Il potere curativo delle lezioni di yoga informate sul trauma

Prima era sua madre. Poi è stato un amico al college. E un altro amico. E un altro amico. Come ogni persona ha raccontato a Zoë LePage la sua esperienza di violenza domestica o sessuale, è stata commossa dai sopravvissuti. “Ero furioso che i miei cari fossero passati attraverso questo - che qualcuno li avesse violati in questo modo e li avesse fatti sentire meno. Volevo creare spazio per loro e per altre persone che hanno avuto esperienze simili, in modo che potessero fare il lavoro di guarigione ", dice.

Poi, durante l'ultimo anno di college, il programma di studi sulla leadership femminile di LePage le ha affidato il compito di trovare un modo per cambiare il mondo. Sapeva che era necessario affrontare i traumi causati da aggressioni sessuali e domestiche.

Vedi anche Come lavorare con studenti di yoga che hanno subito traumi

LePage pensava a quanto lo yoga l'avesse aiutata con ansia e depressione tra il liceo e l'università. "Lo yoga mi ha dato un senso di forza e stabilità che nient'altro poteva fornire", dice LePage, che ha completato il suo primo corso di formazione per insegnante di yoga nel 2009. Sperando che lo yoga avrebbe lo stesso effetto sui sopravvissuti, LePage ha fondato Exhale to Inhale (ETI) nel 2013 , per portare lezioni di yoga gratuite a persone che hanno subito traumi.

Il nome dell'organizzazione senza scopo di lucro deriva da una citazione che la sua insegnante di yoga Jodie Rufty direbbe: "A volte devi lasciare andare ciò che non ti serve più per riempirti". LePage spiega: "Nella mia mente, questo si traduceva in" Devi espirare per inspirare "".

Vedi anche 5 modi per utilizzare la tua pratica yoga per affrontare i traumi

Gli istruttori di yoga ETI visitano rifugi per violenze domestiche e sessuali, centri di crisi di stupro e centri comunitari per insegnare lezioni di yoga gratuite e informate sui traumi ai sopravvissuti e al personale lì. Che aspetto ha una classe: le luci rimangono accese, non c'è musica, tutti sono orientati verso il punto di ingresso e di uscita dell'aula e l'istruttore rimane sul suo materassino o sulla sedia. “Parte di questo metodo è che gli studenti abbiano qualcuno da copiare, e parte di esso è alleviare l'ansia degli studenti che potrebbero essere ipervigilanti. L'idea di qualcuno che viene dietro di loro o che ci sia qualcuno di cui hanno bisogno di seguire mentre camminano per la stanza è una distrazione ", dice.

Gli istruttori usano anche un linguaggio invitante. "Vogliamo che i nostri studenti abbiano l'esperienza di notare le sensazioni nel loro corpo e di fare delle scelte basate su questo", dice LePage. Quindi gli insegnanti usano frasi come "Ti invito a provare ..." e "Questa è l'opzione A; questa è l'opzione B. Oppure non puoi scegliere nessuna delle precedenti ".

Vedi anche  Sarah Platt-Finger's Self-Care Practice for Survivors of Sexual Assault

Questo dà potere agli studenti e li aiuta a riconnettersi ai loro corpi in modo positivo. “Per qualcuno che ha subito un trauma, il suo corpo è stato violato. Non ti senti al sicuro o ti senti disconnesso da esso ", dice LePage. “Abbiamo spazio affinché le persone siano presenti nel momento, per connettersi a come i loro corpi si muovono nello spazio e per riconoscere come quei movimenti le fanno sentire emotivamente e fisicamente. Quando i nostri studenti iniziano a sperimentare questo, possono incorporare lentamente quel nuovo modo di essere nella loro vita quotidiana in modo da poter creare le vite che desiderano ". 

Raccomandato

Posa della sfida: cavalletta
5 modi per fai da te il tuo santuario yoga a casa
Come 31 giorni di meditazione in movimento hanno aiutato uno yogi a rallentare