Il lato oscuro della meditazione: come evitare di rimanere bloccati dal dolore del passato

Per molti mesi dopo la fine del calvario nel 2014, Jane Miller * è stata perseguitata dal suo stalker, un uomo con cui aveva inizialmente stretto amicizia, ma che poi l'ha tormentata e minacciata la sua vita. L'incubo era tumultuoso per Miller e suo marito, e la nube di tristezza, vergogna, paura e ansia ha avuto un effetto devastante sulla sua vita. Ha combattuto l'impulso di restare a letto tutto il giorno. Con le persiane chiuse e le tende tirate, impediva anche al più piccolo raggio di sole di penetrare nella sua fortezza. Ha lasciato la sua casa solo per necessità. 

Lo psichiatra di Miller le ha diagnosticato stress post-traumatico e disturbi depressivi. Il suo terapista le ha consigliato di seguire una lezione di meditazione consapevole di 12 settimane, oltre a regolari sessioni di terapia, per aiutarla a reclamare la sua vita. Sapendo che aveva bisogno di fare qualcosa per trovare la pace della mente, si è iscritta e ha iniziato il corso piena di speranza.

"Stavo avendo un micro-flashback"

Tuttavia, quando si è seduta per la prima volta sul suo materassino all'inizio della lezione, la sua ansia è salita in superficie. Ha iniziato a sudare. Il suo cuore iniziò a battere forte e fu presa da una paura debilitante. "Quando la lezione è iniziata quel primo giorno, sono entrati molti discorsi negativi. Chiusi gli occhi e lacrime silenziose iniziarono a scorrere sul mio viso e non si fermarono. Ho avuto tanta paura; Non volevo aprire gli occhi ", ricorda Miller. “Stavo avendo un micro-flashback. Mi strattonava dicendo: "Ricorda che è successo" o "Ricorda, l'hai fatto". A quel punto non avevo gli strumenti necessari per affrontare i flashback traumatici ".

Nonostante l'episodio spaventoso, Miller tornò in classe la settimana successiva sperando di provare il tipo di guarigione e il senso di calma che pensava le avrebbe fornito la meditazione. L'ambiente e la sensazione di anonimato sembravano per lo più al sicuro. Eppure, ogni volta che chiudeva gli occhi e ascoltava la sua mente e il suo corpo, si ritrovava rapidamente nascosta in un episodio traumatico, rintanata in un bozzolo di vergogna. "Non ero pronta a permettere a me stessa di guarire", dice. “Mi sentivo come se non lo meritassi. Comincerei a sentirmi vulnerabile, come se la classe conoscesse la mia storia, anche se non lo sapevano. È stato molto difficile persino stabilire un contatto visivo con le persone dopo la fine della lezione ", dice. "Arrotolerei velocemente il tappetino, mi renderei il più piccolo possibile e me ne andrei".

Classe dopo lezione per 12 settimane, Miller si è fatta strada attraverso ogni meditazione. Alla disperata ricerca di uno sbocco che l'avrebbe aiutata a guarire, è rimasta fedele e ha anche provato altre lezioni in offerta, come lo yoga riparatore. Con sua sorpresa, non è mai stata avvicinata dal suo insegnante di meditazione e il potenziale di questo tipo di risposte emotive durante la meditazione non è mai stato affrontato in alcun modo. “Durante la lezione di yoga, ci venivano offerte modifiche per limitazioni fisiche o se qualcosa non andava bene. Ma nella lezione di meditazione, non c'era riconoscimento di potenziali limitazioni mentali o lesioni ", dice.

Alla fine, Miller è stata contenta di aver finito la lezione, perché l'ha portata a trovare il mantra che alla fine avrebbe usato regolarmente: che io possa trovare facilità; Che io possa stare bene; Possa io essere sano; Possa io essere felice; Possa io vivere nella gentilezza amorevole. Eppure Miller desiderava di essere stata avvertita che i sopravvissuti a un trauma possono sperimentare flashback, dissociazione e persino ritraumatizzazione durante e dopo la meditazione, una consapevolezza che potrebbe averla aiutata a sentirsi meno spaventata durante quelle sessioni di meditazione iniziali. "Un questionario anonimo all'inizio della lezione che chiede: 'Cosa sei qui?' potrebbe essere stato utile ", dice.

