. (Una ricerca su Google mostra dozzine di programmi di pulizia e disintossicazione e prodotti a base di succhi commercializzati con il termine "saucha".)

Ma nonostante la loro reputazione, i digiuni prolungati del succo sono inefficaci: la perdita di peso è probabilmente temporanea e secondo Michael Strober, PhD, direttore del Centro per il trattamento dei disturbi alimentari dell'Università della California di Los Angeles, il tuo corpo non ha bisogno di alcun aiuto con la disintossicazione - il nostro i sistemi fisiologici liberano naturalmente le tossine e i prodotti di scarto. "Il digiuno di succo per 'disintossicazione' non ha alcuna logica ragionevole", dice. Una dieta peggio e ipocalorica può anche innescare disturbi alimentari in piena regola nelle persone vulnerabili, afferma Neumark-Sztainer. E può essere decisamente pericoloso, e può portare a irregolarità cardiache, ipoglicemia, carenze nutrizionali e persino alla morte.

Vedi anche  14 modi per praticare un'alimentazione consapevole

Il percorso verso la guarigione

Dopo quasi 12 anni di lotta con la sua malattia, Lauren pesava solo 68 libbre. Sapeva di aver bisogno di aiuto. Alla ricerca di guarigione emotiva e crescita spirituale, ha tentato un ritiro di yoga presso l'Omega Institute di Rhinebeck, New York, nel 2013. Ma anche nell'ambiente di cura del ritiro, la sua malattia persisteva e non riusciva a tornare a un peso sano. Dopo che i suoi genitori l'hanno supplicata di riprendere il trattamento, ad aprile è stata ricoverata in un'altra clinica per disturbi alimentari, ma si è sentita scoraggiata per l'improvvisa perdita di controllo e privacy (non poteva nemmeno andare in bagno senza supervisione). Le mancava anche la pratica dello yoga, che il suo team di trattamento non le ha permesso di impedirle di fare sforzi e bruciare calorie. La parte più difficile, tuttavia, era l'estremo disagio del suo programma di rialimentazione prescritto.Sebbene spesso necessario dal punto di vista medico per aiutare i pazienti a tornare a un peso vitale, questo tipo di protocollo può richiedere ai pazienti di mangiare tra 3.000 e 8.000 calorie ogni giorno nel corso di cinque o sei pasti. In alcuni casi, i pazienti devono finire di mangiare entro un tempo limitato, oppure saranno alimentati forzatamente con un sondino nasogastrale. Per Lauren, la rialimentazione è stato un processo traumatico dal punto di vista fisico ed emotivo che l'ha ulteriormente scollegata dal suo corpo. "Ho passato anni ad allenarmi a ignorare la fame con il mio disturbo alimentare", dice Lauren. "Il trattamento mi ha insegnato a ignorare anche i miei segnali di pienezza."i pazienti devono finire di mangiare entro un tempo limitato o saranno alimentati forzatamente con un sondino nasogastrale. Per Lauren, la rialimentazione è stato un processo traumatico dal punto di vista fisico ed emotivo che l'ha ulteriormente scollegata dal suo corpo. "Ho passato anni ad allenarmi a ignorare la fame con il mio disturbo alimentare", dice Lauren. "Il trattamento mi ha insegnato a ignorare anche i miei segnali di pienezza."i pazienti devono finire di mangiare entro un tempo limitato, oppure saranno alimentati forzatamente con un sondino nasogastrale. Per Lauren, la rialimentazione era un processo traumatico fisicamente ed emotivamente che la disconnetteva ulteriormente dal suo corpo. "Ho passato anni ad allenarmi a ignorare la fame con il mio disturbo alimentare", dice Lauren. "Il trattamento mi ha insegnato a ignorare anche i miei segnali di pienezza."

Tre settimane dopo il suo trattamento e ancora in bilico sotto i 80 libbre, ha abbandonato il programma, tornando a casa ad Austin, in Texas, per cercare di riprendersi da sola. Ora sta vedendo un terapista e nutrizionista e ha smesso di frequentare lezioni di yoga pubbliche, praticando invece yoga delicato al suo ritmo a casa.

Vedi anche  10 modi per amare te stesso (di più) nel mondo moderno

Ma la sua guarigione rimane una battaglia in salita. I tradizionali programmi di trattamento dei disturbi alimentari hanno un basso tasso di successo: i tassi di abbandono nei programmi ospedalieri per l'anoressia raggiungono il 46%, secondo uno studio del 2008, e tra i pazienti che lo fanno, circa la metà ricaduta. Alcuni esperti e medici pensano che la chiave mancante per il recupero a lungo termine possa essere la ricostruzione della consapevolezza del corpo. Un'area di ricerca in crescita suggerisce che questi pazienti potrebbero sperimentare un deficit di ciò che i neuroscienziati chiamano consapevolezza interocettiva: la capacità di percepire stati corporei interni inclusi segnali di fame e pienezza, emozioni, dolore, sete e frequenza cardiaca, secondo Neumark-Sztainer. Lo yoga, insegnato terapeuticamente, può essere adatto per aiutare i pazienti a rilanciare la consapevolezza interocettiva, dice.

