Come insegnare la pace

Il sistema nervoso è il nostro comunicatore con lo spirito, la nostra connessione con il mondo interiore e una porta tra il fisico e lo spirituale. Un sistema nervoso agitato non riesce a ricevere la guida dello spirito, proprio come un'antenna deformata non può ricevere correttamente i segnali televisivi. Ecco perché, nello yoga e nella vita, dobbiamo proteggere il sistema nervoso e assicurarci che viva in uno stato di equanimità. Allo stesso modo, dobbiamo creare un'esperienza per i nostri studenti che calma, piuttosto che irritare, i loro nervi.

Il sistema nervoso è sia un trasmettitore che un ricevitore. È un sistema elettrico che emette potenti onde elettromagnetiche e trasmette impulsi che connettono e armonizzano tutti gli aspetti del nostro essere. Il sistema nervoso prova gioia e dolore e inizia a ridere e piangere. Tuttavia, quando è agitato, arranca nel suo lavoro, e anche noi.

Nella nostra società, siamo sempre affrettati, correndo da un compito all'altro come topi frustrati su un eterno tapis roulant. I nostri poveri nervi raramente hanno la possibilità di riposare o respirare. Le lezioni di yoga dovrebbero essere un antidoto a questo fervore febbrile. Dovrebbero dare ai nostri studenti il ​​tempo di mettere in pausa, sentire e sintonizzarsi. Non riduciamo le nostre lezioni a un episodio più frenetico nella giornata di uno studente oa un altro incessante sfocato di attività intensa.

Quando ho insegnato per la prima volta in America nel 1980, sono rimasto sbalordito nel vedere che molti studenti chiudevano gli occhi mentre facevano asana nel tentativo di rilassarsi. Tuttavia, si sdraiavano a Savasana con gli occhi spalancati. Quando è stato effettivamente il momento di sintonizzarsi sul trauma e sulla tensione nel loro sistema nervoso, avevano paura di affrontare i demoni interiori e non potevano lasciarsi andare. Ciò evidenzia la sfida che dobbiamo affrontare come insegnanti di yoga.

Fare è lo stato di andare verso qualcosa, di guardare al futuro. Al contrario, la sensazione è lo stato dell'essere nel momento. La pace deriva dall'essere completamente presenti e dal sentire cosa sta succedendo nel presente. Ma come crei la pace come insegnante?

Durante la lezione, ricorda spesso agli studenti di fermarsi e sentire quello che stanno facendo, quindi usa il loro respiro per iniziare la mossa successiva. Quando mi perdo in una città e tiro fuori una mappa, devo prima sapere dove mi trovo su quella mappa per sapere come procedere. Allo stesso modo, lo studente, per sentirsi in pace in una posa, deve prima sapere dove si trova nel proprio corpo. Chiedi ai tuoi studenti di sentire il peso sui talloni o la pressione sulla punta delle dita, e automaticamente la loro mente entrerà in uno stato riflessivo per osservare cosa sta succedendo dentro. E ogni tentativo di sentire cosa sta succedendo all'interno del corpo crea una connessione mente-corpo, calma il sistema nervoso e favorisce la pace.

Mentre i tuoi studenti si fermano dopo ogni posa, incoraggiali a portare consapevolezza nei loro corpi e creare equanimità nelle loro menti prima di procedere. Chiudere gli occhi crea calma perché il corpo risponde spostando il sistema nervoso dal suo stato attivo e simpatico al suo stato tranquillo e parasimpatico. Aprire gli occhi inverte la situazione. Spesso durante la lezione chiedo agli studenti di uscire da una posa con gli occhi aperti, di sedersi, chiudere gli occhi, sintonizzarsi e quindi aprire gli occhi prima di andare avanti.

Il sistema nervoso è la parte più sottile del nostro corpo fisico. Pertanto, il respiro, che è anche sottile, colpisce il sistema nervoso in modo più profondo. È come due diapason della stessa frequenza: quando ne colpisci uno, l'altro inizia immediatamente a vibrare.

Incoraggia i tuoi studenti a essere sempre consapevoli del loro respiro e lavorare con il loro respiro, specialmente quando lavorano al limite. La respirazione lenta e profonda è il migliore amico del sistema nervoso. Il respiro è direttamente collegato al battito cardiaco e, man mano che respiriamo più velocemente, le oscillazioni del sistema nervoso aumentano di intensità. Insegnare agli studenti a rallentare la respirazione rallenterà il loro battito cardiaco e calmerà i loro nervi. D'altra parte, quando trattengono il respiro, creano tensione nel sistema nervoso, che può aumentare notevolmente la pressione sanguigna.

Tuttavia, come insegnanti, dobbiamo stare molto attenti con certe pratiche di Pranayama . Bhastrika pranayama (spesso noto come "Respiro di fuoco") può danneggiare o addirittura distruggere il sistema nervoso. Non dimenticherò mai una donna che è venuta da me per un consiglio legale quando praticavo la legge. Era estremamente agitata, costantemente distratta e non riusciva a concludere un pensiero o una frase. Ho appreso che il suo sistema nervoso era bruciato da anni di pratica impropria del pranayama , in particolare bhastrika e kapalabhati(Alito splendente del cranio). Quando un eccesso di energia pranica inonda il sistema nervoso, è come un pallone riempito con più aria di quanta ne possa contenere. Il sistema nervoso è distrutto e possono verificarsi gravi traumi mentali. Il corpo deve essere adeguatamente preparato con anni di asana (soprattutto piegamenti all'indietro) per ricevere e contenere in sicurezza il potere del prana.

