LA (Yoga) Story: Kundalini Star Gurmukh Kaur Khalsa

Considera questo un normale martedì pomeriggio a casa di Gurmukh Kaur Khalsa a Los Angeles: il ronzio dei colibrì che si nutrono nel fogliame lussureggiante dell'ingresso del patio sembra più forte del traffico al largo di Wilshire Boulevard, a non più di un isolato di distanza. Numerose paia di scarpe formano una sorta di bordo casuale intorno al patio, un segno sicuro che una delle sue lezioni di Kundalini Yoga è in corso. La porta d'ingresso si apre con un tintinnio di campanelli ed ecco Gurmukh, vestita con abiti indiani di un bianco puro dalla testa turbante in giù. Così radioso è il suo sorriso e così spumosi sono i suoi vestiti che evoca un'immagine della Buona Strega d'Oriente. Anche se la casa di Gurmukh potrebbe non essere Oz, sicuramente non sei nemmeno in Kansas.

Due donne la superano con un abbraccio mentre si avvicinano per individuare le scarpe. "Hai incontrato Julie e Melissa?" chiede, presentandosi a vicenda con una gioia mal contenuta. È facile dire che le presentazioni sono una delle sue cose preferite. I saluti e il piacere di incontrarti sono fatti, quindi è il momento dei Ci vediamo di nuovo. Mentre chiude la porta, Gurmukh dice disinvolta: "Melissa è una cantante. È davvero brava! Immagino che anche lei stia diventando popolare".

In quel momento diventa chiaro che Gurmukh o è un maestro dell'eufemismo o ha onestamente perso il fatto che alcuni milioni di fan pensano già che Melissa (come in Etheridge) sia davvero brava, se i suoi Grammy sono un'indicazione.

Gurmukh alza gli occhi al cielo. "Sono così incapace", dice. "Quando Courtney ha chiamato per la prima volta ho pensato che fosse quella ragazza dello spettacolo Friends di cui parlano sempre tutti. Poi ho dovuto chiedere a mio marito: 'Chi è Courtney Love?'"

Lo Yogini più popolare di Hollywood?

Questo può sembrare strano se viene da una donna che è stata descritta nientemeno che sul New York Times, Vogue, W, InStyle, Spin e Rolling Stone come la yogi più celebre di Hollywood, che ha insegnato a Madonna, Cindy Crawford, Al Pacino, David Duchovny, i Red Hot Chili Peppers, REM ... Diciamo solo che probabilmente è più facile nominare l'élite di Hollywood che non ha varcato la porta di Gurmukh nell'ultimo decennio.

Tutto è iniziato con una telefonata 10 anni fa dal manager di David Duchovny che aveva sentito parlare di Kundalini Yoga e voleva un insegnante. Gurmukh ha finito per insegnare a un gruppo di attori di "Twin Peaks", inclusa Sherilynn Fenn. Presto è entrata nelle case di registi, star, musicisti e persino alcuni esperti politici per lezioni private individuali. "Una telefonata tira l'altra, poi un'altra e un'altra", dice. "Non l'ho cercato. È successo e basta."

Maggiori informazioni sul Kundalini Yoga

Questa sembrerebbe un'opportunità ideale per influenzare i trendsetter più famosi, che poi produrrebbero lavori più illuminati. Gurmukh dice che è quello che pensava anche lei, ma si è resa conto che nessun effetto è mai così diretto. "Gli studenti stessi non stavano ottenendo tutto ciò che potevano dall'esperienza facendolo da soli. Troppo spesso tornavo a casa e mi sentivo come se non avessi fatto abbastanza, perché non insistevo su cose che so nel mio cuore li hanno davvero aiutati ", dice. "Ho capito che se insegno a 100 persone in un'ora e mezza, aiuto il mondo più che se insegno solo a uno, non importa chi sia quella persona".

