Decodificare lo Yoga Sutra 1.12: abbraccia il valore della pratica e del non attaccamento

Vuoi esercitarti o studiare di persona con Natasha Rizopoulos? Unisciti a lei allo Yoga Journal LIVE New York, dal 19 al 22 aprile 2018, il grande evento dell'anno di YJ. Abbiamo abbassato i prezzi, sviluppato programmi intensivi per insegnanti di yoga e curato percorsi educativi popolari: Anatomy, Alignment, & Sequencing; Salute e benessere; e Filosofia e Consapevolezza. Guarda cos'altro c'è di nuovo e iscriviti ora!

Il Sutra 1.12 introduce due elementi essenziali della filosofia yogica: abhyasa (sforzo persistente) e vairagya (non attaccamento al risultato). Quando vengono praticati insieme, possono servire come una tabella di marcia spirituale e pratica per navigare quasi ogni aspetto della vita con maggiore equanimità. 

Come gran parte della saggezza di Patanjali, la brillantezza del Sutra 1.12 sta nella semplicità della sua premessa e nell'universalità della sua applicazione. L'essenza di base: se puoi essere risoluto nei tuoi sforzi e, in egual misura, non fissarti sul risultato di quegli sforzi, la tua coscienza diventerà meno frenetica e le tue vrittis (modifiche mentali o schemi di pensiero abituali) si fermeranno . 

Vedi anche  Una sequenza di yoga per aiutarti a bilanciare lo sforzo e la resa

Naturalmente, questo è più facile a dirsi che a farsi. Molti di noi hanno la tendenza verso un'estremità dello spettro energetico. Chi è industrioso e incline all'azione a volte è troppo orientato all'obiettivo e attaccato ai risultati, mentre chi è più rilassato e accomodante può cadere preda della stanchezza e della mancanza di persistenza nei propri sforzi. Ognuno di questi estremi può portare a una mente agitata: inseguire fini specifici può produrre una psiche disturbata o irrequieta, mentre l'incapacità di impegnarsi in una linea d'azione può creare una mente dispersa e distratta. 

Come tante cose nello yoga, la soluzione è trovare un percorso meno binario, dove gli opposti possano coesistere e bilanciarsi a vicenda. Questo è ciò di cui parla il Sutra 1.12: coltivare la capacità di essere risoluti e determinati senza concentrarsi sui frutti delle proprie fatiche. Il risultato non è il punto. È la qualità della mente che accompagna il lavoro che ha valore: la capacità di nutrire un'intelligenza calma, curiosa e attenta. Quindi, ovunque ti senti sfidato o bloccato - forse stai lottando attraverso il tuo Chaturanga, assalito da un cervello loquace in meditazione o Child's Pose, o stai vivendo un momento difficile con una persona cara - questo sutra ti invita ad agire e riprovare e ancora senza attaccamento ai risultati. E per osservare l'effetto sulla tua coscienza quando lo fai.

Vedi anche  Esercitare il distacco per vivere felici e senza preoccupazioni

Raccomandato

Un saluto al sole che risveglia il nucleo per il supporto della parte bassa della schiena
Let It Fall Away: una sequenza stagionale per lasciarsi andare
Posizione della sfida: Bussola (Parivrtta Surya Yantrasana)