Scopri le nadi Ida e Pingala

Uno studente del grande poeta indiano Kabir una volta gli chiese: "Kabir, dov'è Dio?" La sua risposta è stata semplice: "Egli è il respiro nel respiro". Per comprendere le profonde implicazioni della risposta di Kabir, dobbiamo guardare oltre le componenti fisiche del respiro: l'ossigeno, l'anidride carbonica e altre molecole che fluiscono dentro e fuori ad ogni nostra inspirazione ed espirazione. Al di là di questo respiro, eppure al suo interno, c'è il prana, l'energia vitale universale che è letteralmente la sostanza della vita.

Per quelli di noi che praticano lo yoga, la sfida è sfruttare questa energia in modo che possa alimentare il nostro sviluppo fisico, mentale e spirituale. Per fare questo, dobbiamo esaminare profondamente i misteri della mente e del corpo sottile. Fortunatamente, i primi praticanti del Tantra viaggiarono in questo paesaggio interiore, mappando i molti modi in cui l'energia circola dentro di noi. Tra le loro scoperte più importanti c'erano le nadi , la vasta rete di canali energetici che rende ogni individuo un insieme integrato, consapevole e vitale.

La parola sanscrita nadi deriva dalla radice nad , che significa "flusso", "movimento" o "vibrazione". La parola stessa suggerisce la natura fondamentale di una nadi: fluire come l'acqua, trovando la via di minor resistenza e nutrendo ogni cosa sul suo cammino. Le nadi sono il nostro sistema di irrigazione energetico; in sostanza, ci tengono in vita.

Secondo molti testi tantrici, il corpo umano contiene 72.000 nadi che incanalano il prana in ogni cellula. Alcuni sono ampi e impetuosi; altri sono un mero rivolo. Quando questo sistema scorre liberamente, siamo vitali e sani; quando diventa debole o congestionato, lottiamo con una cattiva salute mentale e fisica. Le pratiche di hatha yoga sono così efficaci perché rafforzano il flusso del prana nel nostro corpo, rinvigorendo la corrente in modo che porti via gli ostacoli che bloccano il libero flusso di energia.

Poiché le nadi, come i chakra (centri di potere psicoenergetico), il prana e altri aspetti del corpo sottile, non si presentano ai microscopi, la scienza medica li ha relegati al regno del mero metaforico. Ma gli yogi tradizionali credono che il corpo sottile sia reale e che comprenderlo e lavorare con esso integri e controbilanci l'enfasi sull'anatomia fisica grossolana che predomina la nostra attuale cultura yoga.

Notte e giorno

Tre nadi sono di particolare interesse per gli yogi. La sushumna (la più graziosa) nadi è il grande fiume del corpo, che scorre dalla base della spina dorsale alla sommità della testa, passando attraverso ciascuno dei sette chakra nel suo corso. È il canale attraverso il quale la kundalini shakti (il potere latente del serpente) - e la coscienza spirituale superiore che può alimentare - sale dalla sua origine nel muladhara (radice) chakra alla sua vera casa nel sahasrara (mille volte) chakra sulla corona della testa. In termini di corpo sottile, la sushumna nadi è la via verso l'illuminazione.

Le nadi ida (comfort) e pingala (fulvo) si muovono a spirale attorno alla sushumna nadi come la doppia elica del nostro DNA, incrociandosi ad ogni chakra. Se visualizzi il caduceo, il simbolo della medicina moderna, avrai un'idea approssimativa delle relazioni tra ida, pingala e sushumna nadi. Alla fine, tutti e tre si incontrano nel chakra ajna (comando), a metà strada tra le sopracciglia.

L'ida nadi inizia e finisce sul lato sinistro di sushumna. Ida è considerata la nadi lunare, fresca e nutriente per natura, e si dice che controlli tutti i processi mentali e gli aspetti più femminili della nostra personalità. Il colore bianco è usato per rappresentare la sottile qualità vibrazionale di ida. Pingala, la nadi solare, inizia e finisce a destra di sushumna. È caldo e stimolante per natura, controlla tutti i processi somatici vitali e sovrintende agli aspetti più maschili della nostra personalità. La qualità vibrazionale del pingala è rappresentata dal colore rosso.

L'interazione tra ida e pingala corrisponde alla danza interna tra intuizione e razionalità, coscienza e forza vitale, e gli emisferi cerebrali destro e sinistro. Nella vita di tutti i giorni, una di queste nadi è sempre dominante. Anche se questo dominio si alterna durante il giorno, una nadi tende ad essere ascendente più spesso e per periodi più lunghi dell'altra. Ciò si traduce in problemi di personalità, comportamento e salute che possono essere definiti simili a ida o simili a pingala.

