Impara lo yoga basato sul trauma con Hala Khouri

In molti circoli di yoga e guarigione, "informati sul trauma" è diventato un po 'una parola d'ordine, riferendosi a pratiche che sono sensibili ai bisogni dei sopravvissuti al trauma o che affrontano specificamente i sintomi. Le intenzioni fondamentali di una pratica yoga informata sul trauma sono di aiutarti a trovare un senso di radicamento e sostegno nel tuo corpo, di connetterti alle sensazioni in modo sicuro e di usare la pratica per aiutarti a fidarti di nuovo dei segnali del tuo corpo. In questo modo, puoi imparare ad autoregolarti e trovare un senso di sicurezza fisica, emotiva e psicologica, oltre che di presenza ed equilibrio.

La metodologia informata sul trauma riguarda meno pose o sequenze specifiche e più il focus di ciascuna posa e il modo in cui è abitata. In definitiva, il ritmo, il ritmo e la sequenza della pratica hanno lo scopo di aiutare a creare un senso di sostegno in modo che i praticanti possano provare sensazioni ed emozioni senza essere sopraffatti. Dico spesso che si tratta di imparare a tollerare il disagio in modo da poterlo superare piuttosto che scappare da esso; un trauma irrisolto può lasciarti in un costante stato di disconnessione. Lo yoga può aiutarti a liberarti dalla morsa del passato in modo da poter essere veramente presente in modo autentico e incarnato.

Vedi anche  Un terapista yoga condivide la verità sul trauma

Eventi traumatici (incidenti stradali, abusi, disastri naturali, violenza, morte) possono sopraffare la tua capacità di far fronte e di reagire. Così possono alti livelli di stress. Il trauma irrisolto influisce sulla regolazione generale dell'umore e sulla salute fisica e può farti sentire disconnesso dal tuo corpo. Può manifestarsi come ansia, depressione, problemi digestivi, mal di testa, mal di schiena o malattie autoimmuni. Il trauma può farti sentire dissociato, dove non ti senti affatto, o altamente attivato, dove provi intense risposte emotive o fisiche a determinati stimoli. Gli effetti variano da persona a persona e non esiste un tipo di pratica yoga che funzioni per tutti. Detto questo, alcuni strumenti di base per lo yoga possono essere utili per quasi tutti coloro che lottano con traumi irrisolti o stress elevato.

La mia formazione in psicologia clinica e Somatic Experiencing (SE), una psicoterapia basata sul corpo che aiuta le persone a liberare l'energia da stress traumatico dal corpo per riportarla al suo stato naturale e regolato, fornisce una struttura che può essere applicata alla maggior parte degli stili di yoga al fine di informarli sui traumi.

Vedi anche  Ricerche mostrano che lo yoga basato sul trauma aiuta le ragazze nel sistema di giustizia minorile a guarire

Metodologia basata sul trauma: sentirsi radicati, centrati e presenti nel proprio corpo

Concentrati su quanto segue in ogni posa: senti le parti del tuo corpo che entrano in contatto con il suolo, coinvolgi i muscoli centrali per sostenere la parte bassa della schiena (evita di afferrare o cercare di appiattire lo stomaco) e respira. Quando respiriamo profondamente, può creare una risposta di rilassamento nel sistema nervoso. Vuoi sentire che il tuo respiro è disponibile per te piuttosto che forzato. A volte non abbiamo accesso a un respiro profondo e cercare di forzarlo non è utile; in questi casi, concentrati sulla messa a terra o sul centraggio.

Presta attenzione a come si sente ogni posa durante e dopo, e non solo nei muscoli e nelle articolazioni; nota se ti senti calmo, ansioso, stanco o vigile. Vuoi sentirti regolato, anche in una posa vigorosa. Se una posa ti fa sentire ansioso o sopraffatto, saltala o torna indietro. Prova la seguente sequenza nell'ordine che preferisci. Non importa se lo pratichi guidando con il lato destro o sinistro; sii coerente. Gli occhi possono essere aperti o chiusi, a seconda di quale ti permette di sentirti più presente. Questo può cambiare di momento in momento.

Vedi anche  Ecco come stiamo usando la nostra esperienza di trauma per aiutare gli altri

1. Tadasana

1/23

Circa l'autore

Hala Khouriè un'insegnante di yoga e consulente somatico interessato a utilizzare il potere delle pratiche incarnate per curare i traumi negli individui e nelle comunità mentre affronta l'impatto dell'ingiustizia sociale. Insegna yoga e arti del movimento da più di 25 anni e fa lavoro clinico e formazione da 15 anni. Ha conseguito una laurea in psicologia e un master in psicologia del counseling e psicologia di comunità. Hala conduce corsi di yoga informati sulla trama a livello nazionale ed è cofondatrice di Off the Mat, Into the World. Scopri di più su halakhouri.com.

Raccomandato

Le migliori solette ad arco alto
"Pratica e tutto sta arrivando."
Kathryn Budig Challenge Pose: Ganda Bherundasana