Dentro YTT di YJ: 5 cose da sapere prima di insegnare una lezione di yoga

La redattrice senior di Yoga Journal Amanda Tust condivide cinque suggerimenti chiave della formazione per insegnanti di yoga che intende tenere nella tasca posteriore dei pantaloni nel caso in cui finisse davvero di fronte a una lezione.

È metà febbraio e ora siamo cinque settimane nel nostro Yoga Pod YTT di quattro mesi e 200 ore. Finora abbiamo praticato un sacco di Vinyasa e Pranayama, siamo diventati fanatici dell'anatomia e della storia dello yoga, cantato mantra all'unisono con i suoni emotivi di un harmonium e completato seminari su Saluti al Sole, legami, inversioni e altro ancora. La formazione è stata un'incredibile opportunità per legare come una squadra e per stendere i nostri materassini insieme durante YTT il mercoledì e il venerdì, nonché un'ispirazione per partecipare più regolarmente alle lezioni di yoga al di fuori dell'allenamento.

Ho già imparato tante cose che mi aiuteranno a essere un migliore editore per la rivista e un migliore osservatore nei servizi fotografici. Anche se al momento non ho in programma di insegnare in uno studio, ora mi sento rafforzato che se mai dovessi scegliere di farlo, avrò una prima classe di successo, se ricordo queste cinque cose chiave di YTT.

1. Abbraccia l'imbarazzo.

Una delle nostre leader YTT, Amy Harris, parla spesso di come sia un'introversa naturale e di come le sia servito molto tempo per sentirsi a proprio agio nell'interazione con gli studenti. Un altro leader, Steph Schwartz, ha detto che era quasi uscita dal suo primo giorno di formazione per insegnanti perché il pensiero di parlare di fronte a un gruppo la terrorizzava. Ma non avrei mai immaginato che l'insegnamento fosse inizialmente qualcosa di totalmente fuori dalle loro zone di comfort. Trasudano una sicurezza equilibrata e calma quando ci guidano, e sono così grato di avere l'opportunità di imparare da loro. È rassicurante sapere che il disagio che a volte provo quando parlo davanti al gruppo o dimostro una posa nel mezzo della stanza è del tutto OK, anche normale. Se ti senti a disagio ea disagio nell'insegnare la tua prima lezione, non significa che alla fine non troverai il tuo ritmo come insegnante;significa solo che sei umano.

Vedere anche Domande e risposte: posso superare la paura di parlare in pubblico?

2. Fai i compiti.

In una recente sessione di YTT, abbiamo creato collettivamente una sequenza che il leader di YTT Nafisa Ramos ha scritto su una lavagna. Si muove verso Urdhva Dhanurasana (Wheel Pose) come il suo culmine, e il nostro compito è praticare la sequenza e prendere appunti su ciò che funziona e ciò che non funziona. Presto torneremo insieme come gruppo per discutere la pratica e perfezionarla. Anche se non avremo esattamente il supporto di più di una dozzina di persone durante la creazione di sequenze in futuro, è utile prendere l'abitudine di pensare in modo critico a una sequenza prima di insegnarla. Una volta che sei un insegnante veterano, sarai in grado di inventare sequenze al volo. Fino ad allora, preparati prima di ogni lezione. Scrivi la sequenza, esercitati, calcola il tempo, prendi appunti e modificala secondo necessità. Dopo la prima lezione, prendi nota di ciò che è andato bene e di ciò che ti è sembrato un po 'strano.Se qualcosa non ti è piaciuto, cambialo la prossima volta.