Così l'anno scorso, nonostante i soldi e le riviste patinate, Gurmukh ha smesso di fare sessioni private, dicendo a ciascuno dei suoi clienti di alto profilo che per sperimentare tutto ciò che il Kundalini Yoga ha da offrire, avrebbero dovuto partecipare alle lezioni. "Era la fine di un capitolo della loro vita, ma hanno capito", dice. "A un livello molto profondo sapevano che era la verità".

The Back Story

Il nome di Gurmukh, che significa "colui che porta migliaia di persone attraverso l'oceano del mondo", le è stato dato da Yogi Bhajan, il maestro Sikh che ha introdotto il Kundalini Yoga in America. "So che il nome descrive il mio destino", dice. Ma per una ragazza del sobborgo di Chicago di Downer's Grove, trovare il suo destino non è stato facile.

"Mancava qualcosa che stavo sempre cercando", dice. La sua ricerca di significato l'ha portata prima in Germania, poi di nuovo a Chicago e infine a San Francisco per studiare recitazione. All'età di 22 anni si è sposata e ha avuto un bambino, solo per vederla morire a 7 mesi per un difetto cardiaco congenito. "Non avevo strumenti per far fronte al mio dolore o qualcuno a cui rivolgermi", ricorda. Così partì da sola in un viaggio per guarire.

La sua prima tappa è stata il Messico, dove ha vissuto tra gli indiani di Oaxaca, poi le Hawaii, dove è stata accolta in uno zendo. Quello che era iniziato come una breve sosta è diventato un anno di profonda riflessione: ha meditato per sette ore ogni giorno, è cresciuta e ha raccolto il suo cibo e ha condotto una vita contemplativa. Con la benedizione del roshi, ha programmato di andare in Giappone per diventare una suora Zen. Ma, come dice la vecchia barzelletta, se vuoi far ridere Dio, digli i tuoi piani. Poi, 28 anni, è tornata per quella che pensava sarebbe stata una breve visita in California prima di andare in Giappone. Mentre era lì ha incontrato un vecchio amico. Ha insistito perché andasse con lui in un ashram di cui aveva sentito parlare a Tucson, in Arizona, perché credeva che Dio gli avesse detto di portarla lì. "Ho detto, 'Cos'è un ashram?'" Ricorda con una risata. I due caricarono la sua Volkswagen bug e andarono in Arizona,dove sono entrati in una lezione di yoga in sessione. Il suo amico se ne andò dopo una settimana, le pagò il primo mese di vitto e alloggio e non lo vide mai più.

"Avevo trovato quello che avevo sempre cercato."

"Avevo trovato quello che avevo sempre cercato." L'anno era il 1971. Gurmukh ricorda quei giorni emozionanti all'ashram; Yogi Bhajan aveva portato il Kundalini Yoga in Nord America solo due anni prima, quindi i pionieri si stavano immergendo nei fondamenti della pratica: sebbene Kundalini usi gli asana tradizionali, è una forma molto delicata di yoga che incorpora una qualche forma di Pranayama (respirazione ), mantra (parole sacre) e mudra (gesti simbolici delle mani) in ogni sessione. Viene fatto con gli occhi chiusi e focalizzato sulla ghiandola pituitaria, o "terzo occhio", per incanalare la kundalini, l '"energia della coscienza". "Senza quel flusso costante di energia, non potresti vivere", dice Gurmukh. Più che un esercizio, il Kundalini Yoga è un sistema yogico completo,incorporando uno stile di vita vegetariano, tecniche di guarigione eseva (servizio disinteressato agli altri).

Per due anni Gurmukh ha lavorato presso l'ashram e ha insegnato yoga presso l'Università dell'Arizona e la struttura correzionale statale, poi è stata chiamata a lavorare al "centro madre" nel New Mexico. I cinque anni che ha vissuto lì sono stati pieni di tumulti personali, così Yogi Bhajan l'ha mandata in India dove è rimasta per quattro mesi pregando, meditando e facendo yoga. Il suo punto di svolta spirituale è stato uno yatra (pellegrinaggio), dove ha camminato per 17.000 piedi in tre giorni per raggiungere un santuario di montagna. "È dove le scritture sikh dicono che a Guru Gobin Singh fu detto da Dio di reincarnarsi per aiutare il mondo", spiega. "Ho preso le mie ferite e le ho guarite lì".