E ci sono altri modi per danneggiare i nostri studenti con la pratica. Ad esempio, il sistema nervoso è agitato da movimenti a scatti. Ciò include tremare durante una posa lavorando troppo duramente. Ricorda ai tuoi studenti che non c'è virtù nel tenere le pose troppo a lungo, perché i benefici si svelano rapidamente e si trasformano in danni. Ho sentito alcuni insegnanti dire ai loro studenti: "Scuotilo!" e incoraggiare i loro studenti a scuotersi dopo intense pose per allentare la tensione. Questo manca il punto. È molto meglio stare fermi e sciogliere la tensione con consapevolezza.

Ci sono una serie di tecniche specifiche che raccomando per portare la pace agli studenti che sono particolarmente dispersi. Chiedi ai tuoi studenti di fare inversioni sospese come appendere su un'altalena pelvica o Adho Mukha Svanasana con una corda da muro attorno alle loro cosce. In queste pose, la colonna vertebrale può rilasciare ei nervi nella colonna vertebrale possono rilassarsi. Questo crea un senso di calma mentre il corpo si muove nella sua modalità parasimpatica. Un altro modo per creare questo effetto è chiedere ai tuoi studenti di fare Savasana con un bendaggio per la testa. Questo contiene le onde sparse del cervello in modo che, quando lo studente rimuove l'involucro, le onde cerebrali siano più coerenti, concentrate e calme.

Incoraggia i tuoi studenti a sforzarsi di mantenere l'equanimità in ogni posa. Tuttavia, per coltivare la pace, l'equilibrio è più importante della semplice dimostrazione di equanimità. Se i tuoi studenti sono stati seduti su sedie tutto il giorno, è necessario far oscillare il pendolo dall'altra parte e farli lavorare vigorosamente per rilasciare la tensione repressa. L'arte in questo caso è lavorare con vigore, ma non violentemente; intensamente, ma con equanimità.

Ci sentiamo in pace solo quando ci sentiamo al sicuro, quando non abbiamo paura. Il nostro sistema nervoso simpatico entra in azione non appena c'è paura, nella risposta "combatti o fuggi". Quindi, è nostro dovere come insegnanti assicurarci che i nostri studenti si sentano al sicuro in classe. Quando i nostri studenti si sentono al sicuro, il loro sistema parasimpatico si attiva e inizia l'autoesplorazione e la guarigione. L'esplorazione di sé è impossibile per chi vive nella paura. Le persone timorose sono più interessate alla difesa e al contrasto della forza aggressiva di un "nemico". Quando uno studente sembra avere paura, chiediti: "Cosa ho fatto per farlo sentire insicuro? Lo studente riflette i miei dubbi o paure, la mia mancanza di conoscenza o esperienza?" Non lasciate che il desiderio egoistico di apparire competenti crei paura nei vostri studenti o distrugga la loro tranquillità.

Vivendo in una società dei consumi, possiamo temere che, a meno che non accumuliamo molte cose, saremo etichettati come fallimenti. Quando desideriamo e non siamo in grado di possedere, nasce dentro di noi una discordia che ci spinge in uno stato irrequieto di frustrazione e conflitto. È solo un senso di appagamento che può portare il nostro sistema nervoso in uno stato di pace. L'ideale è avere i mezzi per acquisire tutto ciò che desideriamo e tuttavia accontentarci di non averlo. Allora possiamo essere calmi. In altre parole, la pace raramente viene da un'austera abnegazione. Piuttosto, deriva dall'avere la capacità di possedere tutto ciò che vogliamo, pur facendo consapevolmente la scelta di avere di meno per mantenere la nostra vita semplice e calma.

Mentre la pace esterna è il risultato della libertà, della scelta e della mancanza di paura, la pace interna è indipendente dal fenomeno esterno. Non importa cosa sta succedendo fuori, quando attingo al mio spirito interiore, sono in pace. Entro in quella qualità imperturbabile di chitti (pura coscienza, o Dio). Quando ci connettiamo con questo chitti, allora non importa se stiamo guidando su un'autostrada, meditando in un prato di montagna o in piedi di fronte a un proiettile in corsa, sentiamo una pace espansiva, come la sensazione di entrare in una cattedrale silenziosa o di fondendosi nei colori di un sole che tramonta.

Quando ci prendiamo il tempo per essere pacifici e calmi, ci viene concesso più tempo in cambio. La calma ci garantisce la concentrazione e con questo otteniamo di più spendendo meno. In effetti, una grande attenzione deriva da una grande calma e non da un grande fervore. Quando la calma e la pace sono nostre, siamo ricettivi alla nostra anima. Ci concediamo l'imminenza della beatitudine. Questa felicità è uno dei più grandi doni che possiamo condividere con i nostri studenti.

Riconosciuto come uno dei migliori insegnanti di yoga al mondo, Aadil Palkhivala ha iniziato a studiare yoga all'età di sette anni con BKS Iyengar e tre anni dopo è stato introdotto allo yoga di Sri Aurobindo. Ha ricevuto il certificato di insegnante di yoga avanzato all'età di 22 anni ed è il fondatore e direttore di Yoga Centers ™ di fama internazionale a Bellevue, Washington. Aadil è anche un naturopata certificato a livello federale, un medico ayurvedico certificato in scienze della salute, un ipnoterapeuta clinico, un terapista del corpo svedese e Shiatsu certificato, un avvocato e un oratore pubblico sponsorizzato a livello internazionale sulla connessione mente-corpo-energia.

Raccomandato

Un saluto al sole che risveglia il nucleo per il supporto della parte bassa della schiena
Let It Fall Away: una sequenza stagionale per lasciarsi andare
Posizione della sfida: Bussola (Parivrtta Surya Yantrasana)