Nonostante la popolarità sempre crescente della meditazione, raramente vengono emessi avvertimenti sui momenti più difficili della pratica. Negli ultimi dieci anni, la meditazione è cresciuta in popolarità in Occidente, prima a un ritmo costante e poi a ritmo serrato. Per una società che è ipercaffeinata e sovrastimolata, impantanata in settimane lavorative di 60 ore e giocoleria troppe proverbiali palle, le pratiche di meditazione sono spesso considerate collettivamente come una panacea per tante delle cose che ci affliggono. Promette di aumentare la concentrazione, la produttività e la consapevolezza di sé riducendo lo stress e l'ansia. Ma non è tutta la storia.

L'esperienza di Miller non è un'anomalia, dice Anna Kress, psicologa clinica a Princeton, nel New Jersey, che insegna tecniche di meditazione ai suoi clienti. Ci avverte che dobbiamo essere più consapevoli del fatto che esiste una gamma di risposte alla meditazione molto più ampia di quella di cui la maggior parte delle persone è a conoscenza.

Vedi anche  Trova il tuo stile di meditazione con queste 7 pratiche

Willoughby Britton, PhD, assistente professore di psichiatria e comportamento umano alla Brown University è d'accordo, osservando che i potenziali effetti negativi della meditazione, tra cui paura, panico, allucinazioni, mania, perdita di motivazione e memoria e spersonalizzazione, possono essere angoscianti nella migliore delle ipotesi e debilitante nel peggiore dei casi. David A. Treleaven, PhD, autore del nuovo libro Trauma-Sensitive Mindfulness: Practices for Safe and Transformative Healing,dice che questa potenza della meditazione non può essere sottovalutata o sottovalutata da insegnanti o professionisti. "La meditazione è una pratica che può suscitare risposte sfidanti o avverse", dice. "Mentre molte persone traggono beneficio dalla meditazione, alcune no." Quando Britton ha incontrato per la prima volta alcuni degli effetti negativi della meditazione, si è resa conto che parte del problema era la mancanza di informazioni e l'enfasi eccessiva sui benefici. 

"Nel 2006, quando stavo facendo la mia residenza, ho lavorato in un ospedale psichiatrico ricoverato, e c'erano due persone che sono state ricoverate in ospedale dopo un ritiro di 10 giorni in un centro di meditazione nelle vicinanze", dice. "Mi ha ricordato che la meditazione può essere seria e che qualcuno dovrebbe studiarne [quel lato]."

Il potere della meditazione

Studi pubblicati regolarmente su riviste scientifiche pubblicizzano le vaste capacità della meditazione, inclusi i suoi effetti positivi su condizioni come la sindrome dell'intestino irritabile, la fibromialgia e il disturbo da stress post-traumatico, e la sua promessa di aiutarci a far fronte a livelli elevati di stress, depressione, ansia e fobie. e altri problemi di salute mentale. Di conseguenza, abbiamo assistito a un aumento della popolarità delle app di meditazione mobile come Headspace, Simple Habit e Insight Timer, che offrono pratiche guidate. C'è stata anche un'ondata di boutique e studi di meditazione in franchising, come MNDFL sulla costa orientale e Unplug Meditation sulla costa occidentale, e ora i ritiri di meditazione sono comunemente accettati come opzioni di vacanza o fughe aziendali. "La pressione culturale per meditare è molto alta in questo momento", dice Kress. "Ma non tutte le esperienze meditative sono positive."

Durante la sua residenza, quando Britton iniziò a incontrare aneddoti sugli effetti negativi della meditazione, cercò di fare ricerche scientifiche per spiegare ciò che stava ascoltando - e non è riuscita. "Ho iniziato a chiedere in modo informale agli insegnanti i tipi di problemi e le risposte che avevano visto e incontrato", dice.

