Oh mia dea: invocare la tua energia femminile interiore

Ellen è una studentessa di medicina e pensa a se stessa come a una persona razionale che non si dedica a esperienze mistiche. Ma un giorno, mentre chiudeva gli occhi e si rilassava a Savasana, Ellen sentì una potente energia materna intorno a lei e "vide" la dea indù Durga, la cui immagine adornava la parete posteriore dello studio di yoga. Per un momento, il viso della dea dalle molte braccia indugiò davanti a lei, apparendo vivo e pieno di amore compassionevole. Poi l'immagine scomparve, anche se la dolce e forte energia rimase con Ellen per ore.

Mesi dopo, in un seminario di meditazione, mi ha chiesto cosa pensavo significasse la sua esperienza. Dopo aver appreso che era stata nel bel mezzo delle pressioni della scuola di medicina, ho detto che forse la Grande Madre stava offrendo un po 'di sostegno.

Quando Ellen mi ha guardato con sguardo assente, le ho suggerito di provare di nuovo ad accedere all'energia. "Nessun preconcetto. Siediti in meditazione e chiedi all'energia di Durga di essere con te. Quindi nota come ti senti." Suonando estremamente incerta, Ellen mi ha chiesto cosa avrebbe dovuto aspettarsi. Ho resistito alla tentazione di dire qualcosa di imperscrutabile, come "Non aspettarti niente", e le dissi: "Probabilmente sentirai un'energia che dà potere e benigna, energia che può aprirti a una fonte di forza più profonda".

La pratica che ho suggerito a Ellen si chiama yoga della divinità, e non è specifica della tradizione indù. I cristiani fanno una pratica simile, invocando Cristo o Maria o altri santi. I buddisti invocano diverse forme del Buddha. Nelle tradizioni yoga, la dea è considerata l'incarnazione dell'energia vivificante. Sia che incontriamo questa energia spontaneamente, come ha fatto Ellen, o la esploriamo deliberatamente come pratica, l'energia del divino femminile può aprirci alla nostra fonte interiore di potenziamento.

Campi energetici

I saggi yogici, specialmente nei rami indù e buddista del Tantra, hanno anticipato la fisica quantistica affermando che una sottile energia vibratoria è il substrato di tutto ciò che sappiamo. A differenza dei fisici, tuttavia, i veggenti yogici sperimentano questa energia non semplicemente come una vibrazione neutra ma come l'espressione del potere femminile divino, chiamato shakti . La realtà, dice la tradizione, è la danza di shakti, che prende forma come il nostro corpo, i nostri pensieri, le nostre percezioni e anche il mondo fisico.

Le tradizioni indù sono a proprio agio con l'idea che la realtà assoluta, sebbene priva di forma, si manifesti anche come entità divine. Quindi shakti , la fonte senza forma di tutto, è inteso per assumere forme: dee o personificazioni delle energie che compongono il mondo e la nostra coscienza. Che "crediamo" o meno nelle dee, contemplarle può aiutarci a entrare in intimità con forze universali che altrimenti potrebbero sembrare vaste e impersonali. Paradossalmente, la pratica della dea può anche rivelare come le forze che muovono i nostri pensieri e le nostre emozioni non sono in definitiva personali ma sono energie archetipiche che tutti condividiamo.

Degli dei e degli uomini

Jung ei suoi seguaci guardavano alla mitologia come all'auto-rivelazione della psiche archetipica. Le divinità indù sono altrettanto parte della struttura psichica dell'umanità. Come qualsiasi altra potente forma simbolica, le divinità indù rappresentano e possono anche scoprire forze psicologiche utili. Personificano le energie che sentiamo ma che forse non abbiamo mai pensato di nominare.

Questa comprensione sta alla base della pratica della meditazione delle divinità, che i professionisti avanzati nelle tradizioni tantriche hanno sviluppato in una scienza vivente per trasformare la coscienza. La meditazione della divinità può sciogliere nodi psicologici, ad esempio problemi di potere o amore, e richiamare specifiche forze di trasformazione nella mente e nel cuore. Ci mette in contatto con il potere protettivo dentro di noi e può cambiare il modo in cui vediamo il mondo. Ciò è particolarmente vero per le energie della dea della tradizione indù. Quindi, cercare la tua dea interiore non è solo una cosa da ragazze. La dea trascende il genere e gli uomini così come le donne traggono vantaggio dal sintonizzarsi con queste forze vibranti.