Gli individui simili a Ida hanno qualità lunari, o nutrimento, ma possono non avere la verve per sostenere una forte pratica yoga. Sono pieni di potenziale, ma a meno che non sviluppino il loro lato pingala potrebbero non manifestare mai quel potenziale né negli affari mondani né nello sviluppo spirituale. Gli individui simili a Pingala hanno qualità solari: personalità di tipo A, molta creatività, abbondante vitalità. Ma a meno che non sviluppino il loro lato ida, potrebbero mancare della quiete, dell'introspezione e della ricettività necessarie per cedere alla grazia del risveglio spirituale.

Creare equilibrio

Portare ida e pingala in equilibrio è uno degli obiettivi principali dell'hatha yoga, così importante, infatti, che il termine hatha simboleggia questo equilibrio. Sebbene la parola hatha significhi letteralmente "potente" in sanscrito, è composta da ha e tha , due mantra esoterici bija (seme) che hanno un significato e un potere arcani. Ha rappresenta le qualità solari, la forza vitale, del pingala; tha rappresenta la mente e le qualità lunari di ida. Il bilanciamento del sole e della luna, o pingala e ida, facilita il risveglio e il sorgere della kundalini, e quindi il risveglio della coscienza superiore. In effetti, alcuni insegnamenti yoga sostengono che fintanto che ida o pingala predominano, la sushumna rimane chiusa e il potere della kundalini rimane dormiente.

Il metodo più potente per bilanciare ida e pingala è il Nadi Shodhana, la respirazione a narici alternate. (Letteralmente, il sanscrito significa "pulizia nadi".) Questa pratica è efficace perché l'ida nadi è direttamente collegata alla narice sinistra e il pingala nadi a destra. Alcuni round di questa tecnica di base del Pranayama alla fine di una pratica asana sono un ottimo modo per aiutare a ripristinare l'equilibrio tra le due nadi e per compensare qualsiasi squilibrio che potresti aver causato inavvertitamente durante la tua pratica.

Entrare in equilibrio

Per praticare Nadi Shodhana, siediti in una comoda posizione meditativa. Fai un pugno con la mano destra, quindi estendi parzialmente l'anulare e il mignolo. Posiziona leggermente il polpastrello del pollice sul naso appena a destra e sotto il ponte; posiziona leggermente i cuscinetti del tuo anulare e del mignolo sulla carne corrispondente sul lato sinistro del naso. Premendo delicatamente con l'anulare e il mignolo per chiudere la narice sinistra, espirare completamente attraverso la destra. Quindi inspira completamente attraverso la destra, chiudila con il pollice, rilascia la narice sinistra ed espira attraverso di essa. Inspirate attraverso la narice sinistra, chiudetela con le dita, rilasciate la narice destra ed espirate attraverso di essa. Questo completa un round di Nadi Shodhana.

Oltre a usare Nadi Shodhana, puoi sperimentare usando le stesse asana come metodo per bilanciare ida e pingala. All'inizio di una pratica, siediti e osserva il tuo respiro per vedere quale narice - e, quindi, quale nadi - è dominante. (Se non puoi dirlo, prova alcuni cicli di respirazione a narici alternate: dovrebbe essere immediatamente chiaro quale lato è più libero e quale si sente più inibito). Se la narice sinistra domina, ida è responsabile, e potresti considerare di concentrare la tua attenzione su asana rinvigorenti - come piegamenti all'indietro, posizioni in piedi, inversioni e colpi di scena - per impegnarti con il pingala nadi. Se domina la narice destra, l'energia rinfrescante e calmante delle pose da seduti e dei piegamenti in avanti potrebbe essere più vantaggiosa.

Puoi anche portare la consapevolezza di ida e pingala in qualsiasi pratica asana facendo una pausa tra le pose per notare quale nadi domina la tua respirazione. Notate anche i vostri stati mentali; scoprirai che sono strettamente correlate con quale nadi è ascendente. Sei agitato e attivo (tipo pingala) o calmo e ricettivo (tipo ida)? Attraverso questo processo di check-in, puoi iniziare a identificare quali pose attivano una nadi o l'altra e che sono particolarmente efficaci, almeno per te, nel creare equilibrio fisico ed emotivo. Svilupperai anche la tua consapevolezza, approfondirai la tua pratica e aprirai la strada alla tua crescita spirituale.

James Bailey, L.Ac., è un medico di terza generazione. La sua pratica professionale comprende l'Ayurveda, la medicina orientale, il Tantra Yoga e il campo emergente della medicina yogica.

Raccomandato

Sigillo di saluto
I migliori tappetini da cucina anti-fatica
I migliori infusori per tè in acciaio inossidabile