Quando si rese conto che le reazioni negative alla meditazione erano prevalenti, Britton decise di studiarla formalmente. "Era chiaro che molte persone conoscevano questi potenziali effetti e non ne stavano davvero parlando."

Crede che uno dei motivi per cui il lato più oscuro della meditazione sia essere, beh, tenuto all'oscuro è finanziario. "La consapevolezza è un'industria da molti miliardi di dollari", dice. "Uno degli insegnanti che ho intervistato per la mia ricerca in realtà ha detto:" Questa non è una buona pubblicità "".

Inoltre, dice Britton, molte persone provano molta vergogna per le esperienze negative di meditazione, il che testimonia la pubblicità eccessiva che la meditazione fa bene a tutto. Si dice spesso che "se hai problemi a meditare, allora sei un super perdente perché è la cosa migliore in assoluto", dice. 

Quando la meditazione diventa angosciante

Quando cala l'oscurità, Britton ha deciso di indagare sulle esperienze legate alla meditazione, in particolare quelle che sono state descritte come impegnative, difficili, angoscianti, funzionalmente compromesse o che richiedono ulteriore supporto. Il suo studio, pubblicato sulla rivista Public Library of Science One la scorsa primavera, ha esaminato quasi 100 interviste con insegnanti di meditazione, esperti e praticanti di pratiche buddiste occidentali, tra cui Theravada, Zen e tradizioni tibetane, molti dei quali hanno riferito esperienze di meditazione impegnative.

La maggioranza (88%) dei meditatori nello studio ha riferito che queste esperienze hanno avuto un impatto sulle loro vite oltre le loro sessioni di meditazione. Un enorme 73% ha indicato una compromissione da moderata a grave (la meditazione ha provocato una reazione o un risultato che ha impedito loro di vivere la loro normale vita quotidiana), il 17% ha riferito di sentirsi suicida e un altro 17% ha richiesto il ricovero ospedaliero per psicosi.

Vedi anche  Guida alla meditazione per principianti

Sebbene chiunque possa sperimentare un effetto negativo della meditazione, i sopravvissuti al trauma possono essere particolarmente sensibili, afferma Kress. "La prima ragione è che i sopravvissuti a un trauma di solito evitano ricordi angoscianti o sentimenti associati al trauma e la meditazione spesso implica il protendersi verso le nostre esperienze interne, che includono pensieri e sensazioni difficili", dice. La seconda ragione è che il trauma può suscitare sentimenti di vergogna "che possono rendere difficile l'accesso all'auto-compassione", dice. “A volte durante la meditazione, è la prima volta che a qualcuno viene chiesto di dirigere sentimenti d'amore verso se stessi. Questa può essere una cosa molto difficile da fare e può portare a sentirsi emotivamente sopraffatti ".

Questo tipo di inclinazione verso emozioni difficili può far emergere cose difficili per chiunque, non solo per i sopravvissuti al trauma, dice Britton. Ad aumentare la complessità è che è difficile prevedere chi potrebbe subire una risposta negativa. Lo studio di Britton ha identificato più di 50 tipi di esperienze negative, il che significa che la vasta gamma e la portata di ciò che può emergere può rendere difficile per insegnanti e professionisti sapere cosa è normale, così come quando qualcuno potrebbe aver bisogno di ulteriore supporto durante o dopo la meditazione.

Come trovare il supporto di cui hai bisogno

Uno dei principali obiettivi di Treleaven nello scrivere Trauma-Sensitive Mindfulness era fornire agli insegnanti e ai professionisti alcune impalcature di base per capire cosa cercare in modo che fossero meglio attrezzati per offrire modifiche a una pratica di meditazione. Kress dice che ci sono una manciata di segnali importanti che gli insegnanti devono cercare che indicano che uno studente di meditazione potrebbe avere una reazione traumatica. Quelli comuni includono pianto prolungato, che può essere silenzioso ma incontrollabile; fiato corto; tremito; pugni chiusi; pelle che diventa rossa o pallida; e sudorazione eccessiva.