La ricerca è ancora agli inizi, ma è promettente. Ad esempio, uno studio dell'Università della California, a Berkeley, ha dimostrato che i praticanti di yoga avevano una maggiore consapevolezza del corpo e una maggiore reattività alle sensazioni corporee rispetto ai non praticanti. E poiché lo yoga ha documentato il successo nell'aiutare con altre condizioni di salute mentale che sono spesso in comorbilità con disturbi alimentari, come PTSD, ansia e depressione, alcuni medici lo stanno provando con i pazienti, con buoni risultati.

Nora Groeschel, 31 anni, è stata introdotta allo yoga dal suo team di trattamento e gli attribuisce il merito di averla aiutata a riprendersi completamente dall'anoressia che ha combattuto per quasi 10 anni. Un farmacista di Madison, Wisconsin, Nora ha lottato per la prima volta con un'alimentazione disordinata al college. Al terzo anno di scuola di farmacia, dice, si sentiva intrappolata in un ciclo avvincente di fame, spurgo e esercizio compulsivo e si era isolata dagli amici. Lo schema è continuato quando si è sposata - trascorreva almeno due ore al giorno in palestra e limitava l'assunzione di cibo - e all'età di 28 anni il suo peso ha toccato un nuovo minimo. Una sera il marito di Nora la fece sedere e le lesse un elenco di nomi. "Sai cos'hanno in comune tutte queste persone?" le chiese. "Sono tutti preoccupati per il tuo peso e la tua vita."

Vedi anche  5 modi per infondere il tuo dialogo personale con amore per te stesso

Ispirata e determinata a riprendersi, Nora iniziò a vedere un terapista e nutrizionista. Ma il miglioramento è stato lento; continuava a odiare il suo corpo, si sentiva insensibile alle sue emozioni e non poteva lasciare andare la sua routine di esercizi vigorosi di cinque giorni alla settimana. Quando il suo team di trattamento ha suggerito lo yoga, era riluttante a sostituire un allenamento in palestra con un'attività più delicata. Ma una volta provata, dice che è diventata "la modalità più utile" nel suo recupero, incoraggiando una relazione più compassionevole con il suo corpo. Attribuisce agli elementi introspettivi dello yoga - meditazioni incentrate sulla sintonizzazione delle sensazioni, insegnamenti sull'amore per se stessi, movimento e respirazione all'unisono in un gruppo - che l'hanno aiutata a ritrovare la sensazione di essere a casa nel suo corpo. "Sono rimasto stupito dal comfort che i miei compagni di classe avevano nei loro corpi, specialmente le donne concorpi flessibili o curve più grandi del mio ", dice. "Avevano alcune delle pratiche più graziose che avessi mai visto."

Melody Moore, PhD, psicologa clinica con sede a Dallas che usa lo yoga nel suo lavoro con i pazienti con disturbi alimentari, afferma che lo yoga insegnato con consapevolezza del respiro e consapevolezza può aiutare i pazienti a imparare a regolare e calmare le emozioni difficili piuttosto che reprimerle attraverso comportamenti compulsivi, e anche per ritrovare un senso di gioia nel proprio corpo e di autoaccettazione.

"Nello yoga, la connessione al respiro può nutrire una connessione con i propri veri sentimenti e bisogni", afferma Moore. "La pratica consente a qualcuno che ha limitato o mangiato troppo un'opportunità di sintonizzarsi con il proprio corpo e rispondere con compassione e gentilezza." Considera lo yoga uno strumento così prezioso per i suoi pazienti che ha co-fondato l'Embody Love Center, un centro di trattamento che incorpora yoga e nutrizione olistica, e l'Embody Love Movement, un programma di sensibilizzazione nelle scuole e nei campus universitari che include lo yoga per aiutare le persone a guadagnare consapevolezza del corpo e prevenzione dei disturbi alimentari.

Vedi anche  Come un insegnante di yoga ha recuperato la sua immagine corporea sana di fronte alla vergogna

Creazione di spazi sicuri

Man mano che lo yoga continua a diventare più popolare di giorno in giorno, aumentano sia i rischi per gli studenti che lottano con l'immagine del corpo e problemi alimentari, sia l'opportunità di prevenzione. Gli insegnanti hanno un crescente senso di urgenza per determinare come mantenere gli studenti vulnerabili al sicuro e per rendere i loro studi un paradiso per atteggiamenti e comportamenti positivi.