Dea Potere

Un modo ovvio per attingere all'energia della dea è contemplare Durga / Kali, Lakshmi e Saraswati, i poteri personificati di forza, bellezza e saggezza. Ci sono molte leggende su queste dee. La mia preferita è la storia di Durga e dei re demoni Shumbha e Nishumbha.

I due demoni avevano conquistato il mondo e cacciato gli dei dal cielo. Alla fine del loro ingegno, le divinità si inginocchiarono in preghiera e supplicarono Durga di sconfiggere i demoni. Durga acconsentì e prese forma come una bella donna, poi fuggì nel giardino dei re demoni. Intenditori della bellezza, i demoni furono felicissimi e mandarono un emissario per invitarla a unirsi alla loro scuderia di mogli. "Lo adorerei!" esclamò la dea. "Ma prima c'è solo una piccola cosa: quando ero bambino, ho fatto voto che avrei sposato solo un uomo che fosse in grado di sconfiggermi in battaglia".

Così i demoni hanno inviato i loro vasti eserciti contro di lei. Mentre la battaglia infuriava, una serie di bellissime dee - Lakshmi, Saraswati, Kali - emerse dal corpo di Durga. Queste signore apparentemente delicate hanno devastato gli eserciti ei re demoni protestarono. "Non è giusto! Hai detto che ci avresti combattuto da solo, e guarda tutti questi aiutanti!"

"Questi non sono aiutanti," ribatté la dea. "Sono aspetti di me stesso!" Per dimostrarlo, ha richiamato le altre dee nel suo corpo e ha continuato a uccidere i demoni con una mano sola, dimostrando che il potere dell'eterna shakti è invincibile.

Ascoltami ruggire

Durga (il suo nome significa "l'insondabile") è il guerriero cosmico, la forza all'interno della coscienza che combatte l'ignoranza e l'oscurità. Durga cavalca un leone e le sue braccia sono piene di armi, che usa per uccidere un assortimento di demoni e forze negative. Il suo viso, tuttavia, brilla di pace e compassione.

Durga è il potere dietro le scoperte drammatiche; è la forza a cui puoi attingere quando affronti una situazione difficile o anche un profondo piegamento all'indietro. Mi piace anche pensare a Durga come a una dea protettrice per le mamme che lavorano fuori programma, ispirandole ad affrontare le sfide di destreggiarsi tra lavoro, famiglia e innumerevoli emergenze quotidiane.

La manifestazione più spaventosa di Durga, Kali ("quella nera"), rappresenta sia il potere consumante del tempo (che dissolve tutte le cose) sia l'eternità della meditazione profonda. Kali - la sua lingua che sporge - è l'energia che ci porta oltre le convenzioni. È adorna di una ghirlanda di teste umane, che rappresenta le vibrazioni sonore che si manifestano come pensieri, che vengono tutti "divorati" quando entriamo nella quiete della meditazione.

Lakshmi ("buona fortuna"), d'altra parte, è l'essenza di tutto ciò che riteniamo desiderabile. In quanto divinità della ricchezza, della buona fortuna e della felicità (in una felice coincidenza linguistica, il suo nome si pronuncia "Luck-shmi"), si trova in cima a un fiore di loto aperto, adorabile come una star di un film di Bollywood. Monete d'oro gocciolano da una delle sue quattro braccia, a simboleggiare la sua traboccante generosità.

In alcune parti dell'India, gli uomini d'affari adorano i loro soldi e libri mastri come Lakshmi, perché lei è denaro. Ma Lakshmi offre anche doni spirituali: il sentimento di beatitudine, per esempio, è un segno sicuro della sua presenza sottile. Uno dei suoi altri nomi, Shri (o Shree), significa buon auspicio e tutto ciò che riguarda questa dea trasmette bellezza, bontà e armonia.

