Esercizi per il mal di montagna

—Katie

Leggi la risposta di Ana Forrest:

Cara Katie,

Il mal di montagna è dovuto alla diminuzione dell'ossigeno disponibile. I sintomi possono includere mal di testa, nausea, affaticamento, vertigini e insonnia.

I tuoi studenti devono rimanere idratati e fare cose che incoraggiano il flusso di ossigeno in tutto il corpo. Ecco alcuni suggerimenti:

  1. Idratare, idratare, idratare. Devi bere acqua e rimanere idratato.
  2. Aumenta l'ossigeno nel sangue. Fai Pranayama tre volte al giorno: 10 respiri al primo risveglio, 10 a mezzogiorno e 10 prima di andare a letto.
  3. Respirare a narici alternate, ma con meno prese del solito.
  4. Pratica il kappalabhati, perché aumenta rapidamente il livello di ossigeno. Ma non usare Ujjayi in questo pranayama.

    Fai espirazioni brevi e brusche, con un'inspirazione minima rilassata dopo ogni espirazione, per 75-100 pompe. Quindi inspira profondamente una volta, trattenendo finché è interessante. Espira, inspira profondamente e fai almeno un altro giro da 75 a 100 pompate.

  5. Durante le escursioni, soprattutto in salita, inspirate ed espirate brevi e forti. Non fare i soliti lunghi respiri yoga. Mantieni la tua attenzione sul tuo respiro. Ad esempio, inspira per cinque volte ed espira per 10, o qualunque numero ti faccia sentire bene.
  6. Non mangiare troppo durante un pasto. Mangiare troppo sovraccaricherà il tuo sistema e renderà la tua digestione lenta. Il tuo corpo si esaurirà quindi durante la notte cercando di digerire tutto il cibo e ti sentirai stanco e lento al mattino.
  7. Assicurati di non passare troppo tempo senza cibo. Sgranocchia lungo la strada. Il mal di testa può essere causato da un basso livello di zucchero nel sangue e dalla mancanza di ossigeno e idratazione.
  8. Cerca rimedi erboristici per il mal di montagna, facendo attenzione alla loro forza e ad altri effetti.

Soprattutto, goditi il ​​tuo viaggio e cammina nella Bellezza.

Raccomandato

Posa della sfida: cavalletta
5 modi per fai da te il tuo santuario yoga a casa
Come 31 giorni di meditazione in movimento hanno aiutato uno yogi a rallentare