Ripensando al ruolo dello yoga nel suo recupero, Nora afferma che il dosaggio è stato fondamentale per utilizzare la pratica in modo sano. "Se avessi trovato lo yoga al culmine del mio disturbo, sarei andata negli studi più caldi, nelle pratiche più difficili", dice. Invece, il suo team di trattamento le ha fatto iniziare con una sola lezione alla settimana, un approccio moderato secondo i medici è la chiave per gli studenti con queste malattie. Se uno studente ha un peso pericolosamente basso o si impegna in comportamenti di eliminazione, Moore suggerisce di astenersi del tutto dall'asana.

Tara Stiles, fondatrice del popolare Strala Yoga con sede a New York City, lei stessa ha sofferto di un disturbo alimentare nella sua tarda adolescenza e afferma che la sua esperienza personale la fa sentire responsabile per aiutare a proteggere gli studenti. Quando sospetta che uno studente stia lottando, allunga la mano e stabilisce limiti precisi quando necessario. "Non voglio che qualcuno che pesa 80 libbre sia in una lezione di yoga", dice. “Sono i benvenuti a frequentare lo studio, magari a prendere lezioni di gentilezza. Ma non posso tenerli al sicuro quando facciamo flessioni o Handstands. Se cadono, romperanno le ossa ". Stiles sottolinea anche che è importante che gli studenti sappiano di essere curati e che il suo studio sia uno spazio accogliente. “Li invito a pranzo fuori e se dicono che hanno già mangiato io dico: 'Beh, che ne dici di cena?' Se ci tieni a loro,non puoi fingere che niente sia sbagliato. "

Vedi anche  6 estratti su Yoga e immagine corporea

Ma poiché spesso è difficile riconoscere uno studente che potrebbe essere alle prese con un disturbo alimentare o a rischio per uno, è fondamentale che gli insegnanti pensino in termini di prevenzione, dice Forbes, e scelgano un linguaggio che promuove l'auto-accettazione, non l'autocritica. "Gli insegnanti di yoga sanno che dovrebbero inviare questo messaggio di 'ama il tuo corpo', ma in realtà potrebbero erroneamente inviare un messaggio di 'il tuo corpo ha bisogno di essere aggiustato'", dice. "Invece di enfatizzare la forma o la forma di una posa o pratica, dovremmo enfatizzare la qualità della consapevolezza nella posa e la capacità di sentire e risvegliare parti del nostro corpo e consapevolezza che non sono sveglie."

Neumark-Sztainer è d'accordo: “Se sento un insegnante parlare di six-pack o disintossicazione, non tornerò a quella classe. Essere consapevoli della lingua che stanno usando è qualcosa che ogni insegnante può fare ".

Un fattore chiave che può rendere lo yoga di supporto per coloro che lottano è trovare la giusta comunità. Nora dice che la componente più importante della sua guarigione è arrivata quando si è unita a un gruppo di supporto basato sullo yoga a Madison, facilitato dalle insegnanti di yoga Amanda Ginther e Sarah Higgins, entrambe guarite da un'alimentazione disordinata. (Il loro programma fa parte di Eat Breathe Thrive, un'organizzazione senza scopo di lucro gestita da questo scrittore.) Lì, ha stretto un legame con altri studenti che stavano lavorando con una serie di disturbi alimentari e di immagine corporea. "Non mi sono mai sentita così supportata, non sola e autorizzata", dice. "La connessione e la sicurezza che ho sentito con il gruppo sono state sorprendenti: ero vulnerabile, ma supportata."

Ora con un peso sano, Nora vuole fare agli altri il dono che le ha cambiato la vita e sta facendo un corso di formazione per insegnanti di yoga di 200 ore. "Per 10 anni ho cercato di riprendermi da sola", dice. “La pratica dello yoga mi ha praticamente salvato la vita. Mi sento vivo, mi sento connesso agli altri, mi sento unito al mio corpo e al mio respiro. Voglio che gli altri lo abbiano, devo condividerlo. "

Vedi anche  Unf'withable: A Two-Hour Yoga Playlist per Empower Yourself

Chelsea Roff è la fondatrice di Eat Breathe Thrive , un'organizzazione no profit supportata dalla Give Back Yoga Foundation che aiuta le persone a riprendersi completamente da un'alimentazione disordinata e dall'immagine negativa del corpo attraverso lo yoga e programmi di sostegno della comunità. Dopo essersi ripresa dall'anoressia nella tarda adolescenza, Roff ha lavorato come autrice, relatrice e sostenitrice per offrire yoga nel trattamento dei problemi di salute mentale. Scopri di più sul suo lavoro su eatbreathethrive.org.

Per donare al Kelly Parisi Memorial Fund, che sostiene l'educazione e la sensibilizzazione sui disturbi alimentari nella comunità dello yoga, visitare kellyparisimemorialfund.com.

Raccomandato

Le migliori bande di bottino
I migliori integratori CLA
7 passaggi per sfidare la gravità e l'equilibrio in verticale