Saraswati ("colui che scorre") si veste di bianco e tiene in mano un libro, un rosario e uno strumento a corde chiamato veena per rappresentare la pratica della pienezza del mantra. Il suo compagno, il cigno, è celebrato nell'iconografia indù come l'uccello il cui becco può separare il latte della saggezza dall'acqua dell'esistenza materiale, poiché il grande dono di Saraswati è il discernimento che ci permette di trovare la divinità nel mondo. Saraswati è anche la divinità del linguaggio e della musica, il potere dietro l'ispirazione creativa.

Il lato oscuro

Ciascuna di queste dee rappresenta le energie che sono espresse in ogni arena della vita: fisica, intellettuale, emotiva e spirituale. Tuttavia, tradizionalmente, si dice che abbiano due facce. Quando non vengono riconosciuti come espressioni del divino, possiamo sperimentare le loro energie in modi illusori, eccessivi o addirittura negativi.

Ad esempio, l'energia di Durga nella sua forma pura è una spada che taglia gli ostacoli e gli squilibri dei diritti. Quella stessa energia può manifestarsi come aggressività o durezza, come nel giudizio acutamente critico rivolto agli altri oa noi stessi. Quando l'energia dell'abbondanza di Lakshmi si muove attraverso il prisma dell'ego, potrebbe essere vissuta come avidità o spesa compulsiva, come dipendenza dal cibo o dal sesso, come vanità o schiavitù del piacere. Il potere del discorso divino di Saraswati diventa l'infinito flusso di informazioni che viene riprodotto su tutti i canali del mondo moderno, o i pensieri e le fantasie incontrollabili che sfilano attraverso la mente.

La pratica dello yoga della divinità è un modo potente per liberare queste energie archetipiche dalle reti gettate dal nostro ego, in modo che possano rivelarsi nelle loro forme più pure e sublimi. Inoltre, quando invochiamo le dee come fonte del nostro potere, ci alleniamo a smettere di identificarci così personalmente con le nostre capacità, talenti e doni, e ad aprirci alla corrente sottile di energia divina sempre presente dentro di noi, pronta a guidare noi se lo permettiamo.

Ciò richiede una fiducia radicale e uno spirito sperimentale, che può sembrare strano quando sei abituato a identificarti come l'autore delle tue azioni. Tuttavia, se riesci ad abbracciare la sensazione che l'energia divina fluisce attraverso le tue azioni, ti metterà direttamente nello stato di flusso, in cui le tue azioni sono senza sforzo graziose.

Diventare Lakshmi

Relazionarsi alle energie della dea è lo yoga della divinità e, come qualsiasi altro yoga, funziona meglio se lo si impegna su più livelli: attraverso la contemplazione, la pratica fisica e comportamentale, la preghiera e la meditazione. Ecco una pratica per coinvolgere il tuo principio interiore di abbondanza: il tuo Lakshmi. (Puoi seguire la stessa serie di pratiche se vuoi fare appello al guerriero interiore, Durga, o al potere della creatività, Saraswati.)

Per prima cosa, chiediti come Lakshmi si manifesta nella tua vita guardando il tuo rapporto con la bellezza, la ricchezza e l'amore. Ci sono aree in cui ti senti carente? Ti senti immeritevole o sfortunato?

Quindi, crea due elenchi. In uno, elenca le cose che non vuoi nella tua vita (forse "bruttezza", "mancanza di denaro" e "mancanza di tempo" sarebbero in quella lista). Dall'altro, elenca le cose che vuoi. Usa questi elenchi per creare una pratica di contemplazione affermativa. Puoi farlo scrivendo affermazioni come "Mi sto godendo una vita di amore, abbondanza e bellezza ora" e poi leggendole e ripetendole a te stesso un paio di volte al giorno.

Mentre lavori con queste idee positive, fai anche sforzi consapevoli per spostare il tuo comportamento fisico intorno all'abbondanza. Il principio operativo qui è "Attira Lakshmi diventando Lakshmi". Come si fa a farlo? Puoi adottare alcuni comportamenti tradizionali Lakshmi, come la pulizia e l'ordine in materia di soldi. Budget, pianificazione e monitoraggio dei tuoi soldi sono modi per rispettare l'energia di Lakshmi. Puoi anche onorare Lakshmi prendendoti cura dell'ambiente e degli oggetti materiali della tua vita.