Una stella Kundalini a Hollywood

Il suo viaggio di ritorno in America includeva una sosta a Los Angeles che dura da 22 anni. "Sono sempre stato sulla via del ritorno in New Mexico!" aggiunge. Ha aperto le porte di Yoga West, il primo centro di Kundalini Yoga a Los Angeles, dove è stata direttrice per sei anni. Lì ha incontrato suo marito, Gurushabad. Sposata da 16 anni, la coppia ha una figlia di 14 anni. Gurmukh è anche direttore del Seva Corps of Sikh Dharma, una fondazione senza scopo di lucro che fornisce borse di studio per i bambini, ed è un membro fondatore di Khalsa Way, un'organizzazione dedicata ad aiutare le persone a partorire e crescere bambini sani.

"Khalsa significa 'puri', quindi l'obiettivo è riportare la purezza nelle famiglie", dice. "Aiutiamo le madri anche prima del concepimento ad avere una mente meditativa in modo che possano trasferire quell'energia ai loro figli". L'affluenza alle sue lezioni pre e postnatale è fenomenale: gli ostetrici locali indirizzano le future mamme a Gurmukh sia per i benefici dell'esercizio che per le ricompense mentali ed emotive che lo yoga impartisce. "Credo che l'anima di Shannon, il bambino che ho perso, sia stata inviata per aiutarmi. È venuto come mio insegnante", dice Gurmukh. "Se sono considerato un buon insegnante, è perché l'età e l'esperienza di vita mi hanno reso così. Inoltre, penso che faccia la differenza che io sia un capofamiglia e una madre. Ho sperimentato ciò che tutti gli altri hanno vissuto. Ma io hanno trovato una via d'uscita dal dolore. "

Alla fine di ogni lezione, Gurmukh serve Yogi Tea e biscotti. Dà alle persone la possibilità di "tornare sulla terra", spiega, e anche la possibilità di conoscersi. Le lezioni del venerdì sera, tuttavia, sono seguite da una festa vegetariana completa. "Questo è il vero yoga: l'unione con te stesso e con gli altri", dice Gurmukh, che al momento sta facendo più cose contemporaneamente, assicurandosi che tutti abbiano un piatto e presentando un solo uomo a una sola donna. (Confessa di avere un debole per il matchmaking: "Adoro quando le coppie si incontrano a lezione di yoga!")

La folla di soli posti in piedi rende ovvio il motivo per cui ha deciso di aprire un nuovo centro, chiamato "Golden Bridge: The Heart of Yoga", a pochi isolati dalla sua casa di mezza città: la necessità di più spazio. Il suo nuovo studio è l'ultima aggiunta ai 350 centri di Kundalini Yoga in tutto il mondo. "Sono solo una di quelle che ha parlato in una grande ruota", dice. "Le persone hanno un desiderio di appartenere. Hanno bisogno di luoghi in cui possono amare e guarire insieme. Così tante persone stanno cercando, come me, qualcosa di più, e lo trovano nello yoga e nella meditazione."

Gurmukh si ferma per un momento per sottolineare un punto: "Più che scoprire lo yoga, voglio che i miei studenti scoprano ciò che Yogi Bhajan mi ha insegnato: che siamo esseri spirituali qui per fare un'esperienza umana". Sorride di nuovo e dice in tono materno: "Il nostro diritto di nascita è la felicità".

Vedi anche un'intervista con Gurmukh  The Gong Show.

Samantha Dunn è una scrittrice freelance di Malibu, in California, i cui lavori appaiono in Shape, InStyle, Women's Sports and Fitness e Bikini. Il suo primo romanzo, Failing Paris, è stato pubblicato da Toby Press.

Raccomandato

Posa della sfida: cavalletta
5 modi per fai da te il tuo santuario yoga a casa
Come 31 giorni di meditazione in movimento hanno aiutato uno yogi a rallentare