"Dare alle persone che hanno subito un trauma un senso di scelta è molto importante", afferma Kress. “Ciò significa che possono scegliere quando, come e dove vogliono rivolgersi al dolore e quando vogliono allontanarsi da esso. Faccio sapere alle persone che se vogliono lasciare gli occhi aperti, va bene, o se hanno bisogno di fare una pausa, va bene anche quello. " Britton aggiunge che questo tipo di modifiche è importante che gli insegnanti sappiano e offrano - per aiutare a coprire la disconnessione che esiste tra i praticanti a cui viene detto che la meditazione può essere utilizzata per ragioni di salute mentale e le risposte negative che possono sperimentare.

“Le persone si aspettano che la meditazione sia come un trattamento per la salute mentale, ma le persone che gestiscono la maggior parte delle lezioni non sono tipicamente addestrate alla salute mentale. Questo è qualcosa che noi, come campo, dobbiamo capire ", dice Britton, aggiungendo che la maggior parte delle persone non sa quali tipi di pratiche trarranno beneficio da quali disturbi o obiettivi.

Ad esempio, qualcuno che cerca di utilizzare la meditazione per alleviare lo stress correlato al lavoro probabilmente vorrebbe perseguire un tipo di pratica molto diverso rispetto a qualcuno che sta affrontando un trauma residuo da un'aggressione sessuale.

A tal fine, la Brown University ha recentemente aperto un Mindfulness Center, per aiutare a capire come funzionano effettivamente gli effetti riportati della consapevolezza sulla salute. Un grande obiettivo del centro è la difesa dei consumatori e aiutare le persone interessate alla meditazione a trovare il giusto tipo di programma.

Vedi anche  7 meditazioni per i problemi di relazione che abbiamo avuto tutti

Ma anche se la meditazione potrebbe non essere sempre piacevole, ciò non significa che non dovresti meditare, dice Kress. "Anche i meditatori esperti possono avere un'esperienza meditativa negativa e avranno bisogno di trovare risorse al di fuori della meditazione per elaborare tutto ciò che si presenta in modo sano e curativo", dice. Per alcune persone, una meditazione guidata di 10 minuti su un'app è perfetta; per altri, l'apprendimento delle abilità di meditazione e consapevolezza con un terapista è più appropriato.

Man mano che continuano a sorgere versioni più diluite e tangenziali della meditazione, è importante che i praticanti, specialmente i principianti, ricordino che la pratica ha una lunga storia in cui gli studenti hanno imparato da un insegnante, un maestro di meditazione altamente qualificato che ha fornito una guida. Nella sua forma più pura, la meditazione era fondata su scopi religiosi, spirituali e filosofici, non solo come mezzo per trovare rilassamento e pace interiore.

"In questi giorni, spesso vogliamo solo sentirci meglio, ma non abbiamo la sensazione di ciò che stiamo cercando di ottenere", afferma Britton. “Inoltre, utilizziamo il termine 'consapevolezza' in ogni cosa. Spesso, le persone iniziano a meditare e non sono necessariamente chiare se la pratica che hanno scelto è davvero la migliore corrispondenza per l'obiettivo che hanno. "

Per Miller, questo è il tipo di consiglio cautelativo che potrebbe averla aiutata a evitare di essere accecata dalla recrudescenza del suo trauma e del suo dolore. Potrebbe non averla risparmiata dalle emozioni che sono emerse, ma dice che sarebbe stata più preparata.

Tuttavia, è grata per il corso di meditazione, nonostante le cose difficili che ha ribollito. "Mi ci è voluto del tempo per fidarmi del processo", afferma Miller. "Ma quando l'ho fatto, è stata la sensazione del sorgere del sole, dove ho trovato questa calma."  

* Il nome è stato cambiato per motivi di privacy.

Raccomandato

Affrontare la rabbia attraverso la comprensione e il controllo
Lo yoga del denaro: porta la saggezza dal tappeto alle tue finanze
Lo yoga mi ha trasformato dopo l'amputazione