Eka Pada Rajakapotasana II

Ho appena trascorso una gloriosa giornata di paracadutismo con il mio amore e buoni amici. Abbiamo fatto un viaggio a Skydive Perris dove i miei amici hanno esplorato il loro 2 ° e 3 ° paracadutismo in tandem mentre io saltavo nel salto 36-39.

È una sensazione inspiegabile che mi prende quando faccio paracadutismo: niente può turbarmi. Tutti i problemi lasciano il mio corpo e mi resta la sensazione che tutto sia esattamente come dovrebbe essere. Sono tornato a casa per scrivere questo blog realizzando che una sensazione molto simile avvolge il mio corpo quando pratico Eka Pada Rajakapotasana II (One-Legged King Pigeon Pose II).

È impegnativo. È spesso instabile. Mi fa andare oltre la mia zona di comfort ed è bellissimo .

Fondamentalmente, spero che affronti questa posa con un vasto senso di possibilità. È stimolante, traballante e nemmeno vicino ad essere una posa di tutti i giorni, ma con il tempo, l'attenzione e la disciplina, crea una bellezza così profonda nel corpo e nella sensibilità.

Sfida te stesso: mescola questa posa nella tua pratica quotidiana e ritrovati libero, forte e pieno di bellezza.

Passo 1:

Inizia con il cane rivolto verso il basso e fai avanzare il piede sinistro per incontrare le mani. Abbassa il ginocchio posteriore e muovi il piede anteriore in avanti in un lungo affondo facendo cadere i fianchi verso il suolo con l'energia delle spaccate. Posiziona entrambe le mani sul quadricipite sinistro. Premi profondamente sulla gamba mentre allontani il petto dalla coscia. Ruota la testa delle spalle all'indietro per allargare il petto e lascia cadere il coccige verso il basso mentre impatti la parte inferiore del ventre. Premi tutte e cinque le dita del piede posteriore nel terreno per creare stabilità. Mantieni la posizione per 8 respiri profondi.

Passo 2:

Mantieni tutta l'intenzione del passaggio 1 e allunga entrambe le braccia verso il cielo. Il corpo vorrà lanciarsi nella parte bassa della schiena, quindi resisti a questa tendenza impegnando la parte inferiore del ventre e tirandola via dalla parte superiore della coscia anteriore. Piega il petto verso il soffitto tenendo gli addominali impegnati e allunga le braccia su e indietro. Tieni le braccia alla larghezza delle spalle e stimola le dita (pensa alle mani del jazz).

Passaggio 3:

Continuando dal passaggio 3, mantieni il movimento verso l'alto del torace ma abbassa le braccia. Evita la tendenza a rotolare le spalle in avanti e continua ad allargare la parte superiore del torace. Continua ad affondare nella gamba anteriore mentre sollevi la parte inferiore della pancia allontanandola dal quadricipite anteriore. Continua ad arricciare le spalle ed estendi le braccia come fulmini verso il suolo. Raggiungi come se volessi toccare il suolo, ma non ossessionarti per il contatto effettivo. Scegli lo spazio, la sensazione e il respiro.

Passaggio 4:

Prendi una cinghia da yoga e crea un lazo abbastanza grande da farci scivolare la pianta del piede. Posiziona il lazo sull'avampiede del piede posteriore e metti l'eccesso sulla spalla. Afferra il cinturino con la mano destra, il palmo rivolto verso l'alto e afferra sotto il cinturino. Più ti avvicini al piede, più profondo è il backbend, quindi aggiusta di conseguenza. Posiziona la mano sinistra sul tuo quad come il passaggio 1 mentre guardi avanti e tieni la cinghia nella mano destra. Ruota la spalla portando il gomito in fuori e in dentro. Allunga il braccio sinistro in alto, piega il gomito e afferra la cinghia anche con la mano sinistra. Lavora per tenere la cinghia nello stesso punto e potenzialmente far camminare le mani lungo la cinghia mantenendo i fianchi bassi e il petto alto.

Passaggio 5:

Il passaggio 4 dovrebbe creare un'intensa quantità di sfida e con il tempo puoi continuare in avanti nella posa completa. È importante che ti prenda il tuo tempo. Continua a praticare il passaggio 4 e lavora camminando lentamente con entrambe le mani lungo la cinghia mantenendo il cuore sollevato e le anche basse. Alla fine troverai il tuo piede. Afferrare entrambi i lati del piede e la gamba della cinghia. Continua ad abbracciare i fianchi esterni mentre affondi profondamente nel tallone anteriore. Abbraccia le braccia esterne profondamente cercando di unire i gomiti mentre lasci ricadere la testa verso la pianta del piede. Traballerai dappertutto. Mantenere l'equilibrio qui significa accettare le fluttuazioni del tuo corpo. Goditi la danza e CONTINUA A PROVARE.

Kathryn Budig è un'insegnante di yoga di tendenza che insegna online a Yogaglo. È l'esperta di yoga che contribuisce per la rivista Women's Health, Yogi-Foodie per MindBodyGreen, creatrice del DVD Aim True Yoga di Gaiam, co-fondatrice di Poses for Paws e attualmente sta scrivendo The Big Book of Yoga di Rodale. Seguila su Twitter; Facebook; o sul suo sito web.

Raccomandato

Piegamento in avanti dalla testa al ginocchio
13 ritiri di yoga che puoi effettivamente permetterti nel 2018
8 passaggi per padroneggiare e perfezionare la posa dell'albero