Trattamenti ayurvedici per occhi sani

"Parlare del terzo occhio è molto di moda in Occidente", dice la clinica ayurvedica Reenita Malhotra. "Ma per raggiungere un piano più spirituale, devi prima prenderti cura del corpo fisico."

L'estate è il momento perfetto per prestare maggiore attenzione agli occhi del tuo corpo fisico. Nell'emisfero settentrionale, il sole proietta i suoi raggi ultravioletti più forti nei mesi di luglio e agosto. Un'uscita non protetta può tostare le sfere e contribuire a problemi agli occhi a lungo termine come la cataratta e la degenerazione maculare, proprio come le scottature solari possono danneggiare la pelle. Ma fate attenzione: il 75% della perdita della vista dovuta a tali disturbi è prevenibile o curabile se diagnosticata precocemente. Ecco cosa devi sapere.

Coccola i tuoi occhi

La scienza e la mitologia dell'Ayurveda tengono in grande considerazione gli occhi. Nell'antica tradizione indiana, si pensava che gli occhi di un feto si formassero quando particelle di luce dal sole e dalla luna passavano attraverso gli occhi della futura mamma, viaggiavano lungo il sistema nervoso ed entravano nell'utero, dice Vasant Lad, fondatore dell'Istituto Ayurvedico ad Albuquerque, New Mexico. Gli occhi, dice, sono governati dal sole: "Sono luminosi, brillanti e pieni di lucentezza".

A causa di questa connessione con il sole, si pensa che gli occhi siano di natura ardente e quindi più facilmente irritati dalle calde giornate estive. Fortunatamente, l'Ayurveda offre molti modi per spegnere le fiamme. Nella teoria ayurvedica, ci sono tre dosha, o energie, che influenzano il nostro corpo e la nostra mente. Pitta è associata al fuoco e le persone in cui pitta è tipicamente dominante tendono ad essere motivate e concentrate; quelli con molto vata (legati all'aria e al vento) sono spesso vivaci; si ritiene che coloro in cui il kapha (governato dalla terra e dall'acqua) sia più forte siano stabili e compassionevoli.

Non importa quale sia il tuo dosha dominante, puoi rinfrescare gli occhi spruzzandoli delicatamente con acqua fredda, sbattendo le palpebre sette volte (una per ogni chakra o centro energetico nel corpo) e ruotandoli in tutte le direzioni. Se bruciano o sono iniettati di sangue o sensibili alla luce, la colpa può essere un eccesso di pitta. Per contrastarlo, sdraiati per 15 minuti con batuffoli di cotone imbevuti di latte sulle palpebre chiuse. Anche le fette di cetriolo faranno il trucco.

Sebbene la pitta sia provocata più facilmente durante l'estate, anche gli altri due dosha, kapha e vata, possono perdere l'equilibrio ora. Se ti risvegli agli occhi che si sentono stanchi o più croccanti del solito, la colpa potrebbe essere di uno squilibrio kapha, dice Malhotra, l'autore di Inner Beauty: Discover Natural Beauty and Well-Being with the Traditions of Ayurveda. Per sedare il kapha, suggerisce di spruzzare gli occhi con acqua di rose. Puoi cercare l'acqua di rose nei negozi di alimenti naturali o nei mercati del Medio Oriente o crearne una tua immergendo una rosa coltivata biologicamente in acqua filtrata durante la notte. (Puoi far bollire l'acqua per estrarre più essenza della rosa; assicurati di raffreddare l'acqua e rimuovere la rosa prima di spruzzare gli occhi.)

Gli occhi secchi e pruriginosi possono segnalare che il tuo vata è fuori equilibrio. Per ripristinarli, Malhotra consiglia una versione casalinga di un trattamento ayurvedico chiamato netra basti. Per iniziare, scalda un quarto di tazza di ghee (burro chiarificato) a fuoco medio, lascialo raffreddare a temperatura ambiente, versa metà del liquido in un oculare (venduto in farmacia), inclina la testa all'indietro e lava l'occhio per 5-7 minuti . Ripeti sull'altro occhio usando il burro chiarificato rimanente. (Questo trattamento può essere disordinato, quindi fallo in bagno, con vestiti in grado di sopportare alcune gocce di burro chiarificato.)