La gentilezza e la generosità esprimono lo spirito di Lakshmi - non solo la generosità materiale (sebbene il dono filantropico sia uno dei modi migliori in cui possiamo "essere" Lakshmi), ma anche sentimenti generosi e generosità di tempo e assistenza. La gratitudine è uno dei principali attrattori di Lakshmi. Quindi è un impegno a rendere la vita intorno a te bella, amorevole e armoniosa. Lakshmi si occupa di dare, ma anche di essere aperta a ricevere. Quindi cerca dei modi per non bloccare l'abbondanza dalla tua vita.

Un incontro intimo

Le forme delle dee sono vortici di energia e la meditazione su di esse è un modo potente per portarle in vita nella tua vita. Quindi ripetere un mantra Lakshmi porterà l'energia specifica Lakshmi nel tuo ambiente. Immaginare la presenza di Lakshmi investirà la tua coscienza con parte della sua energia. Ecco un modo per farlo:

Siediti comodamente, in posizione eretta. Se hai una foto di Lakshmi, mettila di fronte a te e guardala in faccia. (Puoi scaricarne uno dal Web, se lo desideri.) Quindi chiudi gli occhi e immaginala. Non devi visualizzarla esattamente: è sufficiente sentire la sua presenza. Immagina le sue qualità - amore, benedizioni, armonia e gentilezza - profondamente presenti.

A questo punto puoi invocare Lakshmi, usando parole come "Bello Lakshmi, di buon auspicio, sei ogni pensiero grazioso. Per favore sii presente in tutta la tua amorevole generosità". Oppure puoi ripetere uno dei suoi mantra, come Hreem shreem kreem mahalakshmyai namaha . ("Hreem", "shreem" e "kreem" sono sillabe seme che incarnano l'energia della dea. Le ultime due parole significano "Saluti al grande Lakshmi.")

Ora, esprimi la tua gratitudine per le benedizioni nella tua vita e chiedi a Lakshmi le sue benedizioni. Senti che stai ricevendo quelle benedizioni. Senti la sua energia, come un ruscello dorato, che scorre nel tuo cuore e poi scorre attraverso tutto il tuo corpo. Anche se non visualizzi le benedizioni che vengono verso di te, è importante darti il ​​tempo di sentire una connessione con loro. All'inizio la connessione potrebbe essere così sottile da non essere evidente, ma mentre continui a fare pratica, inizierai sicuramente a sentire l'energia della divinità.

Nel tempo, avrai intuizioni diverse. Potresti notare una particolare forma di energia intorno a te o sentire dei cambiamenti nei tuoi schemi emotivi. Probabilmente sperimenterai una maggiore consapevolezza nelle aree correlate della tua vita. (Ad esempio, potresti ritrovarti a essere più propositivo nel modo in cui spendi i soldi.) Prenditi del tempo per registrare la tua esperienza della pratica, specialmente ogni cambiamento interiore o esteriore che sembra essere correlato ad esso.

Infine, ricorda che la pratica della divinità è diversa per tutti. Con il tempo, troverai i tuoi modi per entrare in intimità con l'energia della dea, proprio come faresti con qualsiasi relazione intima. Lascia che si svolga come vuole. Invocare le energie delle divinità è un modo per invocare i tuoi poteri dormienti, che sono infinitamente creativi, sorprendenti e pieni di dolcezza. Impara a conoscerli, capisci che sono aspetti di te stesso e un giorno ti renderai conto che la divinità non è qualcosa di sconosciuto o strano, ma l'essenza stessa di chi sei.

Sally Kempton, conosciuta anche come Durgananda, è un'autrice, un'insegnante di meditazione e la fondatrice del Dharana Institute. Per ulteriori informazioni, visitare www.sallykempton.com.

Raccomandato

Affrontare la rabbia attraverso la comprensione e il controllo
Lo yoga del denaro: porta la saggezza dal tappeto alle tue finanze
Lo yoga mi ha trasformato dopo l'amputazione