Come un mese in cui ho tirato fuori una carta dei tarocchi ogni giorno ha trasformato la mia pratica

Sono una persona abbastanza aperta, ma nutro anche molto scetticismo e dubbioso pensiero. (Caso in questione: credere nei benefici di fare una sfida sui social media di yoga, per esempio.) Non fraintendermi, amo la guarigione del suono, le stanze di sale dell'Himalaya e lo yin yoga a lume di candela la domenica sera tanto quanto la successiva yogini. Ma ancora non ottengo del tutto reiki (lo so, lo so) o cristalli di energia, o la maggior parte delle cose su Goop (apiterapia ?! Seriamente, esci di qui).

Quindi, quando il mio editore dello Yoga Journal mi ha chiesto di provare per un mese a tirare una carta dei Tarocchi Selvaggi Sconosciuti ogni mattina, diario su di essa e vedere come ha influenzato la mia pratica yoga e il benessere quotidiano, ho alzato un sopracciglio. In realtà, più come entrambe le sopracciglia.

Cosa c'entravano i Tarocchi con lo yoga?

I tarocchi hanno avuto origine (a seconda di chi chiedi) nell'antico Egitto o in Europa nel XVIII secolo, quando il mazzo di carte da gioco un po 'spettrali e arcaiche iniziò ad essere usato per le divinazioni. Ora, è una pratica diffusa con tonnellate di varietà di mazzi e pratiche su come usare e leggere correttamente le carte.

Prima di iniziare questa ricerca di YJ , sapevo molto poco dei Tarocchi, ad essere onesti, a parte il fatto che il mio compagno di stanza del college e alcuni altri amici erano stati molto coinvolti. Quindi, le ho chiesto cosa l'ha attratta di più. La sua risposta mi ha decisamente sorpreso.

Aspetta, quindi i Tarocchi non riguardano solo il misticismo?

"Mi piacciono i Tarocchi come pratica di auto-riflessione, un modo per organizzare e prendere il controllo dei miei pensieri", mi ha detto il mio amico amante dei Tarocchi. "Alcune persone si fanno beffe del fatto che le situazioni e i consigli nelle pratiche divinatorie siano così vaghi che potrebbero significare qualsiasi cosa, ma penso che in realtà sia questo il punto: sono archetipi, quindi ti spingono a guardare te stesso e la tua vita, fare il punto quali conoscenze e risorse hai già, e guarda anche quali decisioni devi prendere. Ha continuato a dirmi che fare una diffusione dei Tarocchi le fa costruire un racconto - letteralmente, fisicamente lo storyboard con le carte - su quello che sta succedendo nella sua vita, che spesso la porta a qualunque risposta o saggezza interiore fosse dentro di lei per tutto il tempo. .

Questa risposta mi ha sorpreso, ma aveva anche senso. Sebbene i Tarocchi potessero essere usati spiritualmente con la S maiuscola e in modo mistico con la M maiuscola, forse l'uso effettivo era per la semplice meditazione, il che lo rendeva, in sostanza, il complemento perfetto per una pratica yoga.

Vedi anche  3 passaggi per portare la tua spiritualità al livello successivo

Sorprendenti benefici per la salute mentale 

Giorni dopo, mi sono imbattuto in Jessica Dore, una lettrice di tarocchi e scienziata comportamentale, che estrae una carta dei tarocchi al giorno e poi la pubblica su Twitter per un pubblico in crescita dei social media. Ho chiesto a Dore cosa pensava stesse attirando così tante persone ai Tarocchi ultimamente.

"Penso che ormai sappiamo tutti che dovremmo praticare la cura di noi stessi, ma a volte può essere difficile capire che aspetto abbia effettivamente", mi ha detto Dore. “Tirare una carta al giorno potrebbe essere considerata una pratica di cura di sé che ci dà lo spazio per occuparci della nostra vita interiore. Crea un contenitore all'interno del quale possiamo elaborare pensieri ed emozioni irrisolti, esercitarci a stare fermi e ascoltare noi stessi. Penso anche che vedere le nostre esperienze mostrate visivamente sia incredibilmente utile per permetterci di fare un passo indietro ed essere più consapevoli di quelle esperienze ".

Quella stessa abilità è uno strumento di salute mentale autentico dalla psicologia, qualcosa chiamato "presa di prospettiva" nella ricerca clinica. Dore mi ha spiegato che in realtà usa le carte dei Tarocchi (e il Tarot Circle che gestisce settimanalmente a West Philadelphia) come terapia. Dice che le carte possono essere più simili a strumenti di consulenza che a qualche trucco magico per raccontare il futuro.

Eh , ho riflettuto per giorni. Forse c'era di più in questo di quanto pensassi.

Meditazione, yoga e tarocchi: tirare le mie carte per un mese 

Ho preso i mazzi di tarocchi e il diario The Wild Unknown di Kim Krans per dare una struttura al mio esperimento. I suoi mazzi sono disponibili in due set: Tarot e Animal Spirit. Puoi usare entrambi per tirare una carta al giorno, quindi avere entrambi a portata di mano mi ha permesso di introdurre una certa varietà nel processo. E la parte migliore: Krans include molte informazioni introduttive ponderate e di facile lettura per i non iniziati (come me) per sentirsi a casa all'inizio. È anche un'artista e illustratrice di incredibile talento, quindi una parte importante della sua pratica sui Tarocchi sono i disegni (ei suoi disegni ti aiutano a guidarti attraverso il mese dei Tarocchi).