Inoltre, è una buona idea salvare questa routine di auto-cura fino a poco prima di andare a dormire, perché la tua vista sarà offuscata per alcuni minuti dopo, dice Malhotra. Questo ti dà una buona scusa per riposare gli occhi e tutto il corpo, il che dovrebbe anche aiutare a calmare uno squilibrio di vata. Se ti iscrivi a netra basti in una spa ayurvedica, non sorprenderti se finisci con la pasta sul viso. Tradizionalmente, il rimedio per l'occhio secco consiste nel posizionare una ruota di pasta integrale cruda attorno a ciascun occhio per agire come una diga mentre l'occhio è immerso nel burro chiarificato.

Nutrire la testa

Ciò che mangi influisce anche sui tuoi occhi e uno dei modi migliori per sostenere la tua vista è mangiare antiossidanti. La luce solare crea radicali liberi, molecole canaglia che danneggiano gli occhi. Gli antiossidanti setacciano il flusso sanguigno e neutralizzano gli invasori dannosi. Per scoprire i migliori antiossidanti per la vista, gli scienziati del Laboratory for Nutrition and Vision Research dell'USDA Human Nutrition Research Center on Aging presso la Tufts University hanno raccolto e esaminato dozzine di studi clinici. I loro risultati indicano la vitamina C, la vitamina E e la luteina come i migliori antiossidanti per la salute degli occhi.

Per infondere nella tua dieta questi nutrienti, prepara spinaci, broccoli, mais, fragole e noci. I ricercatori suggeriscono almeno 250 milligrammi (mg) di vitamina C, 90 mg di vitamina E e 3 mg di luteina al giorno. Questi livelli sono più alti dell'assunzione dietetica raccomandata dal governo; proteggi le tue scommesse con un multivitaminico quotidiano.

Riposo per gli stanchi

La tecnologia può portarci molte meraviglie, ma ha anche contribuito a creare un mondo pieno di persone che si sfregano gli occhi stanchi. Non incolpare i gadget, dice Marguerite McDonald, portavoce dell'American Academy of Ophthalmology. Il problema è come li usiamo. In sostanza, diventiamo zombi davanti a uno schermo luminoso, sbattendo le palpebre solo tre volte al minuto invece del normale 20. Il risultato? Occhi asciutti.

Il tempo trascorso sul tappetino yoga può essere una fonte di sollievo. Lo scorso dicembre, una ricerca pubblicata sulla rivista Head & Face Medicine ha suggerito che lo yoga può lenire gli occhi irritati. Gli scienziati di Bangalore, in India, hanno arruolato 291 dipendenti di una società di software, che trascorrevano tutti almeno sei ore al giorno davanti a un computer. (Suona familiare?) I ricercatori hanno assegnato metà del gruppo a una lezione di yoga che si riuniva per un'ora al giorno, cinque giorni alla settimana. La lezione includeva asana, pranayama e rilassamento guidato. Quelli dell'altro gruppo hanno trascorso lo stesso tempo nel centro ricreativo della compagnia parlando con gli amici, allenandosi e guardando la TV. Alla fine dello studio, gli yogi hanno riportato una diminuzione del 30% dei problemi agli occhi come l'occhio secco; i disturbi agli occhi sono aumentati nell'altro gruppo. Gli autori notano che le persone rilassate sbattono di più gli occhi, il che inumidisce gli occhi.

Ma per quanto riguarda l'affaticamento degli occhi? La parola è un po 'impropria, dice Eli Peli, professore di oftalmologia alla Harvard Medical School. Peli dice che la visione avviene nel cervello, non negli occhi; quindi, sedersi al computer non affatica gli occhi, nel senso che causa problemi ai muscoli. Invece, la stanchezza che senti è il tuo cervello che chiede pietà: "Il cervello, nel suo modo intelligente, proietta la fatica sugli occhi, quindi ti prendi una pausa".

Sia le tradizioni di guarigione orientali che quelle occidentali considerano la cura degli occhi un affare olistico. Gli occhi riflettono la salute generale del corpo, afferma Ilene Gipson, scienziata senior presso lo Schepens Eye Research Institute di Boston. "Tutti i fattori di rischio per malattie cardiache, diabete e ictus causano anche malattie agli occhi", dice, "quindi prendersi cura degli occhi non è uno sportello unico".

Malhotra è d'accordo. "Gli occhi sono solo uno dei cinque organi di senso, insieme a orecchie, naso, bocca e pelle; a meno che non massimizzi la salute di tutti e cinque, non avrai mai accesso completo al tuo vero potenziale."

Catherine Guthrie è una scrittrice freelance con sede a Bloomington, Indiana.

Raccomandato

Posa della sfida: cavalletta
5 modi per fai da te il tuo santuario yoga a casa
Come 31 giorni di meditazione in movimento hanno aiutato uno yogi a rallentare