Vedi anche 5 modi per mettere in sequenza in modo creativo una lezione di yoga

3. Sii vulnerabile, ma non troppo vulnerabile.

Molti amati insegnanti aprono le loro classi condividendo storie personali (e alcuni lo fanno perché credono che se mostri vulnerabilità, rafforzi coloro che ti circondano). Se la narrazione ti affascina, assicurati di collegare la tua storia con un tema o un'intenzione per la classe in modo che le tue parole abbiano uno scopo più grande, invece che un semplice "download" da te ai tuoi studenti. Ad esempio, se la tua sequenza include molti apri il cuore, potresti condividere una breve storia sulla lotta per aprire il tuo cuore a qualcuno nella tua vita. Non ti interessa rivelare cose personali? Va bene anche questo, ci ha detto Harris. La vulnerabilità è una parte intrinseca dell'essere un insegnante di yoga. Stai di fronte agli studenti, molti dei quali sono estranei, e condividi con loro una pratica sacra, spesso profondamente personale. Questo livello di vulnerabilità è probabilmente sufficiente, soprattutto per la tua prima classe.

Vedi anche Inside YJ's YTT: 4 Fears We Had Before Yoga Teacher Training

4. Se mescoli destra e sinistra, non scusarti.

Stai conducendo la tua prima classe. Sei in un solco; la tua voce è ferma; i tuoi studenti sembrano respirare bene e rispondere ai tuoi segnali ... E poi, oops, dici: "Fai avanzare il piede destro", quando intendevi muoverti sul lato sinistro. Primo, non preoccuparti. Sapere quando dire sinistra contro destra è una delle cose più difficili da mantenere dritto come insegnante, dice Nancy Kate Rau, un'insegnante YTT che ha recentemente condotto il nostro seminario sulle inversioni. La prima volta che dici accidentalmente la parte sbagliata (e se non accade durante la tua prima lezione, alla fine succederà), consideralo un rito di passaggio. E resisti all'impulso di lanciarti in scuse ("Mi dispiace, ragazzi") o in qualsiasi tipo di linguaggio autoironico ("Oh, amico, non posso credere di aver sbagliato tutto"). Invece, dì "Piuttosto, a sinistra" e poi continua semplicemente, raccomanda Harris.Modificare il tuo linguaggio da "mi dispiace" a "piuttosto" ti aiuterà a fare dei recuperi rapidi e sicuri che sono molto meno distruttivi per il gruppo.

Vedi anche Dentro YTT di YJ: Il nostro primo tentativo di insegnare lo yoga ...

5. Parla e muoviti in modo da supportare gli studenti.

In YTT, ho imparato a dare sempre istruzioni attive ("Vai in cima al tappetino") invece di istruzioni passive ("Raggiungi in cima al tappetino ...") ea limitare i segnali da tre a cinque per posa, entrambi per una più facile elaborazione mentale. Dopo cinque segnali, è probabile che gli studenti ti stonino o si sentano ansiosi di tirare fuori tutto sul loro tappetino. Ho anche imparato che è una buona idea fare in modo che le modifiche alla posa suonino altrettanto attraenti quanto l'espressione completa. Se lo fai, gli studenti potrebbero essere meno propensi a spingere oltre le loro capacità. Ad esempio, quando conduci gli studenti attraverso Chaturanga, potresti dire: "Se oggi ne hai abbastanza di gravità, abbassati sulle ginocchia", il che è divertente e facilmente riconoscibile, contro "Se i tuoi tricipiti sono deboli, abbassati sulle ginocchia, "Che potrebbe sembrare come ammettere la sconfitta.E ogni volta che stai dimostrando pose nella parte anteriore della stanza, assicurati di dimostrare anche le versioni modificate. Se dici ai tuoi studenti di usare una cinghia per Natarajasana (Lord of the Dance Pose) o un blocco per Ardha Chandrasana (Half Moon Pose), ad esempio, mostra ai tuoi studenti la posa con il sostegno per incoraggiarli a praticare le versioni modificate.

Vedi anche So You Graduated Yoga Teacher Training - E adesso?

Raccomandato

Ottimizzazione dei chakra del nuovo anno
Sii Uno con la Terra: Energia Elementale dei Chakra
Posa della sfida: Hanumanasana