Ho provato prima la lettura di una singola scheda. È una pratica quotidiana in cui, come spiega il libro di Krans, mediti semplicemente sul pensiero: su cosa devo concentrarmi oggi? Quindi, mischia le carte, taglia il mazzo una volta e gira la carta in cima. Dopo aver guardato l'immagine e letto cosa significa, mediti sulla carta, pensi a come potresti applicare il concetto alla tua vita e, se lo desideri, scrivi una breve annotazione al riguardo.

Vedi anche  Guida alla meditazione per principianti

In pochi giorni, questa pratica di tirare una carta, meditare su cosa significasse nella mia vita e scriverne divenne un momento che non vedevo l'ora. Ho iniziato a farlo la mattina con il mio caffè, anche se ero occupato e altrimenti avrei spazzato via la mia pratica di meditazione. Non riuscivo a credere quanto velocemente questa routine di messa a terra mi abbia aiutato a darmi un senso di stabilità che è rimasto con me per il resto della giornata.

Gli alti e bassi della meditazione sulle carte 

Subito dopo aver iniziato a tirare le carte, mi sono reso conto che alcuni erano molto positivi e mi hanno aiutato a concentrarmi - e alcuni erano, beh, non così positivi, e mi hanno aiutato a pensare alle cose negative che avrei potuto fare nella mia vita senza rendermene conto.

Vale a dire: una carta "Coniglio" nel mazzo Spirito Animale mi diceva che potevo indulgere troppo nelle mie paure, poi una carta "Squalo" mi diceva che potevo avere problemi in agguato sotto la superficie che non avevo a che fare. Ma, dopo quelle due carte, ho tirato fuori una potente carta "Orso", che, scrive Krans, indica che era tempo per me di "svegliarmi dal sonno spirituale, ricominciare da capo, abbracciare la forza interiore e imparare a crescere".

Il fatto è che non mi sentivo potente come un Orso nel momento in cui ho ritirato la carta, ma all'improvviso mi è stata concessa l'opportunità di pensare a come avrei potuto essere. Ha cambiato la mia prospettiva in un modo che non mi sarei mai aspettato. Quando sono andato alla lezione di yoga quella sera, avevo una rinnovata attenzione per la mia pratica: stavo pensando di svegliarmi, di fare ogni posa con intenzione e di spingermi oltre sia mentalmente che fisicamente. Mi ha dato un'immagine da conservare nella mia mente quando mi sono stancato e qualcosa a cui mirare quando mi sono sentito indebolito. E cosa lo ha reso ancora migliore? Il prompt sulla pagina del diario a cui mi sono rivolto per quel giorno diceva "Ingrandisci". Va bene, universo. Messaggio ricevuto.

Un altro giorno, un sabato in cui mi sentivo particolarmente lunatico. Ero in ritardo sui miei incarichi di scrittura sia per il mio lavoro quotidiano che per il mio lavoro freelance, il mio appartamento era un disastro e mi sono svegliato più tardi del previsto, minacciando di arrivare in orario alla mia lezione di yoga preferita. Allettante il destino, mi sono ancora seduto, ho preso un caffè e ho tirato fuori una carta dei Tarocchi (dal mazzo dei Tarocchi questa volta), anche se a questo punto stavo spingendo il limite del tempo ragionevole per arrivare allo yoga. Non vedevo l'ora di fare yoga ed ero semplicemente arrabbiato per essermi svegliato così tardi. Perché non potevo semplicemente mettere insieme la mia vita? È stato davvero così difficile?

Vedi anche  Kat Fowler su Embracing Yoga and Conquering Self-Doubt

Mi sono seduto lì, sospirando e lamentando la mia disorganizzazione, e ho tirato fuori una carta. Temperanza. C'era un bellissimo airone, che, ho scritto nel mio diario, "sembra che stia piangendo, ma in realtà sta bilanciando sia il fuoco che l'acqua".

La temperanza significa guarigione e rinnovamento. La temperanza significa equilibrio. Mi sono reso conto che nel folle programma che mi ero costruito quest'estate, quello che mancava era l' equilibrio . Sono corso fuori dalla porta per lo yoga solo per arrivare a una porta chiusa a chiave. La lezione stava iniziando senza di me. Ma, con la carta in mente, mi sono sentito improvvisamente in colpa e infantile per la mia rabbia precedente. Mi allacciai le scarpe da ginnastica e andai invece a correre, meditando per tutto il tempo sul pensiero dell'equilibrio e della temperanza. Il giorno successivo, ho premuto "Forza". Sembrava che un guru invisibile mi stesse dando saggezza su come smettere di essere così negativo e uscire dalla mia routine autoimposta. Il mio prompt della pagina del diario? "Emanate." La carta mi ha consigliato di controllare le mie emozioni e di "trovare il coraggio nel mio muscolo cardiaco".

Quindi, trovalo lo farei.

Quello che ho trovato anche tirando le carte dei Tarocchi per un mese per completare la mia pratica di yoga e meditazione non era che le carte dei Tarocchi "sapessero" magicamente di cosa avevo bisogno. Quello che ho scoperto è che sapevo di cosa avevo bisogno e tirare le carte dei Tarocchi mi ha aiutato a ricordarlo.

Circa l'autore 

Vedi anche  Tutto ciò che devi sapere sulla postura di meditazione

Original text


Raccomandato

Posa della sfida: cavalletta
5 modi per fai da te il tuo santuario yoga a casa
Come 31 giorni di meditazione in movimento hanno aiutato uno yogi a rallentare