Aiuto per l'ernia

Secondo il neurologo di Filadelfia Julio Kuperman, MD, che pratica yoga da 25 anni e insegna da 10, ricevere una diagnosi di ernia non significa la fine della tua pratica yoga. In effetti, ha curato la propria ernia inguinale (zona inguinale) con lo yoga. Per tutti i tipi di ernia, è importante consultare un medico di fiducia (e un insegnante di yoga qualificato). Sia il dottor Kuperman che il dottor Jeff Migdow, MD, uno yogi praticante con una pratica medica olistica presso il Kripalu Center for Yoga & Health a Lenox, Massachusetts, credono che una pratica yoga delicata possa aiutare a portare forza alla muscolatura dove si manifesta l'ernia .

Secondo il dottor Kuperman, le ernie addominali (o ombelicali) sono il risultato della debolezza dei muscoli del retto dell'addome, che vanno dal pube alla gabbia toracica. Suggerisce di iniziare con alcuni sit-up yogici. Sdraiati sulla schiena con le mani dietro la testa, le ginocchia piegate e solleva solo la testa dal pavimento (niente arricciature o scricchiolii!). Potresti voler evitare pose che esercitano una pressione eccessiva sull'addome, come colpi di scena e Navasana completa (posizione della barca). "Esercitati in posizioni erette come Vrksasana (Tree Pose), che stabilizza lo psoas e la colonna lombare", afferma il dott. Kuperman. Anche se sei attratto da una pratica più forte, piacevole e facile è ciò di cui hai bisogno ora.

Molti soffrono anche di un'ernia iatale, che è una sporgenza dello stomaco nel diaframma. Le persone che ne soffrono dovrebbero anche evitare posture che esercitano pressione sull'addome, come Cobra, Bow e Bridge. Praticare una respirazione lenta e profonda può rassodare i muscoli diaframmatici. E con un'ernia iatale, è meglio evitare le inversioni, che possono rimandare gli acidi dallo stomaco nell'esofago.

Raccomandato

Posa della sfida: cavalletta
5 modi per fai da te il tuo santuario yoga a casa
Come 31 giorni di meditazione in movimento hanno aiutato uno yogi a rallentare